Salta al contenuto Salta al menu'

Guida incentivi

In Primo Piano

Tutti i bandi e altre opportunità offerte da Regione Toscana

Per consultare tutti i bandi e avvisi pubblici della Regione Toscana aperti, per finanziamenti, agevolazioni, e altre opprtunità (chiamate per manifestazioni di...

La nuova edizione della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese

L'edizione n. 2 anno X della Guida, aggiornata al 30 ottobre 2017 E' uscita l' edizione anno X n. 2 della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese a cura...

Pacchetto innovazione: Fondo nazionale innovazione, registrazione marchi, valorizzazione brevetti

Imprese, incentivi del Minisetro dello Sviluppo economico

Pacchetto innovazione: Fondo nazionale innovazione, registrazione marchi, valorizzazione brevetti


Fanno parte del "Pacchetto Innovazione" tre strumenti:

Fondo nazionale Innovazione

Finalità
Il Fondo Nazionale per l'Innovazione (FNI) è uno strumento rivolto alle micro, piccole e medie imprese per consentire loro di accedere a risorse finanziarie per l'innovazione, sotto forma di partecipazione al capitale di rischio o di finanziamenti agevolati in assenza di garanzie.
Gli interventi del FNI sono attuati attraverso la compartecipazione delle risorse pubbliche in operazioni progettate, cofinanziate e gestite da intermediari finanziari, società di gestione del risparmio e banche.

Scadenza. La domanda può essere presentata in qualunque momento.

Linee di attività. Il Fondo Nazionale Innovazione prevede due linee di attività.
- linea di attività 1) Partecipazione al capitale di rischio in società di capitale per progetti di valorizzazione economica di brevetti
Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha costituito fondo mobiliare chiuso denominato IPGEST, per partecipare al capitale di rischio di micro, piccole e medie aziende25 che realizzano programmi di investimento finalizzati alla valorizzazione economica di un brevetto.
Destinatari
Micro, piccole e medie aziende costituite sotto forma di società di capitali ubicate nel territorio nazionale che operano in un qualsiasi settore di attività economica ad eccezione del settore carboniero.
Fondo e dotazione
Il fondo mobiliare IPGEST ha una dotazione finanziaria di 40,9 milioni di euro, ed è partecipato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla società INNOGEST SGR S.p.A26, alla quale è stata affidata la gestione del fondo e ad essa le imprese dovranno rivolgersi.
Progetti ammissibili
L'attività di investimento del Fondo in ciascuna impresa deve essere diretta a sostenere la realizzazione di un progetto di valorizzazione economica dei brevetti.
L'impresa target può essere tanto titolare del brevetto sul quale è incentrato il progetto, tanto licenziataria del medesimo.
Risorse finanziarie per singola impresa e modalità d'intervento
Innogest sgr spa acquisisce quote di partecipazione delle MPMI (azioni o quote di capitale), sia di maggioranza che di minoranza, o con strumenti di semiequity (finanziamenti correlati, in misura più o meno ampia, ai risultati economici dell'impresa finanziata).
Le tranches di investimento per ciascuna impresa beneficiaria non possono superare €1,5milioni su un periodo di 12 mesi.
La durata complessiva dell'investimento dipende dalla strategia di uscita applicata dal soggetto intermediario selezionato per la gestione dell'operazione finanziaria, ma non può superare i 10 anni.
Info su "Capitale di rischio" su www.sviluppoeconomico.gov.it
 

- linea di attività 2) Finanziamenti di debito (attività creditizia) per progetti di valorizzazione economica di brevetti e disegni e modelli industriali
Nell'ambito della linea dedicata all'attività creditizia il Ministero dello Sviluppo Economico emanò nel 2011 un avviso per individuare uno o più intermediari finanziari autorizzati allo svolgimento dell'attività creditizia, i quali rendono disponibili strumenti finanziari alle imprese per la realizzazione di portafogli di finanziamenti da erogare a piccole e medie imprese a fronte di progetti basati sull'utilizzo economico di brevetti e disegni e modelli.
Destinatari
Micro, piccole e medie imprese ubicate nel territorio nazionale che operano in un qualsiasi settore di attività economica ad eccezione del settore della produzione primaria, della pesca, dell'acquacoltura e del settore carboniero. Le imprese possono accedere al finanziamento anche in forma congiunta, attraverso la definizione di un "Contratto di rete". In tal caso è necessario che il "Programma di rete" preveda esplicitamente la finalizzazione all'utilizzo economico di uno o più brevetti e/o disegni/modelli.
Banche intermediare selezionate
per la linea "brevetti": Deutsche Bank, Mediocredito Italiano, Unicredit
per la linea "disegni e modelli": Mediocredito Italiano, Unicredit
La domanda di finanziamento è presentata alla banca, che ne valuta la redditività sotto il profilo tecnico del brevetto/disegno/modello, quindi è valutato il merito creditizio della PMI. Se le valutazioni sono positive, la domanda di finanziamento è ammessa, il tasso stabilito, se supera un certo rating, può essere a condizioni più favorevoli di quelle di mercato.
Risorse finanziarie per singola impresa e modalità di intervento
L'ammontare del finanziamento potrà raggiungere il 100% dell'investimento ritenuto ammissibile, fino ad un massimo di €3.000.000,00. La durata del finanziamento comprensiva di preammortamento, è compresa tra 36 e 120 mesi.
Progetti ammissibili
Il progetto di valorizzazione di uno o più brevetti per invenzione industriale o disegni/modelli finalizzati a introdurre sul mercato nuovi prodotti/ servizi o ad aumentarne il contenuto innovativo
Tali progetti devono riguardare investimenti in attivi materiali e immateriali, quali ad esempio: creazione di un nuovo stabilimento; estensione di uno stabilimento esistente; diversificazione della produzione di uno stabilimento, anche mediante prodotti nuovi aggiuntivi; trasformazione fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente costi dei servizi di consulenza prestati da consulenti esterni, a condizione che non abbiano natura continuativa o periodica e, pertanto, non siano riferibili agli ordinari costi di gestione dell'impresa connessi ad attività regolari; l'intensità di aiuto non superi il 50% dei costi ammissibili.
L'impresa può essere tanto titolare del brevetto o del disegno/modello sul quale è incentrato il progetto, tanto licenziataria del medesimo.
Nel caso di Contratti di rete è sufficiente che una delle imprese aderenti presenti tale requisito.
Requisiti dei brevetti, dei disegni e dei modleli
Il brevetto di invenzione deve avere validità in Italia. Qualora non sia stato ancora concesso, è sufficiente che sia stata presentata una domanda di brevetto.
Il disegno o modello deve essere stato registrato e avere validità in Italia.
Contatti
Nelle tabelle, per ciascuna sub-linea (brevetti e disegni/modelli), gli avvisi pubblici emanati e i riferimenti informativi.
- sub linea Brevetti
Deutsche Bank  800-123712 - fondoinnovazione.brevetti@db.com
Mediocredito Italiano 800-530701 - nova@mediocreditoitaliano.com
Unicredit S.p.A. 800-178051 - softloansinnovazione-Italia@unicredit.eu
- sub linea Disegni e modelli
Intesa San Paolo S.p.A. -  800-530701 -  nova@mediocreditoitaliano.com
Unicredit S.p.A.  800-178051- softloansinnovazione-Italia@unicredit.eu
Per apprfondire
- Brochure del Mise www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/documenti/Brochure-pacchetto-innovazioneBV.pdf
- www.uibm.gov.it

Registrazione marchi comuinitari e internazionali

Finalità Promuovere l'utilizzo dei diritti di proprietà industriale, agevolare la registrazione di marchi comunitari e internazionali.

Destinatari PMI con sede legale e operativa in Italia.

Tipo di agevolazione: contributo a fondo perduto.

Scadenza. La domanda può essere presentata in qualunque momento fino ad esaurimento delle risorse.

Attività ammessibili
Il programma prevede due linee di intervento:
Misura A): Agevolazioni per l'acquisto di servizi specialistici finalizzati a favorire la registrazione dei marchi comunitari presso UAMI (Ufficio Armonizzazione Mercato Interno);
Misura B): Agevolazioni per l'acquisto di servizi specialistici finalizzati a favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale).
Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 15.000,00.

Spese ammissibili misura A e B. Progettazione del nuovo marchio (ideazione elemento verbale e progettazione elemento grafico); Ricerche di anteriorità e assistenza per il deposito; Assistenza per l'acquisizione del marchio depositato o registrato a livello nazionale; Assistenza per la concessione in licenza del marchio qualora esso, dopo il deposito della domanda sia stato concesso in licenza in uno o più Paesi dell'Unione Europea/nei Paesi designati per l'estensione; Tasse di deposito presso UAMI/OMPI.
Ai fini dell'ammissibilità le spese devono essere sostenute nel periodo compreso tra la data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI) del comunicato relativo al presente Bando e la data di presentazione della domanda di agevolazione.

Entità dell'agevolaizone Misura A): agevolazione pari all'80% delle spese sostenute, fino alla somma massima di €4.000,00 per ciascuna domanda di marchio depositata, con un massimale di € 15.000,00 per impresa – in favore delle imprese che abbiano depositato, successivamente alla pubblicazione del bando, domanda di registrazione di un marchio comunitario presso l'UAMI;

Entità dell'agevolazione Misura B): agevolazione pari all'80% delle spese sostenute, fino ad un massimo di €4.000,00 (€5.000,00 con agevolazione pari all'90% se è designata la Cina o la Russia) per ciascuna domanda di marchio depositata presso OMPI che designi un solo Paese, e di € 6.000,00 (€ 7.000,00 con agevolazione pari all'90% se è designata la Cina o la Russia) se designati sono due o più Paesi – in favore delle imprese che abbiano depositato, successivamente alla pubblicazione del bando, la domanda di registrazione internazionale in uno o più Paesi tramite procedura OMPI.

Contatti. Il bando è consultabile all'indirizzo www.progetto-tpi.it.
Informazioni presso il gestore Unioncamere, infoimprese@progetto-tpi.it - telefono 06.42.01.09.59.

Responsabile del procedimento
Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione – UIBM.

Valorizzazione economica dei brevetti

Finalità Il contributo è finalizzato all'acquisto di servizi specialistici funzionali all'implementazione della brevettazione.

Destinatari. Micro, piccole e medie imprese che si trovino in almeno una delle seguenti condizioni: siano titolari di uno o più brevetti; abbiano depositato una o più domande di brevetto che presentino il rapporto di ricerca con esito non negativo (in caso di deposito nazionale all'UIBM), la richiesta di esame sostanziale all'EPO (in caso di deposito per brevetto europeo), la richiesta di esame sostanziale al WIPO (in caso di deposito per brevetto internazionale PCT); siano in possesso di una opzione di uso o di un accordo preliminare di acquisto o di acquisizione in licenza di uno o più brevetti, con soggetti titolari anche esteri.

Tipo di agevolazione. Contributo a fondo perduto. Regime de minimis.

Scadenza. La domanda può essere presentata in qualsiasi momento, fino ad esaurimento delle risorse.

Attività ammissibili
A titolo esemplificativo i servizi agevolabili possono riguardare: Industrializzazione e ingegnerizzazione: progettazione, servizi funzionali alla prototipazione, ingegnerizzazione, test di produzione, certificazione di prodotti e processi; Organizzazione e sviluppo: progettazione, IT governance, studi e analisi per il lancio di nuovi prodotti e sviluppo di nuovi mercati; Trasferimento tecnologico: proof of concept, due diligence tecnologica, predisposizione degli accordi di cessione in licenza del brevetto, predisposizione di accordi di segretezza.
Non sono ammessi alle agevolazioni i servizi specialistici acquistati, anche parzialmente, prima della presentazione della domanda. L'impresa può presentare una domanda di contributo relativa anche a più brevetti purché siano tra loro collegati (grappolo di brevetti) e riconducibili ad un'unica strategia aziendale.

Entità dell'agevolazione
Il contributo è pari al massimo all'80% dei costi ammissibili nel limite di € 70.000,00.

Prsentazione delle domande
La domanda avviene tramite la compilazione di un format on line, disponibile su www.invitalia.it, al termine della quale viene rilasciato un protocollo elettronico. Entro 30 giorni dall'assegnazione del protocollo elettronico deve essere inviato il progetto ad Invitalia S.p.A, a mezzo di raccomandata postale con avviso di ricevimento o tramite brevettiplus@pec.invitalia.it.

Per approfondire www.invitalia.it

Contatti L'avviso, l'accesso online, le FAQ e altro: telefono 06.47.055.800
info@invitalia.it,  contactcenteruibm@sviluppoeconomico.gov.it
 


Ultima modifica: 28/11/2014 14:03:58 - Id: 12104399
  • Condividi
  • Condividi