Salta al contenuto Salta al menu'

Beni architettonici

Villa la Vagnola

Villa la Vagnola

Comune: Castelnuovo Berardenga
Località: Ponte a Bozzone


La villa fu fatta edificare, a partire dal 1750, dal nobile cetonese Salustio Terrosi, in occasione delle sue nozze con Maria Antonietta Vagnoli. Il luogo, sul quale in precedenza sorgevano anguste casupole seicentesche, fu completamente bonificato e trasformato con imponenti opere di livellamento di terreno. Il parco, una collina di circa 15 ettari limitata da una cinta di viali di cipressi, comprende una ragnaia di lecci e di altre piante a foglia perenne, un giardino nella zona contigua all'edificio, oliveti e orti. Il sottosuolo è percorso da un sistema di gallerie artificiali, spesso ricoperte di stalattiti e stalagmiti e blocchi di travertino fatti prelevare dal Terrosi nelle numerose grotte del Monte Cetona. Altre strutture volute da Salustio e dai sui discendenti ornano il parco tra queste si annoverano: una tomba etrusca, risalente al VII secolo a.C., ricostruita dopo essere stata smontata e qui trasportata dal luogo di rinvenimento; un teatro di pietra con siepi usate come quinte per circa duecento persone; il Roccolo per la caccia; la "Casina turca" interamente affrescata secondo la moda dell'epoca.


This villa was built, from 1750 onwards by the Cetona-born nobleman Sallustio Terrosi, on the occasion of his marriage to Maria Antonietta Vagnoli. The site, formerly occupied by a collection of 17th-century hovels, was completely cleared and transformed by large-scale earthworks that created a much more even piece of land to build on. The park, on the other hand, is a 15-hectare hill bordered by a wall of cypress threes, and includes a ragnaia, or hunting wood, with holm-oaks and other perennials, a garden in the area adjoining the building, olive groves and kitchen gardens. Underground is a whole system of artificial tunnels, many of them with stalactites and stalagmites, and blocks of travertine hewn from the Mt. Cetona's many caves. The park is also full of other structures created by Sallustio and his descendants, inculding an Etruscan tomb dating back to the 7th century BC, reconstructed after being brought here from its original location; a two-hundred-seat stone theatre, with hedges for the stage backdrop and wings; bird-snaring nets; and the so-called casina turca, or Turkish house, completely frescoed in the fashionable style of the day.    


Ultima modifica: 27/05/2016 17:34:10 - Id: 11589390