Salta al contenuto Salta al menu'

Inquinamento

In Primo Piano

Piano regionale per la qualità dell'aria

Avvio del procedimento ai sensi dell’articolo 17 della l.r. 65/2014

Gli inquinamenti fisici

Accanto all'inquinamento dell'aria, dell'acqua e del suolo, esistono altre forme di alterazione dell'ambiente causate da alcuni agenti fisici che possono comportare forme di...

Radioattività ambientale

Nell'ambiente sono presenti radiazioni ionizzanti, sia di origine naturale che di origine artificiale, alle quali l'uomo è continuamente esposto. Le radiazioni ionizzanti, che...

Inquinamento acustico

L'inquinamento acustico costituisce uno dei principali problemi ambientali: si stima che ben un quinto dei cittadini dell'Unione Europea sia esposto a livelli di rumore...

Inquinamento atmosferico

Tra i vari tipi di inquinamento, quello atmosferico rappresenta la principale causa di incremento di mortalità e di malattie. Come risulta dal rapporto ISTAT 2016 sulla...

Inquinamento elettromagnetico

Sulla Terra è da sempre presente un fondo elettromagnetico naturale al quale con il progresso tecnologico si sono aggiunte le onde elettromagnetiche prodotte da impianti di...

Progetto LIFE Re Mida

Progetto LIFE Re Mida

Il progetto LIFE Re Mida, è un sistema innovativo per la biofiltrazione dei gas di discarica residuali che renderà questo trattamento più pulito e più economico.

Il progetto è finanziato dalla Commissione europea e ideato dal dipartimento di Ingegneria industriale dell'Università di Firenze (capofila) e vede il partenariato di Regione Toscana, il Centro Servizi Ambiente Impianti S.p.A (che tocca così il terzo progetto di ricerca finanziato dal programma LIFE in collaborazione con l'ateneo toscano) e Sienambiente.

La Regione ha riconfermato che si occuperà di divulgare, comunicare favorire la partecipazione a gruppi di lavoro, realizzare il sito Web per la diffusione dei risultati del progetto, e di redigere le linee guida regionali oltre a presentare la proposta di approfondimento della normativa comunitaria che potrebbe incidere su una positiva modifica della normativa nazionale e comunitaria.

Per adesso  tale normativa prescrive come unica forma di trattamento del gas di discarica la combustione, non fornendo indicazioni in merito al problema del trattamento del gas di discarica a basso contenuto di metano, quello che si presenta al temine dell'attività di gestione delle discariche. In quei casi il contenuto di metano nel biogas diventa inferiore al 22-25% perdendo le caratteristiche di combustibile e quindi la combustione diviene non più praticabile se non con uno spillamento di gas naturale.

Una pratica che porta ad un incremento tariffario della gestione post-mortem delle discariche esaurite e ad un consumo ingiustificato di una risorsa primaria.

Re Mida invece prevede la realizzazione, gestione e monitoraggio di sistemi di biofiltrazione dei gas di discarica residuali con materiali biologicamente attivi. La biofiltrazione, come sistema "naturale" di ossidazione del metano, porterebbe ad un contenimento dei costi di postgestione mantenedo un'adeguata tutela ambientale.


Ultima modifica: 21/10/2016 11:11:30 - Id: 13776500
  • Condividi
  • Condividi