Tesserino venatorio digitale TosCaccia

Il tesserino digitale rappresenta una grande innovazione nella gestione e conoscenza da parte della Regione, in tempo reale, dell'entità dei prelievi su ciascuna specie. La Regione Toscana è la prima in Italia ad aver applicato questa nuova possibilità.

AVVISO
Condividi

Il tesserino digitale rappresenta una grande innovazione nella gestione e conoscenza da parte della Regione, in tempo reale, dell'entità dei prelievi su ciascuna specie. La Regione Toscana è la prima in Italia ad aver applicato questa nuova possibilità.

La App TosCaccia (scaricabile gratuitamente dagli store per dispositivi Android, iOS e Harmony) se utilizzata, sostituisce il Tesserino Venatorio Regionale cartaceo, per la annotazione delle giornate di caccia, delle aree utilizzate, dei capi abbattuti nonché per le procedure di registrazione della mobilità venatoria. L'utilizzo della app, come il tesserino regionale cartaceo, ha validità su tutto il territorio nazionale.

L'utilizzo di TosCaccia non è comunque obbligatorio.

In relazione a quanto indicato relativamente all’utilizzo della App TosCaccia (tesserino venatorio digitale) nel Calendario Venatorio regionale 2021/2022, approvato con Delibera di Giunta regionale  691/2021, e alla procedure per il rilascio/ritiro del tesserino venatorio e allegato giallo alla licenza di caccia, si fa presente quanto segue:

  1. i cacciatori che hanno utilizzato la App Toscaccia nella passata stagione venatoria 2020/2021 e non avevano ritirato ad agosto 2020 il tesserino cartaceo, possono continuare a utilizzare la App per la stagione venatoria 2021/2022, a partire dalla pre-apertura, senza la necessità di recarsi in Comune per ritirare il cartaceo;
  2. i cacciatori che hanno utilizzato la App Toscaccia nella passata stagione venatoria 2020/2021, ma che avevano ritirato ad agosto 2020 il tesserino cartaceo, non sono tenuti alla riconsegna dello stesso al Comune e conseguentemente possono continuare a utilizzare la App per la stagione venatoria 2021/2022, a partire dalla pre-apertura.
    Per “utilizzo” nella passata stagione venatoria si intende aver inserito
    tutte le annotazioni sulla App almeno a partire dal 01 ottobre 2020.
    Tali cacciatori non sono nemmeno tenuti al ritiro del tesserino venatorio cartaceo per la prossima stagione 2021/2022;
  3. i cacciatori che intendono iniziare ad utilizzare la App a partire dalla stagione venatoria 2021/2022, debbono scaricare la App ed effettuare la registrazione inserendo il proprio codice cacciatore e il codice fiscale. Non è necessario mettere il “numero del tesserino” o
    utilizzare il QR code presente sul tesserino cartaceo, quindi non è necessario ritirare presso il Comune il nuovo tesserino venatorio cartaceo.
    Tali cacciatori debbono comunque riconsegnare il tesserino venatorio della passata stagione 2020/2021 se lo hanno utilizzato i neo abilitati all’esercizio venatorio che intendono iniziare ad utilizzare la App a partire dalla stagione venatoria 2021/2022, dovranno andare nel Comune di Residenza per ricevere il codice cacciatore e l’allegato giallo, previa esibizione della licenza di caccia. Dovranno poi contattare il servizio di supporto per l’attivazione del tesserino digitale (http://supporto.toscaccia.it/supporto)
  4. i cacciatori che hanno ritirato il tesserino venatorio cartaceo per la stagione venatoria 2021/2022 hanno tempo fino al 12 ottobre 2021 per passare al tesserino venatorio digitale.  Possono registrarsi o tramite il QR code presente sul tesserino venatorio cartaceo o inserendo il proprio codice cacciatore e codice fiscale.
    Nel caso di tesserino non precompilato (in bianco) possono contattare il servizio di supporto per l’attivazione del tesserino digitale (http://supporto.toscaccia.it/supporto)

Chi utilizza l’App Tesserino, ai sensi dell articolo 61 della Legge regionae 3/94, deve comunque ritirare presso il Comune di residenza l’allegato giallo alla licenza di caccia a ogni rinnovo della stessa.
Il Comune dovrà riportare sul nuovo allegato giallo le annotazioni riportate sul vecchio allegato, e ottemperare a quanto previsto dall’articolo 61 della Legge regionale 3/94, per quanto di propria competenza. Non sarà necessario in questo caso recarsi quindi annualmente in Comune per aggiornare l’allegato giallo.


Per ogni altra informazione e specifica si rimanda al sito web dedicato:

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
02.09.2021
Article ID:
14698748