Salta al contenuto Salta al menu'

Formazione professionale e lavoro

Formazione professionale e lavoro

La formazione professionale è materia che rientra nella competenza legislativa esclusiva delle regioni (art. 117 comma 4 Costituzione). La Regione Toscana, con la legge regionale 32/2002, ha attribuito la competenza amministrativa alle Province. Con la riforma degli enti locali attuata a livello nazionale con la legge 56/2014, la Regione ha riassunto la competenza amministrativa e normativa, sulla formazione professionale e l'orientamento con l'approvazione della legge regionale 22/2015, riformata con legge regionale 70/2015.

Tale riassunzione ha come effetto che la Regione, da una funzione fondamentalmente legata alla programmazione e al coordinamento, passa a svolgere anche funzioni prettamente gestionali e di controllo.

Dal primo gennaio, dunque, con la riassunzione della piena competenza sulla formazione, la Regione si farà carico:

  • dell'indirizzo
  • della programmazione
  • dell'intera gestione
  • del rapporto immediato con l'utenza

Tre settori allocati presso il Centro Direzionale di Firenze avranno competenze di programmazione e coordinamento.

I settori allocati sul territorio si occuperanno, ciascuno per l'intero territorio regionale di gestire e rendicontare su specifiche linee di intervento.
Sono previsti i seguenti uffici territoriali:
PratoFirenze Arezzo - Massa Carrara Lucca Pistoia - Pisa - Grosseto Siena - Livorno

Il modello attuato risponde all'esigenza di lasciare la programmazione al centro affidando la gestione ai territori.

Fa eccezione la funzione di controllo: per garantire efficienza al sistema si prevede che i controlli in loco siano attribuiti a ciascun settore territoriale in relazione alle attività che vi si svolgono, mentre una funzione di coordinamento attribuita ad un settore unico garantirà uniformità delle procedure e delle attività ispettive.

Dal primo gennaio dipenderanno dalla Regione anche i centri per l'impiego provinciali, che continueranno a rimanere aperti nelle dieci province, in tutti i territori in cui sono attivi oggi. L'obiettivo è che anche il personale dei centri per l'impiego diventi regionale, con un passaggio diretto, per qualificare ulteriormente i servizi per il lavoro e unificare su tutto il territorio le forme di sostegno ai lavoratori e a chi cerca lavoro. Questo, tuttavia, sarà possibile solo alla conclusione del dibattito sulla riforma costituzionale e a seguito dell'autonomia speciale che la Toscana resta decisa a richiedere. I lavoratori a tempo indeterminato e determinato delle Province saranno assegnati temporaneamente alla Regione, con l'auspicio che al termine del periodo transitorio vi possa essere il passaggio completo e stabile di competenze e dipendenti; per i lavoratori impiegati nelle società esterne che hanno i servizi in affidamento o che dipendono dalle società in house, la Regione ha già trasferito alle Province le risorse per le proroghe dei contratti.

 

Nuove strutture

  • Settore Formazione continua, territoriale e individuale
    Responsabile Guido Cruschelli
  • Settore Gestione istruzione e formazione professionale, aprrendistato e formazione individuale
    Respondabile Enrico Graffia
     
  • Settore Gestione formazione strategica e istruzione e formazione tecnica superiore
    Responsabile Cristiana Bruni
     
  • Settore Gestione tirocini e formazione riconosciuta
    Responsabile Stefano Nicolai
  • Settore Servizi per il lavoro di Arezzo, Firenze e Prato
    Responsabile Paolo Grasso
     
  • Settore Servizi per il lavoro di Massa Carrara, Lucca e Pistoia
    Responsabile Marina Babboni
     
  • Settore Servizi per il lavoro di Pisa e Siena
    Responsabile Simonetta Cannoni
     
  • Settore Servizi per il lavoro di Grosseto e Livorno
    Responsabile Laura Pippi

 

Contatti
Direttore Paolo Baldi
Via Pico della Mirandola,  22/24 - 50132 FIRENZE
Telefono: 0554384066
direzione.istruzioneformazione@regione.toscana.it

 torna alla pagina Nuova Regione ►►


Ultima modifica: 31/12/2015 14:02:53 - Id: 13056774