Salta al contenuto Salta al menu'

Inquinamento

In Primo Piano

Piano regionale per la qualità dell'aria

Al via le consultazioni sulla proposta di piano per migliorare l'aria che respiriamo.

Situazione ozono

Bollettino sui livelli di criticità e inquinamento da ozono, e raccomandazioni in caso di segnalata criticità

Radioattività ambientale

Nell'ambiente sono presenti radiazioni ionizzanti, sia di origine naturale che di origine artificiale, alle quali l'uomo è continuamente esposto

Inquinamento acustico

L'inquinamento acustico costituisce uno dei principali problemi ambientali

Inquinamento atmosferico

Tra i vari tipi di inquinamento, quello atmosferico rappresenta la principale causa di incremento di mortalità e di malattie.

Inquinamento elettromagnetico

La maggiore fonte di inquinamento a bassa frequenza sono gli elettrodotti; per quanto riguarda le alte frequenze gli impianti di radiocomunicazione.

Pcca - piani comunali di classificazione acustica

Pcca - piani comunali di classificazione acustica

Il Piano Comunale di Classificazione Acustica (PCCA), è uno strumento importante di pianificazione territoriale. Attraverso il PCCA il Comune suddivide il proprio territorio in zone acusticamente omogenee a ciascuna delle quali corrispondono precisi limiti da rispettare e obiettivi di qualità da perseguire. Pertanto il Comune col PCCA fissa gli obiettivi di uno sviluppo sostenibile del territorio nel rispetto della compatibilità acustica delle diverse previsioni di destinazione d'uso dello stesso e, nel contempo, individua le eventuali criticità e i necessari interventi di bonifica per sanare le situazioni esistenti.

Nelle Tabelle, è riportato il numero dei comuni, suddivisi per provincia, che alla data di Maggio 2015 hanno adottato e/o approvato il PCCA, inoltre è riportata la percentuale di popolazione e di territorio zonizzati (vedi tabelle stato Pcca).

È opportuno ricordare che dal 1 gennaio 2014 la Regione Toscana ha definito con leggi regionali l'istituzione di 8 nuovi Comuni per fusione di 16 comuni esistenti, il che ha portato ad avere non più 287 Comuni ma 279. Di questi come si vede nelle Tabelle sottostanti 274 hanno provveduto ad approvare il PCCA in via definitiva mentre altri 5 hanno avviato la procedura di approvazione.

Casi particolari sono:

  •  Il Comune di Castelfranco Piandiscò, nato dalla fusione dei Comuni di Castelfranco di Sopra e Piandiscò, che si trova ad avere il territorio del vecchio Comune di Piandiscò con PCCA approvato e il territorio del vecchio Comune di Castelfranco di sopra con PCCAsolamente adottato. In base a quanto stabilito dall'articolo 5, comma 1 della L.R. n. 70 del 22/11/2013 di istituzione del nuovo Comune i piani approvati restano in vigore fino all'entrata in vigore dei corrispondenti atti del nuovo comune.
  •  Il Comune di Sillano Giuncugnano che, come nel caso precedente, è nato dalla fusione del Comune di Sillano con PCCA adottato con il Comune di Giuncugnano con PCCA approvato.

 

Tabelle

Comuni con zonizzazione adottata L.R. 89/98 % popolazione e territorio

Provincia

N. comuni

pop. Com.

% su prov.

Sup. com.

% su prov.

Siena

1

6.468

3

216

6

Prato

0

0

0

0

0

Pistoia

1

707

0

31

3

Pisa

0

0

0

0

0

Massa-Carrara

0

0

0

0

0

Lucca

1*

1.322

0

81

5

Livorno

0

0

1

56

5

Grosseto

0

0

0

0

0

Firenze

0

0

0

0

0

Arezzo

1*

8.172

3

56

2

Totale regionale

4

16.669

0

384

2

 

* nuovi comuni di: Castelfranco Piandiscò e Sillano Giuncugnano.

 

Comuni con zonizzazione approvata L.R. 89/98 % popolazione e territorio

Provincia

N. comuni

pop. com.

% su prov.

sup. com.

% su prov.

Siena

35

240.974

97

3.608

94

Prato

7

225.672

100

366

100

Pistoia

21

267.473

99

935

97

Pisa

37

381.119

100

2.447

100

Massa-Carrara

17

197.411

100

1.158

100

Lucca

32

362.791

99

1.694

97

Livorno

20

316.757

100

1.219

100

Grosseto

28

209.295

100

4.506

100

Firenze

42

927.835

100

3.575

100

Arezzo

36

314.839

97

3.175

98

Totale regionale

275

3.444.166

99

22.683

98

 

Il Settore regionale con il supporto tecnico di ARPAT e del LaMMa ha dato l'avvio al "Progetto per l'informatizzazione dei piani comunali di classificazione acustica e dei piani comunali di
risanamento acustico" in applicazione delle disposizioni in materia di inquinamento acustico del Piano Regionale di Azione Ambientale 2004-2006, confermate dal Piano successivo 2007-2010, dove sono stati individuati proprio come obiettivi prioritari della programmazione di Settore "la disponibilità di una base conoscitiva per la messa in atto delle politiche regionali di risanamento acustico".

Gli elaborati prodotti nell'ambito del processo di informatizzazione devono essere integrati nel SIRA (ARPAT) e nel SITA (Regione) di cui agli art. 28 e 29 della legge regionale 03/01/2005, n. 1
"Norme per il governo del territorio", in modo da creare un patrimonio conoscitivo generalizzato. Tali dati fanno parte del Catasto regionale dell'inquinamento acustico di cui all'articolo 3 bis della L.R. 89/98 e s.m.i. e come tali sono resi disponibili agli enti e al pubblico in attuazione di quanto previsto dal d.lgs. 195/2005. La Regione infatti, deve tenere conto del fatto che, nell'ambito della costruenda rete SINAnet che prevede l'alimentazione del Sistema Informativo Nazionale dell'Ambiente a partire dai dati raccolti a livello regionale nel Sistema Informativo Regionale Ambientale (SIRA), sarà sempre più spesso chiamata a rendere disponibili dati e indicatori, costruiti sulla base di appositi standard fissati a livello nazionale e/o comunitario.

Il risultato di quanto sopra è che ad oggi la Regione dispone della "mosaicatura" in formato elettronico di 271 piani di classificazione acustica tra cui tutti quelli dei comuni capoluogo di provincia e dei comuni con più di 30.000 abitanti. I piani inizialmente trasmessi dai comuni alla regione, sono stati rielaborati e resi compatibili con lo standard fissato dal SGR. Il mosaico completo è collocato sia presso il Sira che presso il Geoscopio della rete regionale al fine del suo recepimento da parte delle singole Amministrazioni comunali interessate (alle quali è stato trasmesso ufficialmente dal Settore regionale competente) e la sua consultazione da parte di del pubblico.

I dati cartografici relativi sono scaricabili dalla Cartoteca Toscana all'indirizzo: http://www502.regione.toscana.it/geoscopio/cartoteca.html


Ultima modifica: 28/05/2015 12:14:26 - Id: 48601
  • Condividi
  • Condividi