Progetto integrato di sviluppo dedicato alla semplificazione

Condividi

Ecco una sintesi degli interventi finora realizzati nell'ambito del Progetto integrato di sviluppo (PIS) dedicato alla Semplificazione all'interno del Programma regionale di sviluppo 2011-2015, quadro di riferimento per l'azione della Regione sul tema.

Le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC) come motore della semplificazione per cittadini e imprese
    
Tra gli interventi realizzati:

  1. Pagamento online dei tributi regionali e possibilità di conoscere la propria posizione debitoria attraverso la piattaforma IRIS.
  2. Scambio telematico di documenti digitali tra le Pubbliche amministrazioni della Toscana e tra le stesse PA e i privati attraverso la diffusione di servizi telematici per le funzioni di Protocollo (progetti Interpro e AP@CI).
  3. Erogazione per via telematica dei servizi amministrativi e dei dati regionali sui procedimenti che fanno capo allo Sportello Unico Attività Produttive e servizi (SUAP) attraverso la costituzione di una Piattaforma di Rete.


Misurazione e riduzione dei tempi burocratici e degli Oneri Amministrativi che gravano su cittadini e imprese (MOA)

Tra gli interventi realizzati si segnala l'analisi su 10 settori di pertinenza regionale:

  1. attività edilizia privata;
  2. acque minerali di sorgente e termali;
  3. attività estrattiva;
  4. valutazione impatto ambientale;
  5. strutture turistiche ricettive;
  6. scarichi idrici e servizio idrico integrato;
  7. somministrazione di alimenti e bevande;
  8. attività forestale;
  9. bandi comunitari in agricoltura;
  10. utilizzazione agronomica di acque reflue.

Ma prevenire è meglio che curare. E' in fase d'attuazione un'attività sistematica di MOA ex ante per prevenire la formazione di oneri burocratici prima che siano emanati i provvedimenti normativi, siano essi leggi o regolamenti attuativi.

Sono stati successivamente messi a punto e attuati due piani in materia di:

  • attività edilizia privata (oltre 66 milioni di euro di risparmi stimati);
  • acque minerali, di sorgente e termali.

In particolare:

  1. Presentazione di SCIA edilizia contestuale alla richiesta dei pareri e delle autorizzazioni preliminari (proposta recepita nella pdl n. 282/2013): risparmi per 6 milioni annui nel settore edilizia residenziale e 4,9 milioni nel settore edilizia produttiva.
  2. Adozione della modulistica unica nazionale (definita con il concorso della Regione Toscana) nell'ambito della standardizzazione e digitalizzazione delle procedure SUAP nel settore dell'edilizia produttiva, 10,5 milioni di risparmio annui.
  3. Modifica della l.r. 38/2004 in materia di acque minerali e termali e del regolamento di attuazione rivolta a semplificare le procedure per il rilascio del permesso di ricerca (-24% dei costi attuali) e della concessione di coltivazione (-28% dei costi attuali)  sulla base delle criticità emerse in sede MOA.
Aggiornato al:
13.03.2014
Article ID:
11557038