Modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG

Riunione di pubblico accertamento per esaminare la proposta di modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG Chianti presentata dal Consorzio Vino Chianti.

Condividi


Sono invitati a partecipare all'evento i produttori e gli operatori economici, gli enti territoriali, le organizzazioni professionali e di categoria, e tutti i soggetti interessati alla produzione dei vini Chianti.

Si informano i soggetti interessati che, in attuazione dell'articolo 7, comma 2 del decreto ministeriale 7 novembre 2012, in data 27 giugno 2016, alle ore 14,30 presso lo Starhotels Michelangelo Florence, Viale Fratelli Rosselli n. 2, 50123 Firenze, si terrà la riunione di pubblico accertamento concernente la proposta di modifica del disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata e garantita Chianti, indetta dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali d'intesa con la Regione Toscana e il Consorzio di tutela del vino Chianti.

Durante la riunione saranno esaminate le modifiche del disciplinare di produzione proposte dal Consorzio Vino Chianti, alla presenza di un rappresentante del Ministero, di un componente del Comitato Nazionale vini DOP ed IGP e di un rappresentante della Regione Toscana.

La principale modifica proposta dal Consorzio riguarda l'articolo 5, punto 1 e consiste nell'inserimento della delimitazione della zona di invecchiamento, imbottigliamento e affinamento dei vini a DOCG Chianti.

Un'altra proposta di modifica interessa l'articolo 4, punto 6 del disciplinare e prevede l'innalzamento da 11,00 a 11,50 % vol del titolo alcolometrico volumico minimo naturale delle uve atte alla produzione del vino a DOCG Chianti Rufina.

Gli enti territoriali e le organizzazioni professionali e di categoria sono invitati a dare la più ampia diffusione possibile dell'iniziativa.
 

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
06.12.2019