Aggiornamento in:

Consigliera regionale di Parità

Competenze e funzioni. Contatti e modalità di intervento a sostegno delle pari opportunità sul lavoro
Condividi
 
 

Indirizzi e contatti

Maria Grazia Maestrelli - Consigliera effettiva
Giuditta Giunti - Consigliera supplente
Elisabetta Natali - Segreteria
Villa Poggi - via Alessandro Manzoni, 16
50121 Firenze
tel. 055 4382420
cell. 337 1678793
consiglieraparita@regione.toscana.it
pec consiglieraparitatoscana@postacert.toscana.it

La Consigliera riceve su appuntamento

___________________________________________________

___________________________________________________

Chi può rivolgersi alla Consigliera

La donna che ritenga di aver subìto

  • discriminazione nell'accesso al lavoro
  • discriminazione per accedere a corsi di formazione
  • discriminazione nello sviluppo della carriera
  • difficoltà a vivere serenamente la tua maternità e il lavoro
  • discriminazione nel livello di retribuzione
  • il licenziamento in quanto donna
  • molestie sul luogo di lavoro

Un Ente pubblico che

  • deve costituire il Comitato unico di garanzia - CUG
  • deve presentare il Piano di azioni positive in base all'art. 7 del D.Lgs. 198/06

Un'azienda che voglia

  • valorizzare la presenza femminile
  • accedere ai finanziamenti previsti dal D.Lgs. 198/06
  • presentare progetti sulla riorganizzazione aziendale e sulla flessibilità in base alla legge.53/00 - Disposizioni per il sostegno della maternita' e della paternita', per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città - e al Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità - Decreto legislativo 151/01

La Consigliera di Parità è una figura istituita a livello nazionale, regionale e provinciale dalla legge 125/91.
Il Codice delle Pari opportunità tra Uomo e Donna - decreto legislativo 198/2006 - ne ha potenziato i compiti.

La missione della Consigliera di parità è

  • favorire l'occupazione femminile
  • realizzare l'uguaglianza tra uomo e donna nel lavoro
  • controllare l'attivazione dei principi di pari opportunità e di non discriminazione sul lavoro

La Consigliera ha la possibilità di adire in via di urgenza al Giudice del Lavoro o al Tribunale Amministrativo Regionale per far cessare il comportamento pregiudizievole del datore di lavoro che abbia causato la discriminazione.
A lei ci si può rivolgere anche per accedere ai finanziamenti previsti dalla legge per le azioni positive e per presentare progetti di riorganizzazione aziendale che valorizzino le differenze.

Alla Consigliera possono rivolgersi tutte le donne che ritengono di aver subito discriminazioni nell'accesso al lavoro, nella retribuzione, nella possibilità di frequentare corsi di formazione professionale, in quella di fare carriera all'interno dell'azienda e quelle i cui diritti sono stati contrastati in caso di maternità o che sono state licenziate perché donne.
L'intervento è gratuito

torna su

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
08.11.2019
Article ID:
46408