Salta al contenuto Salta al menu'

Emergenza Livorno, contributi alle Associazioni senza attività lucrativa

Interventi post alluvione 9-10 settembre 2017

Emergenza Livorno, contributi alle Associazioni senza attività lucrativa

Bando rivolto a soggetti privati diversi dalle persone fisiche non esercenti attività d'impresa se non in via accessoria e strumentale. Contributi per immobili, beni strumentali e impianti funzionali all'attività, danneggiati dall'alluvione, fino a massimo 8 mila euro,. Domande fino al 31 gennaio 2018

mercoledì, 27 dicembre 2017 08:40
mercoledì, 31 gennaio 2018 23:59
Non specificato

 

La Regione Toscana con decreto dirigenziale n.18770 del 20/12/2017 ha approvato il bando per l'erogazione di contributi previsti dall'art. 3 bis della legge regionale n. 53/2017 "Interventi indifferibili ed urgenti per fronteggiare le conseguenze degli eccezionali eventi meteorologici dei giorni 9 e 10 settembre 2017 verificatisi nei territori dei Comuni di Livorno, di Rosignano Marittimo e Collesalvetti".
Il bando è pubblicato sul Burt del 27/12/2017.


Destinatari. Possono accedere al contributo solo i soggetti privati diversi dalle persone fisiche non esercenti attività d'impresa se non in via accessoria e strumentale, che abbiano subito i danni  dell'alluvione del 9-10 settembre 2017 nei comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo e che abbiano presentato la scheda B o C di ricognizione del danno entro il 16/10/2017.

Scadenza e presentazione domanda. La domanda, pena inammissibilità, deve essere presentata nella forma della dichiarazione sostitutiva secondo il modello di domanda (Allegato A) e sottoscritta dal legale rappresentante. Dovrà essere inviata per raccomandata A/R a Sviluppo Toscana Spa all'indirizzo: Via dei Pensieri, 56 - 57128 Livorno. La durata del bando è dal 28/12/2017 al 31/1/2018 e farà fede il timbro postale di invio della raccomandata.


Beni danneggiati per i quali è ammesso il contributo. I beni danneggiati per i quali è ammissibile il contributo sono:

  • gli immobili che costituiscono sede principale, secondaria, transitoria e che comunque risultano strumentali all'attività caratteristiche dei soggetti aventi diritto con esclusione degli immobili o porzioni di immobili realizzati in difformità alle disposizioni urbanistiche ed edilizie ove tale difformità comporti variazioni essenziali ai sensi della legge 28/2/1985 n. 47 e successive modifiche e integrazioni, salvo che sia intervenuta sanatoria;
  • le immobilizzazioni e i beni in genere utilizzati quali beni mobili di proprietà e in uso, strumentali e registrati, attrezzature, macchinari dai soggetti aventi diritto.
  • gli impianti funzionali all'immobile e all'attività.
     

Contributi. Il contributo forfettario è quantificato secondo i criteri approvati dalla Regione con delibera della Giunta regionale  n. 1455 del 19/12/2017.
Il limite massimo del contributo concedibile è pari a euro 8.000 euro.
Il contributo concesso sarà il minore tra il valore massimo sopra indicato e la stima del danno quantificato nella scheda B o C per il beni ammissibili a contributo.
Relativamente al danno ai beni mobili registrati, il contributo ammissibile sarà il minore tra il valore massimo del contributo e il costo di riparazione.
Nel caso di danno irreparabile il valore del bene è definito:
a) in riviste specializzate (quali Quattroruote et similia)
b) in apposita documentazione, rilasciata da soggetto competente, attestante il valore del medesimo da allegare alla domanda.

  • In ogni caso per il bene mobile registrato andato distrutto verrà comunque riconosciuto un contributo minimo di euro 4.000 euro

Il contributo si ritiene che debba essere inquadrato come "specificatamente erogato in segno di solidarietà e di aiuto, così da qualificarlo giuridicamente come parziale compensazione del danno non patrimoniale e del danno emergente, escluso espressamente da ogni forma di tassazione come chiarito dalla Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n.155/E del 27 maggio 2002".
 

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente le disposizioni del bando e i suoi allegati


Per saperne di più contattare
telefono 0586/1836919 - e mail: csa.associazioni@sviluppo.toscana.it


ALF

Regione Toscana

Ultima modifica: 25/07/2018 18:14:29 - Id: 15069770