Salta al contenuto Salta al menu'

Prodotti tipici

In Primo Piano

Olio extravergine della Toscana: le 23 eccellenze della Toscana

Selezione 2017 Sono 23 gli oli extravergini di oliva che rappresentano l'eccellenza in Toscana e che da oggi diventeranno ambasciatori della nostra produzione olearia nelle...

Corsi per assaggiatori di olio d'oliva

Procedure amministrative per il rilascio dell'autorizzazione per la realizzazione di corsi per assaggiatori di olio d'oliva (decreto 18 giugno 2014 del Ministro delle Politiche...

Elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini

Articolazione regionale toscana: come iscriversi   L'articolazione regionale toscana dell'elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini è...

Modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG

Riunione di pubblico accertamento per esaminare la proposta di modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG Chianti presentata dal Consorzio Vino Chianti.

La nuova OCM vitivinicola

Dal 1° gennaio 2016 le nuove regole per la gestione del potenziale viticolo   Con il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17...

Presentazione del Disciplinare del Marrone del Mugello IGP

Avviso di riunione di pubblico accertamento per per le modifiche al disciplinare di produzione del Marrone del Mugello IGP

Servizio fitosanitario: la nuova disciplina

Servizio fitosanitario: la nuova disciplina

Il tecnico fitosanitario sarà la sentinella sul territorio contro l’ingresso di insetti dannosi per le piante e di organismi geneticamente modificati. Convenzioni per supplire alla carenza di organici e precise modalità per gestire le emergenze. Sulla legge il gruppo Pdl si è astenuto
La Toscana potrà adesso contare su vere “sentinelle” per la difesa dei boschi, dell’agricoltura e dei vivai dall’ingresso sul territorio di insetti dannosi per le piante e di organismi geneticamente modificati. Sono i tecnici fitosanitari previsti dalla nuova legge di settore approvata dal Consiglio regionale. I consiglieri del gruppo PdL si sono astenuti.

Con la nuova disciplina il servizio fitosanitario regionale potrà stipulare convenzioni con enti locali, università, laboratori ed istituti di ricerca e potrà contare su precise modalità operative per gestire le emergenze ed impedire la diffusione di malattie pericolose.
E’ stato il presidente della commissione Agricoltura, Loris Rossetti (Pd) ad illustrare il testo, sottolineando che la normativa in vigore, approvata nel 2000, risulta ampiamente superate da direttive comunitarie, decreti legislativi e ministeriali approvati successivamente, sia rispetto alla tutela dagli organismi nocivi, sia rispetto ai requisiti professionali e strumentali per la produzione, il commercio e l’importazione dei vegetali. “Con la legge Finanziaria 2011 – ha ricordato Rossetti – le funzioni del servizio fitosanitario svolte e quelle per la fitopatologia sono state prese interamente in carico all’assessorato regionale”.
Il voto di astensione del gruppo PdL è stato motivato dal consigliere Claudio Marignani. A suo parere la legge fornisce una risposta solo parziale alle necessità della Toscana. “Nell’intesa in Conferenza Stato-Regioni dell’aprile 2010 si indicavano dotazioni del personale pari a 112 unità (76 ispettori, 25 tecnici, 11 amministrativi) – ha rilevato – Il servizio regionale avrà invece 40 ispettori e 10 tecnici. La stipula di convenzioni per adeguare l’organico non appare una risposta sufficiente”. Marignani ha ricordato che la nostra regione ha una superficie agricola senza pascoli di oltre 1 milione e 330 mila ettari, 3 punti di entrata (aeroporto di Pisa, porti di Livorno e Carrara), oltre 4000 aziende vivaistiche, con oltre 7000 certificati import/export emessi.
“E’ vero, l’organico previsto è di 112 persone, ma come facciamo con il blocco delle assunzioni?” ha replicato l’assessore all’agricoltura Gianni Salvadori, ricordando lo sforzo fatto, con corsi di formazione specifici, per permettere a dieci dipendenti di ottenere le certificazioni previste. L’assessore ha inoltre precisato che sono previste spese per 1 milione e 810 mila euro, di cui 600 mila in investimenti, a fronte di un finanziamento statale, per il solo primo anno, di 700 mila euro.

Ultima modifica: 14/11/2012 16:11:06 - Id: 68844
  • Condividi
  • Condividi