Tutela dei consumatori e degli utenti

Condividi

Obiettivi e finalità
La Regione promuove la tutela dei consumatori-utenti, attraverso: la realizzazione di attività di informazione ed educazione dei consumatori-utenti; il finanziamento di iniziative realizzate da associazioni dei consumatori riconosciute e rappresentative sul territorio; la valorizzazione dell’azione politica delle associazioni dei consumatori. Gli obiettivi sono quelli di migliorare la consapevolezza del consumatore per orientarlo verso il consumo sostenibile, aumentare i livelli di tutela, creare un sistema di educazione/informazione dei cittadini consumatori-utenti.

Sistema di governance
L’azione regionale ha un carattere trasversale e prevede il coinvolgimento dei vari portatori di interesse: le associazioni di consumatori, le organizzazioni economiche, le autorità di ambito, il sistema camerale, le Aziende USL, gli enti locali, i concessionari dei servizi pubblici locali, la Direzione scolastica regionale.
In particolare, la Regione valorizza l’azione politica delle associazioni dei consumatori e degli utenti attraverso il Comitato regionale consumatori utenti, un tavolo di rappresentanza istituito presso la Giunta regionale con funzioni consultive e propositive.

Strumenti (leggi e programmi regionali)
▪ LR 9/2008 – Norme in materia di tutela e difesa dei consumatori e degli utenti
▪ Piano di indirizzo per la tutela dei consumatori e degli utenti 2007-2009

Risorse attivate
(v. Tab Risorse attivate tutela dei consumatori e degli utenti)

I temi di rilievo

Sportelli Prontoconsumatore
Rappresentano dei punti di informazione ed assistenza in favore dei cittadini che così possono raggiungere più facilmente le Associazioni dei consumatori e degli utenti della Toscana. L’attività di informazione rappresenta la parte più significativa ed impegnativa della politica regionale sulla tutela dei consumatori. Nel 2010 gli sportelli accreditati sono complessivamente stati 90, con 202 sedi operative su tutto il territorio; dal primo gennaio 2009 a giugno 2010 sono state istruite più di 17 mila pratiche (di cui circa il 43% nell’ambito delle telecomunicazioni).

Infoconsumo
Attraverso il progetto Infoconsumo (nato nel 2009) la Regione svolge attività di informazione, formazione ed educazione dei consumatori utenti; la strategia di fondo è quella di mettere in rete i soggetti interessati e i flussi di informazione, sfruttando a pieno le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Il progetto ha registrato: la realizzazione di una piattaforma informatica; lo sviluppo dell’attività del sito www.giovaniconsumatori.it, che rappresenta lo strumento di comunicazione principale per la realizzazione e la diffusione dei lavori realizzati nelle scuole; la realizzazione di video informativi sulla diffusione dell’acqua del rubinetto e sugli sgravi fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici; la realizzazione di rubriche televisive.

Costo ambientale e sociale dei consumi
L’intento del progetto è di promuovere presso la popolazione toscana stili di vita volti al risparmio delle risorse, allo sviluppo sostenibile e al consumo consapevole. L’attività è stata completata nel 2010 con la distribuzione del materiale informativo relativo a: agenda della spesa, uso dell’acqua del rubinetto, pannolini lavabili, prodotti alla spina, Gruppi di acquisto solidale. Gli eventi più rilevanti promossi dalla Regione sono stati: La Toscana dei Consumatori-utenti (Lucca ottobre 2009), Terra Futura (Firenze, maggio 2010), Festambiente (Grosseto, agosto 2010), Dire & Fare (Firenze, novembre 2010). Complessivamente, in queste manifestazioni sono state consegnate oltre 10.000 copie di materiale informativo.

Prospettive per il futuro
Le azioni per la prossima legislatura si inseriscono in un contesto di continuità con quelle svolte nel precedente periodo, anche se, in questa nuova fase, l’obiettivo per la Regione è quello di effettuare un salto di qualità nella rappresentanza e nella tutela dei cittadini nel mercato dei servizi e in particolare nel mercato dei servizi pubblici locali.
Si punta a qualificare ulteriormente il ruolo del Comitato regionale consumatori Utenti; ad assicurare un ruolo delle rappresentanze dei consumatori utenti coerente con la normativa nazionale nella nuova disciplina dei servizi pubblici locali ed in linea con le esigenze dei mercati in evoluzione; a dare supporto tecnico agli sportelli “Prontoconsumatore” per garantire standard di assistenza di maggiore qualità su tutto il territorio regionale; a promuovere l’educazione al consumo nelle nuove generazioni; a costruire un sistema di tutela e informazione tale da garantire al cittadino, e in particolare alle fasce meno protette della popolazione, l’esercizio del diritto di scelta in modo consapevole, anche rispetto alle opportunità offerte dall’economia sostenibile e solidale.



Aggiornato al:
16.11.2011
Article ID:
118495