Risultati economici delle imprese: dati 2002, 2003, 2004, 2005 e 2006


La sezione "Risultati economici delle imprese" dell'Annuario statistico regionale 2008 presenta i dati sull'andamento delle condizioni economico-finanziarie delle società di capitale con fatturato superiore a € 500.000 con sede nella regione Toscana, in un arco temporale di cinque anni.
Il campione di imprese monitorate nel quinquennio è aperto, ossia il numero di aziende analizzate varia di anno in anno per via della natalità e mortalità dell'imprenditoria toscana.
I dati sono elaborati dallo specifico Osservatorio regionale di Unioncamere Toscana con la collaborazione e la supervisione scientifica del Dipartimento di Scienze aziendali dell'Università degli Studi di Firenze, adottando una metodologia di riclassificazione dei valori di stato patrimoniale e di conto economico delle società, di indicizzazione dello sviluppo, della redditività e dell'equilibrio finanziario della società, di elaborazione sviluppata per classe dimensionale, macrosettore (agricoltura, industria, servizi), classe dimensionale all'interno di ogni macrosettore, settore e classe dimensionale all'interno di ogni settore.

Tavole dei dati statistici scaricabili in file formato excel:
12.1 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane - anni 2002-2006
12.2 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane del macrosettore Agricoltura - anni 2002-2006
12.3 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane del macrosettore Industria - anni 2002-2006
12.4 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane del macrosettore Servizi - anni 2002-2006
12.5 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane con fatturato da 500mila a 2 milioni di Euro - anni 2002-2006
12.6 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane con fatturato da 2 a 5 milioni di Euro - anni 2002-2006
12.7 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane con fatturato da 5 a 10 milioni di Euro - anni 2002-2006
12.8 - Principali indicatori di bilancio delle società di capitale toscane con oltre 10 milioni di Euro di fatturato - anni 2002-2006
 

Metodologia dell'indagine statistica

Dal momento che il bilancio redatto ai sensi di legge non mette direttamente in luce i margini reddituali e patrimoniali utili alla comprensione dell'equilibrio economico-finanziario di un'impresa, i valori in esso contenuti devono essere riclassificati. Il modello adottato per la riclassificazione dei valori di stato patrimoniale e di conto economico è quello di «pertinenza gestionale», il quale distingue e raggruppa gli investimenti e i finanziamenti, i costi e i ricavi, in relazione alle varie aree di gestione che caratterizzano il funzionamento aziendale.
Sulla base dei dati riclassificati vengono elaborati indicatori che consentono di mettere in evidenza tre fondamentali condizioni delle realtà aziendali:
1. indici di sviluppo: esaminano il livello di crescita dimensionale dell'impresa e il grado di penetrazione sui mercati;
2. indici di redditività: analizzano la ricchezza generata dalla gestione operativa (redditività operativa) e messa a disposizione dei soci (redditività netta)
3. indici dell'equilibrio finanziario: mettono in luce la struttura finanziaria dell'impresa (solidità) e la sua capacità di servire i debiti contratti (liquidità).
I tre aspetti oggetto di analisi consentono di delineare le caratteristiche strutturali e di funzionamento delle imprese e verificare se e come queste cambiano nel tempo, identificando le cause principali di tali cambiamenti.

I dati di bilancio, una volta riclassificati, vengono elaborati articolando l'analisi su due piani:
1. regionale;
2. provinciale.

Con riferimento ad entrambi i livelli territoriali, l'elaborazione viene sviluppata per:
a. classe dimensionale;
b. macrosettore (agricoltura, industria, servizi);
c. classe dimensionale all'interno di ogni macrosettore;
d. settore;
e. classe dimensionale all'interno di ogni settore.
Ciascuno degli indicatori utilizzati per l'analisi viene calcolato come rapporto fra somme (RS), 1° quartile (Q1), mediana (Me), 3° quartile (Q3) e media aritmetica semplice (mean). Dal momento che le distribuzioni dei quozienti di bilancio risultano spesso notevolmente asimmetriche e presentano un'accentuata curtosi, la mediana è stata ritenuta la metrica più adeguata per il calcolo di indicatori in grado di sintetizzare correttamente gli andamenti economici settoriali.

Aggiornato al:
15.04.2013
Article ID:
564357