Salta al contenuto Salta al menu'

Por Fse 2014-2020, incentivi per assunzioni e voucher formativi

Fondo sociale europeo e fondi regionali

Por Fse 2014-2020, incentivi per assunzioni e voucher formativi

Approvato l'elenco dei soggetti ammessi. Sostegno per l'occupazione di donne disoccupate di almeno 30 anni, lavoratori licenziati, giovani laureati e dottori di ricerca, diversamente abili e soggetti svantaggiati. Bando rivolto a imprese e datori di lavoro: domande online entro il 30 dicembre per i voucher ed entro le ore 12:00 del 31 dicembre per i contributi alle assunzioni.

mercoledì, 15 luglio 2015 09:31
mercoledì, 30 dicembre 2015 23:59
Non specificato


La Regione Toscana, con decreto n. 2985 del 3 luglio 2015, ha approvato e pubblicato l'avviso pubblico per la concessione di incentivi alle imprese e/o ai datori di lavoro a sostegno dell'occupazione per l'anno 2015 con la finalità di mettere a disposizione di imprese e/o datori di lavoro privati contributi per l'assunzione di donne che hanno compiuto 30 anni, giovani laureati, giovani dottori di ircerca, lavoratori licenziati dall'1 gennaio 2008, soggetti prossimi alla pensione, persone con disabilità e soggetti svantaggiati (vittime di sfruttamento e tratta, rifugiati, profughi, ecc), nonché voucher formativi aziendali per lavoratori licenziati, persone con disabilità e soggetti svantaggiati. Previsti anche, per alcuni delle condizioni menzionate (laureati, lavoratori licenziati, ecc), incentivi per la trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato. Le risorse finanziarie a disposizione ammontano a 4.892.259 euro del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020 e 400.000 euro di fondi regionali.
E' prevista una riserva di 500.000 euro per ognuna delle tre aree di crisi individuate con la delibera di Giunta regionale n.199 del 2/03/2015: 1) Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto (polo siderurgico di Piombino) e Sassetta; 2) Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo; 3) Comuni della Provincia di Massa-Carrara.
Il bando dà seguito alle decisioni assunte dalla Giunta con  delibera di Giunta regionale n. 362 del 30 marzo 2015 e successive modifiche introdotte dalla delibera n. 645 del 18 maggio.

Vai agli Elenchi delle richieste di contributo: soggetti ammessi e soggetti non ammessi

Destinatari del bando. Il bando è rivolto alle imprese e /o i datori di lavoro privati con i seguenti requisiti:
1. hanno la sede legale, o unità operative destinatarie delle assunzioni ai fini dell'incentivo,
localizzate nel territorio della Regione Toscana;
2. sono in regola con la normativa sugli aiuti di Stato in regime " de minimis " (Regolamento
(CE) n.1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013);
3. sono in regola con l'applicazione del CCNL;
4. non si trovano in stato di fallimento, liquidazione coatta, liquidazione volontaria, concordato preventivo né avere in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni nei propri confronti;
5. sono in regola con gli adempimenti contributivi INPS e INAIL e con le contribuzioni agli Enti Paritetici ove espressamente previsto dai Contratti Collettivi Nazionali Interconfederali o di Categoria;
6. sono in regola con la normativa in materia di sicurezza del lavoro;
7. sono in regola con le assunzioni previste dalla legge n. 68/99 sul collocamento mirato ai disabili;
8. non hanno avuto procedure di licenziamento collettivo nei dodici mesi precedenti la data
dell'assunzione ai fini dell'incentivo (ai sensi dell'art. 4 e 24 della legge 223/91 e s.m);
9. incrementano, con la nuova assunzione a tempo indeterminato, l'organico dei lavoratori dell'impresa rispetto alla media del semestre precedente.

Possono presentare richiesta di incentivo per le assunzioni di giovani laureati e/o dottori di
ricerca soltanto le Pmi
(ai sensi della normativa comunitaria in vigore - Allegato I del Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione Europea), la cui attività primaria è ricompresa all'interno di una delle seguenti categorie Ateco 2007, ad esclusione di quelle ritenute inammissibili al regime "de minimis".
A - Agricoltura, silvicoltura e pesca
B - Estrazione di minerale da cave e miniere
C - Attività manifatturiere
D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
E - Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
F - Costruzioni
G - Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazioni di autoveicoli e motocicli
H - Trasporto e magazzinaggio
I - Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
J - Servizi di informazione e comunicazione
L - Attività immobiliari
M - Attività professionali, scientifiche e tecniche
N - Noleggio, agenzie di viaggio di viaggio, servizi di supporto alle imprese.

Scadenza e presentazione delle domande. Le richieste di incentivo vanno presentate esclusivamente online, e con firma del legale rappresentante dell'impresa e/o datore di lavoro, sulla piattaforma web di Sviluppo Toscana spa all'indirizzo internet https://sviluppo.toscana.it/bandi.. Le chiavi di accesso alla piattaforma web devono essere richieste dal legale rappresentante dell'impresa e/o il datore di lavoro (o il soggetto incaricato alla compilazione della domanda), sempre all'indirizzo citato.
Richiesta incentivo assunzioni: le domande possono essere trasmesse dalle ore 9 del 16 luglio fino alle ore 12:00 del 31 dicembre 2015.
Richiesta vooucher formativo: entro e non oltre il 30 dicembre 2015. La richiesta del voucher può essere inoltrata contestualmente alla richiesta di incentivo all'assunzione o successivamente. In questo ultimo caso, la richiesta dovrà essere inoltrata non oltre 30 giorni dalla conclusione delle attività formative e  l'impresa dovrà utilizzare la procedura "varianti" presente nella piattaforma, previo contatto telefonico o via mail con  Sviluppo Toscana spa.

Destinatari degli incentivi (tipologie di destinatari)

Destinatari degli incentivi alle assunzioni sono le persone con i requisiti di seguito indicati, posseduti al momento della sottoscrizione del contratto di lavoro con l'impresa e/o il datore di lavoro (indicato in breve la variabilità dell'incentivo, in dipendenza del tipo di contratto e sua durata):

a) donne disoccupate, che hanno compiuto il 30° anno di età, assunte a tempo indeterminato part - time. Lo stato di disoccupazione deve essere comprovato tramite iscrizione presso il competente Centro per l'Impiego delle Province della Toscana ai sensi della normativa vigente (decreto legislativo n. 181/2000; dpgr n. 7/2004).

b) giovani laureati e/o laureati con dottorato di ricerca, di età non superiore ai 35 anni (40 anni per gli appartenenti alle categorie di cui alla L.68/1999), assunti a tempo indeterminato , e/o a tempo determinato (con contratti di durata di almeno 12 mesi), con mansioni di elevata complessità tali da richiedere la qualificazione universitaria e con livello di inquadramento contrattuale adeguato rispetto a quanto stabil ito dal relativo CCNL di riferimento. Il parere circa la rispondenza del contratto e delle mansioni svolte dal laureato è demandato ad una Commissione costituita dalle Organizzazioni datoriali e Sindacali presenti in Tripartita. Le Parti datoriali che compongono la commissione suddetta sono quelle rappresentanti il settore cui afferisce l'impresa richiedente l'incentivo.
Per assunzione giovani laureati e/o dottori di ricerca, le trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato sono equiparate a nuove assunzioni a tempo indeterminato, cosa che non vale per tutte le altre tipologie di lavoratori qui elencate.

c) lavoratori licenziati a partire dal 1/01/2008 (ad eccezione dei licenziati per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo) assunti a tempo indeterminato e/o determinato  (con contratti di durata di almeno 6 mesi), e che si trovino in stato di disoccupazione. Lo stato di disoccupazione deve essere comprovato tramite iscrizione presso il competente Centro per l'Impiego delle Province della Toscana ai sensi della normativa in vigore (decreto legislativo n. 181/2000).

d) soggetti prossimi alla pensione cui manchino non più di 5 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico secondo la normativa vigente assunti a tempo indeterminato e soggetti prossimi alla pensione cui manchino non più di 3 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico assunti a tempo determinato. I soggetti prossimi alla pensione devono trovarsi in stato di disoccupazione, comprovato tramite iscrizione presso il competente Centro per l'Impiego delle Province della Toscana ai sensi della normativa in vigore (decreto legislativo n. 181/2000), o in situazione di mobilità non indennizzata e comunque non percettori di ammortizzatori sociali.

e) persone con disabilità assunte a tempo indeterminato e/o con contratti di lavoro subordinato a termine (della durata di almeno 6 mesi) e che siano iscritte ai centri per l'impiego delle Province della Toscana negli appositi elenchi del collocamento mirato, di cui all'art. 8 della legge n. 68/199 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili";

f) soggetti svantaggiati e gli altri soggetti indicati all'art. 17 ter comma 8 legge regionale 26 luglio 2002, n.32 "Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro" assunti a tempo indeterminato e/o con contratti di lavoro subordinato a termine (della durata di almeno 6 mesi):
1. i soggetti svantaggiati di cui all'articolo 4, comma 1, della legge 8 novembre 1991,
n.381 "Disciplina delle cooperative sociali"

2. le persone inserite nei programmi di assistenza e integrazione sociale a favore delle vittime di tratta e grave sfruttamento previsti dall'articolo 13 della "legge 11 agosto 2003, n.228 (Misure contro la tratta di persone", e dall'articolo 18 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n.286 "Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero" (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero);
3. i richiedenti protezione internazionale e i titolari di status di "rifugiato" o di "protezione sussidiaria" di cui all'articolo 2, lettere e) e g), del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n.25 "Attuazione della direttiva 2005/85/CE recante norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di rifugiato"
4. titolari di permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari, di cui all'articolo 5, comma 6, del D.Lgs. 286/1998 e all'articolo 32, comma 3, del decreto legislativo n. 25/2008;
5. i profughi di cui alla legge 26 dicembre 1981, n.763 "Normativa organica per i profughi"

Stato di disoccupazione dei soggetti svantaggiati: deve essere comprovato tramite iscrizione
presso il competente Centro per l'Impiego delle Province della Toscana ai sensi della normativa
in vigore (decreto legislativo n. 181/2000 "Disposizioni per agevolare l'incontro fra domanda ed offerta di lavoro, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, lettera a), della legge 17 maggio 1999, n. 144".

Destinatari dei voucher sono:
- i lavoratori licenziati a partire dal 1/01/2008. Voucher del valore max di 3.000 euro,
- le persone con disabilità e i soggetti svantaggiati. Voucher del valore max di 5.000 euro

Tipo di incentivi
1. incentivi all'assunzione e ulteriori incentivi in caso di trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indetereminato
2. voucher formativo, destinato ai "lavoratori licenziati a partire dal 1/01/2008" (voucher del valore max di 3.000 euro), persone con disabilità e soggetti svantaggiati (voucher del valore max di 5.000 euro).
Tali incentivi sono concessi nel rispetto della normativa comunitaria in regime "de minimis".
La misura dell'incentivi, che varia in base all'incentivo tipologia di destinatari scelti dall'impresa o dal datore di lavoro, e al tipo di contratto attivato, è stabilita agli articoli 6.1 (iincentivi all'assunzione) e 6.2 (Voucher formativi) del testo integrale del bando:

  •  per le donne che hanno compiuto 30 anni disoccupate:
    euro 3.000
    per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato part-time.
  •  per i giovani laureati:

- euro 6.000 per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato full-time;
- euro 3.000 per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato part-time;
- euro 3.000 per ogni assunzione con contratto a tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi;
- euro 2.000 per ogni assunzione con contratto a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi.
Nel caso in cui il contratto di lavoro a tempo determinato della durata di 12 mesi incentivato venga trasformato a tempo indeterminato l'impresa potrà inoltrare ulteriore domanda di contributo per richiedere:
- euro 3.000  per ogni contratto di lavoro a tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi trasformato a tempo indeterminato full-time;
- euro 1.000  per ogni contratto di lavoro a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi trasformato a tempo indeterminato part-time;
- euro 4.000  per ogni contratto di lavoro a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi trasformato a tempo indeterminato full-time.

  • per i dottori di ricerca:

- euro 6.500 per ogni assunzione a tempo indeterminato full-time;
- euro 3.250 per ogni assunzione a tempo indeterminato part-time;
- euro 3.250  per ogni assunzione a tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi;
- euro 2.200  per ogni assunzione a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi;
Nel caso in cui il contratto a tempo determinato della durata di 12 mesi venga trasformato a tempo indeterminato l'impresa potrà inoltrare ulteriore domanda di contributo per richiedere:
- euro 3.250 per ogni trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi a contratto di lavoro a tempo indeterminato full-time;
- euro 1.050  per ogni trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi a contratto di lavoro a tempo indeterminato part-time;
- euro 4.300  per ogni trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi a contratto di lavoro a tempo indeterminato full-time.

  • per i lavoratori licenziati:

- euro 8.000 per ogni assunzione a tempo indeterminato full-time;
- euro 4.000 per ogni assunzione a tempo indeterminato part-time;
- euro 4.000 per l'assunzione a tempo determinato full-time con durata minima del contratto di almeno 6 mesi;
- euro 2.000 per l'assunzione a tempo determinato part- time con durata minima del contratto di almeno 6 mesi.

Nel caso in cui il contratto a tempo determinato venga trasformato a tempo indeterminato, l'impresa potrà richiedere:
- euro 4.000 per ogni trasformazione da tempo determinato full-time a tempo
indeterminato full time;
- euro 2.000 per ogni trasformazione da tempo determinato part-time a tempo
indeterminato part time;
- euro 6.000 per ogni trasformazione da tempo determinato part-time a tempo indeterminato full time.
- un voucher formativo aziendale per qualificare o riqualificare le persone assunte, fino ad un
importo massimo erogabile pari ad euro 3.000.

  • per le persone con disabilità e i soggetti svantaggiati:

- euro 10.000 per ogni assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato fulltime;
- euro 5.000 per ogni assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato parttime;
- euro 4.000 per l'assunzione con contratto di lavoro subordinato a termine full-time con durata minima del contratto di almeno 6 mesi;
- euro 2.000  per l'assunzione con contratto di lavoro subordinato a termine part time con durata minima del contratto di almeno 6 mesi.

Nel caso in cui il contratto venga trasformato a tempo indeterminato, l'impresa potrà richiedere:
- euro 6.000 per ogni trasformazione da contratto di lavoro subordinato a termine
full time a contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato full time;
- euro 3.000 per ogni trasformazione da contratto di lavoro subordinato a termine part
time a contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato part time;
- euro 8.000 per ogni trasformazione da contratto di lavoro subordinato a termine
part time a contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato full time.

  • per soggetti prossimi alla pensione:

- euro 3.000 annui per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato di uomini
che siano a meno di 5 anni dalla pensione in stato di disoccupazione o mobilità non
indennizzata o comunque privi di ammortizzatori
sociali;
- euro 3.600 annui per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato di donne
che siano a meno di 5 anni dalla pensione in stato di disoccupazione o mobilità non
indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali;
- euro 3.000 per ogni assunzione con contratto a tempo determinato di uomini che
siano a meno di 3 anni dalla pensione, in stato di disoccupazione o mobilità non
indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali
- euro 3.600 annui per ogni assunzione con contratto a tempo determinato di donne che
siano a meno di 3 anni dalla pensione, in stato di disoccupazione o mobilità non indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali


Per conoscere tutti i dettagli necessari per presentare domanda consultare il testo integrale del bando.

Per saperne di più e per assistenza

  • Contatti per assistenza telefonica per la presentazione delle domande:

Telefono: 055 0935416 dalle 9.30 alle 13.00 nei giorni lunedì - mercoledì - venerdì
responsabile di Sviluppo Toscana Uo Gestione Por: dott.ssa Francesca Lorenzini
responsabile di Sviluppo Toscana Uo Controlli I livello e ex post Por: dott. Fabio Cherchi
responsabile di Sviluppo Toscana Uo Controlli Pagamenti Por: dott. Giuseppe Strafforello

Regione Toscana

Ultima modifica: 09/02/2016 18:29:51 - Id: 12727285
  • Condividi
  • Condividi