Salta al contenuto Salta al menu'

Zootecnia

In Primo Piano

Contributi per miglioramento dei pascoli

Con il presente intervento la Regione Toscana migliora la competitività delle aziende zootecniche toscane e la qualità ambientale attraverso il sostegno a investimenti finalizzati a favorire la...

Aiuti per l'acquisto di riproduttori

Con il presente intervento la Regione Toscana sostiene la competitività delle aziende zootecniche toscane attraverso il sostegno al miglioramento genetico degli allevamenti, nello specifico...

Aiuti per le "sentinelle" blu tongue

Emanato il decreto per il sostegno in regime “de minimis” per le “sentinelle” blu tongue. Le domande dal 4 aprile al 14 giugno sul sistema ARTEA con ID 331

Aiuti per lo smaltimento carcasse

Emanato il decreto per il sostegno allo smaltimento carcasse di capi morti in azienda nelle annualità 2017 e 2018. Le domande dal 4 aprile al 20 maggio sul sistema ARTEA con ID 332

Interventi per 2 milioni di euro per il rilancio del settore zootecnico con particolare riguardo al comparto ovicaprino da latte

La Giunta regionale con la delibera n. 93 del 28/01/2019 ha approvato una serie di interventi per il rilancio del settore zootecnico, con priorità per il comparto ovicaprino da latte, assegnando a...

Le regole per la riproduzione animale

Online l'aggiornamento 2019 delle stazioni di monta equina naturale e delle stazioni d'inseminazione artificiale equina operanti sul territorio regionale. La normativa di...

Zootecnia, indennizzi per danni da predazione nel dicembre 2016

Zootecnia, indennizzi per danni da predazione nel dicembre 2016

Domande entro il 31 gennaio, sul sito di Artea

mercoledì, 09 gennaio 2019 09:12
giovedì, 31 gennaio 2019 23:59
Non specificato

 

La Regione Toscana, con decreto dirigenziale n. 20803 del 19 dicembre 2018 (pubblicato sul Burt del 9 gennaio 2019 n. 2 parte II) ha approvato il bando per "Indennizzi alle aziende zootecniche che hanno subito danni da predazione nel mese di dicembre 2016", nell'ambito dell'applicazione del Reg. CE 1408/2013. (aiuti in regime de minimis nel settore agricolo) .
Al richiedente può essere concesso un indennizzo con importo massimo complessivo di 15 mila euro nell'arco di tre annualità (regime de minimis). L'indennizzo   è   concesso   sia   per   danni   diretti   (rimborso   del   capo   predato)   che   indiretti   o   indotti (relativi ai capi predati e al comparto zootecnico generale dell'azienda).


Destinatari del bando. Possono fare richiesta gli imprenditori agricoli con allevamento zootecnico posto nel territorio regionale che abbiano subito un evento predatorio, certificato da veterinario ASL, nel periodo compreso tra il 1 dicembre e il 31 dicembre 2016, che hanno causato la morte o il ferimento grave di uno o più capi allevati, ed è subordinato all'applicazione di almeno una misura di prevenzione, in caso di primo evento l'allevatore deve dichiarare che adotterà adeguate misure di prevenzione.

Tipo di agevolazione. Si tratta di un indennizzo concesso:

  • per danni diretti (rimborso dei capo predato o gravemente ferito destinato a morte);
  • per danni indiretti  o indotti sui capi predati (rimborso per la perdita di produzione di latte e di carne, nonchè di eventuali capi abortiti);
  • per danni indiretti o indotti sull'intera unità produttiva.


L'indennizzo   è   subordinato   all'applicazione   di   almeno   una   misura   di   prevenzione   da   parte   dei beneficiari.   Se   trattasi   di   un   primo   evento   l'allevatore   deve   dichiarare   che   adotterà   le   adeguate misure di prevenzione.
All' richiedente può essere concesso un indennizzo con importo massimo complessivo di 15 mila euro nell'arco di tre annualità (regime de minimis).

Scadenza e presentazione della domanda. La presentazione della domanda deve essere effettuata  sul sistema informativo di Artea utilizzando la specifica modulistica disponibile (istanza 20404) a partire dal 10 gennaio e fino al 31 gennaio 2019, con riferimento agli eventi predatori avvenuti nel periodo 1 dicembre 2016 - 31 dicembre 2016 ed è ammessa una sola domanda ad evento. Pertanto ogni allevatore deve presentare un numero di domande pari al numero di eventi predatori subiti e certificati. Le domande non sono soggette ad imposto di bollo.

Allegato alla domanda: alla domanda deve essere allegato copia del certificato veterinario attestante:

  • azienda zootecnica
  • luogo e data dell'evento predatorio
  • numero e tipologia dei capi morti
  • numero e tipologia dei capi gravemente feriti destinati a morte
  • che la morte o il grave ferimento degli animali è conseguenza di un attacco predatorio.


Per tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda di indennizzo, consultare integralmente il testo del bando e i suoi allegati:


ALF

Regione Toscana

Ultima modifica: 31/01/2019 14:19:02 - Id: 15993900
  • Condividi
  • Condividi