Laboratorio diagnostica

Il Servizio Fitosanitario della Regione Toscana, è dotato di un proprio laboratorio ufficiale di diagnostica fitopatologica dove vengono effettuate analisi sui campioni prelevati dal personale del servizio o da altri soggetti autorizzati .

Presso il laboratorio si effettuano identificazione e diagnosi relative alla presenza di organismi nocivi delle piante (virus, batteri, funghi, fitoplasmi ed insetti) mediante analisi molecolari effettuate applicando protocolli diagnostici specifici, validati e pubblicati da riviste scientifiche di settore o da enti istituzionalmente preposti a ciò come la FAO o l’European and Mediterranean Plant Protection Organisation (EPPO).

Le procedure diagnostiche prevedono una prima fase di estrazione degli acidi nucleici (acido desossiribonucleico (DNA) o ribonucleico (RNA)) che compongono i genomi dei patogeni target. Lo stadio successivo all’estrazione è l’amplificazione genica degli acidi nucleici mediante tecniche di Real Time Polymerase Chain Reaction (rt-PCR o qPCR) e LAMP (Loop-mediated isothermal amplification).

In base ai risultati dei saggi analitici, il laboratorio rilascia un referto che conclude la procedura diagnostica segnalando la presenza o l’assenza di un determinato organismo nocivo..

Nel rapporto di prova, che il laboratorio produce sulla base del referto analitico, sono indicati tutti i dati salienti relativi al campione, al metodo analitico impiegato ed all'esito conseguito.

Il laboratorio svolge anche altre attività che sono:

  • lo sviluppo e la validazione di metodi diagnostici interni e/o ripresi dalla letteratura scientifica attraverso prove di blind panel/ottimizzazione/performance per i principali organismi nocivi delle piante;

  • la partecipazione a ring/proficiency test nazionali ed internazionali per la

validazione/armonizzazione di protocolli diagnostici per gli organismi nocivi da quarantena prioritari (Reg. 2019/1702) o rilevanti per l’Unione (Reg. 2016/2031 e successivo Reg. 2019/2072) nonché per tutti gli organismi nocivi soggetti a misure specifiche e di temuta introduzione per l’Unione Europea;

  • la pubblicazione di note divulgative e articoli scientifici in merito alla diagnostica fitopatologica in collaborazione con istituzioni scientifiche, Università e centri di ricerca nazionali e internazionali.

Nel corso del 2020 sono stati trattati ben 16.854 campioni per un numero totale di 38.730 analisi, comprese le verifiche di amplificabilità o prove di amplificabilità sugli estratti di acidi nucleici (DNA) o cDNA (RNA) per la valutazione della integrità e qualità degli acidi nucleici estratti. al fine delle analisi biomolecolari successive specifiche per i vari target (ON).

Per le analisi effettuate sono stati impiegati 179 protocolli e tecniche biomolecolari per la ricerca di ben 116 organismi nocivi diversi su campioni provenienti da 218 specie diverse vegetali.

Di seguito le sedi e i contatti dei laboratori:

Laboratorio di Pistoia

Referente: Dott. Domenico Rizzo (Responsabile della gestione dei laboratori del Servizio fitosanitario)

Indirizzo: Via Ciliegiole 99, 50100, Pistoia (PT).

Email: fitosanitario-laboratorio@regione.toscana.it

Laboratorio di Livorno

Referente: Dott. Antonio Aronadio

Indirizzo: Interporto Toscano " Amerigo Vespucci" Palazzina "Colombo", via Delle Colline - 57014 Località Guasticce

Email: fitosanitario-porto-li@regione.toscana.it

Laboratorio di Firenze

Rferente: Dott. Tommaso Bruscoli

Indirizzo: Via Alessandro Manzoni 16 (Villa Poggi) 50121 Firenze

Email: serviziofitosanitario@regione.toscana.it


Rapporti annuali delle attività svolte dal laboratorio

A partire dal 2017, al fine di tenere traccia e divulgare le proprie attività, il laboratorio realizza un rapporto annuale scaricabile:


Note divulgative

Si rendono disponibili brevi note divulgative redatte dal personale del laboratorio, che riguardano alcuni patogeni delle piante frequentemente riscontrati nell’ambito delle attività di analisi:

Condividi
Aggiornato al:
02.04.2021
Article ID:
13941941