Salta al contenuto Salta al menu'

Inquinamento

In Primo Piano

Campagna informativa "Aria di Toscana"

L'aria è amica se è pulita, recita lo slogan della campagna informativa finanziata dal POR-FSE, che invita cittadini, enti e aziende a comportamenti consapevoli per il benessere di tutti.

Piano regionale per la qualità dell'aria

Il 18 Luglio 2018 con delibera consiliare n. 72/2018 , il Consiglio regionale della Toscana ha approvato il Piano regionale per la qualità dell'aria ambiente (PRQA ). Il...

Situazione materiale particolato fine PM10

Bollettino sui livelli di criticità e inquinamento da materiale particolato fine PM10, e raccomandazioni e divieti in caso di segnalata criticità

Inquinamento acustico

L'inquinamento acustico costituisce uno dei principali problemi ambientali

Inquinamento atmosferico

Tra i vari tipi di inquinamento, quello atmosferico rappresenta la principale causa di incremento di mortalità e di malattie.

Inquinamento elettromagnetico

La maggiore fonte di inquinamento a bassa frequenza sono gli elettrodotti; per quanto riguarda le alte frequenze gli impianti di radiocomunicazione.

Limiti normativi di esposizione - Alte frequenze (100 KHz - 300 MHz)

Limiti normativi di esposizione - Alte frequenze (100 KHz - 300 MHz)

I limiti vigenti di esposizione ai campi elettromagnetici sono quelli stabiliti dal DPCM 08/07/2003 "Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione, degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 Ghz." come integrato dalle disposizione dell'art 14 comma 8 del D.L. 179/2012 "ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese".

Il DPCM fissa tre diverse tipologie di soglie di valori del campo elettromagnettico da non superare: i limiti di esposizione, i valori di attenzione, gli obiettivi di qualità.

I limiti esposizione proteggono dagli accertati effetti acuti dei campi elettromagnetici (effetti termici) i quali si differenziano in base alla frequenza dei campi elettromagnetici. I limiti variano quindi in relazione alle tre bande di frequenza nelle quali il DPCM suddivide l'intervallo 100 kHz-300GHz. Nell'intervallo 3 MHz-3GHz che comprende la grande maggioranza delle sorgenti di inquinamento (compresi gli impianti di radiodiffusione e per la telefonia cellulare), il limite di esposizione per il campo elettrico è di 20 V/m. Esso non deve essere superato in tutte le aree accessibili alla popolazione ed è inteso come media dei valori ("valore efficace") nell'intervallo di 6 minuti.

Per la protezione dai possibili effetti a lungo termine eventualmente connessi con le esposizioni ai campi, sono fissati i valori di attenzione e gli obiettivi di qualità, entrambi posti paria 6 V/m nell'intero intervallo di frequenze. I valori di attenzione devono essere rispettati in corrispondenza di edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere (ad esempio abitazioni e luoghi di lavoro). Gli obiettivi di qualità devono essere rispettati presso le aree "intensamente frequentate", edificate o attrezzate permanentemente per il soddisfacimento di bisogni sociali, sanitari e ricreativi.
I valori di attenzione e degli obiettivi di qualità, si intendono come media dei valori nell'arco delle 24 ore.


Ultima modifica: 07/10/2013 11:52:57 - Id: 5854804
  • Condividi
  • Condividi