Salta al contenuto Salta al menu'

Inquinamento

In Primo Piano

Piano regionale per la qualità dell'aria

Il 20 novembre 2017 con la proposta di deliberazione al Consiglio regionale n. 14, la Giunta regionale ha inviato al Consiglio regionale la proposta di Piano regionale per la...

Situazione materiale particolato fine PM10

Bollettino sui livelli di criticità e inquinamento da materiale particolato fine PM10, e raccomandazioni e divieti in caso di segnalata criticità

Radioattività ambientale

Nell'ambiente sono presenti radiazioni ionizzanti, sia di origine naturale che di origine artificiale, alle quali l'uomo è continuamente esposto

Inquinamento acustico

L'inquinamento acustico costituisce uno dei principali problemi ambientali

Inquinamento atmosferico

Tra i vari tipi di inquinamento, quello atmosferico rappresenta la principale causa di incremento di mortalità e di malattie.

Inquinamento elettromagnetico

La maggiore fonte di inquinamento a bassa frequenza sono gli elettrodotti; per quanto riguarda le alte frequenze gli impianti di radiocomunicazione.

Limiti normativi di esposizione - Alte frequenze (100 KHz - 300 MHz)

Limiti normativi di esposizione - Alte frequenze (100 KHz - 300 MHz)

I limiti vigenti di esposizione ai campi elettromagnetici sono quelli stabiliti dal DPCM 08/07/2003 "Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione, degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 Ghz." come integrato dalle disposizione dell'art 14 comma 8 del D.L. 179/2012 "ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese".

Il DPCM fissa tre diverse tipologie di soglie di valori del campo elettromagnettico da non superare: i limiti di esposizione, i valori di attenzione, gli obiettivi di qualità.

I limiti esposizione proteggono dagli accertati effetti acuti dei campi elettromagnetici (effetti termici) i quali si differenziano in base alla frequenza dei campi elettromagnetici. I limiti variano quindi in relazione alle tre bande di frequenza nelle quali il DPCM suddivide l'intervallo 100 kHz-300GHz. Nell'intervallo 3 MHz-3GHz che comprende la grande maggioranza delle sorgenti di inquinamento (compresi gli impianti di radiodiffusione e per la telefonia cellulare), il limite di esposizione per il campo elettrico è di 20 V/m. Esso non deve essere superato in tutte le aree accessibili alla popolazione ed è inteso come media dei valori ("valore efficace") nell'intervallo di 6 minuti.

Per la protezione dai possibili effetti a lungo termine eventualmente connessi con le esposizioni ai campi, sono fissati i valori di attenzione e gli obiettivi di qualità, entrambi posti paria 6 V/m nell'intero intervallo di frequenze. I valori di attenzione devono essere rispettati in corrispondenza di edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere (ad esempio abitazioni e luoghi di lavoro). Gli obiettivi di qualità devono essere rispettati presso le aree "intensamente frequentate", edificate o attrezzate permanentemente per il soddisfacimento di bisogni sociali, sanitari e ricreativi.
I valori di attenzione e degli obiettivi di qualità, si intendono come media dei valori nell'arco delle 24 ore.


Ultima modifica: 07/10/2013 11:52:57 - Id: 5854804
  • Condividi
  • Condividi