Infrastrutture e mobilità
30 ottobre
16:16

Pendolari, Ceccarelli: "Dai forzisti del Mugello Val di Sieve parole in libertà"

FIRENZE - "E' davvero bislacca la ricostruzione dell'incontro con i pendolari del Mugello Val di Sieve fatta da esponenti locali di Forza Italia. Ma ha una sua utilità: serve a mettere bene in chiaro la differenza tra chi sceglie la via dell'impegno e del lavoro, come fa la Regione, e chi preferisce affidarsi alla propaganda, anche piuttosto sguaiata". L'assessore a trasporti e infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, replica così alle dichiarazioni di alcuni dirigenti forzisti mugellani.

"I pendolari – prosegue Ceccarelli – lo sanno, ma a Forza Italia lo ricordo volentieri: in Toscana siamo ancora a rimediare agli effetti dei disastrosi tagli al trasporto pubblico fatti dall'ultimo governo di Berlusconi. In questi anni la Regione ha agito in un confronto costante con gli utenti e le loro associazioni e con tutti gli amministratori interessati a affrontare in modo costruttivo i problemi, che sulle linee ferroviarie del Mugello e della Val di Sieve certo non mancano. Ma a questo – conclude l'assessore – noi abbiamo risposto ottenendo da Rfi e dal Ministero, grazie alla collaborazione dell'allora sottosegretario Nencini, circa 50 milioni per l'ammodernamento della linea e l'eliminazione dei passaggi a livello, e prevedendo con il nuovo contratto di servizio il rinnovamento dal 2021 del parco rotabile, a cominciare dai mezzi più vecchi, che circolano sulla linea della Valdisieve. Continueremo  a incalzare Rfi e Trenitalia, come di consueto, perché siamo i primi a voler risultati sempre migliori per questa e le altre linee toscane, lasciando volentieri Forza Italia a baloccarsi con le sue parole in libertà".