Premi annuali per conservazione risorse genetiche animali: il bando 2022

Psr Feasr 2014-2022, misura 10.1.4 "Conservazione di risorse genetiche animali per la salvaguardia della biodiversità, ovvero premi per l'allevamento di capi di razze locali a rischio di abbandono" del programma.


BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di scadenza presentazione domande

16 maggio 2022


In Toscana, la grande biodiversità di razze animali, alcune delle quali a rischio di estinzione, rappresenta un patrimonio ambientale e storico-culturale di singolare ricchezza che richiede specifiche azioni di tutela. Le razze animali attualmente a bassa consistenza numerica sono state nel tempo progressivamente abbandonate proprio a causa della loro bassa produttività che determinava e tuttora determina un minor reddito per l'allevatore. Per questo la Regione Toscana, con il bando "Conservazione di risorse genetiche animali per la salvaguardia della  biodiversità – annualità 2022" approvato con decreto dirigenziale 6123 del 4 aprile 2022, ed attuativo del tipo di operazione  10.1.4 del Programma di sviluppo rurale Feasr 2014-2022, punta ad erogare un premio a Unità di Bestiame Adulto (UBA) per il mantenimento di riproduttori appartenenti a razze autoctone minacciate dal rischio di abbandono. Con questo sostegno intende contribure a compensare, almeno parzialmente, il minor reddito dell'allevatorei reddito.

Finalità del bando

Il bando è finalizzato ad erogare un  premio  a  Unità  di  bestiame  adulto (Uba) per il mantenimento di riproduttori appartenenti a razze autoctone minacciate dal rischio di abbandono.
Le  razze  sostenute  dall’operazione  10.1.4 del Psr Feasr 2014-2022 sono autoctone  e  geneticamente  adattate  ai sistemi produttivi tradizionali e agli ambienti del territorio regionale poiché sono razze iscritte nel repertorio  regionale  di  cui  alla  legge regionale 64 del   16  novembre  2004 “Tutela  e  valorizzazione  del patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario, zootecnico e forestale.
 

Destinatari / Beneficiari del bando

I soggetti beneficiari del sostegno sono gli agricoltori ai sensi dell'art. 2135 del Codice Civile.
Sono esclusi dal sostegno gli imprenditori che hanno riportato sentenze definitive di condanna per violazione di normative in materia di lavoro.

Scadenza e presentazione delle domande

Ai fini della procedura istruttoria le domande si distinguono in domanda di aiuto e domanda di pagamento. La domanda di aiuto deve essere presentata entro il 16 maggio 2022 impiegando esclusivamente la procedura informatizzata, la modulistica disponibili sulla piattaforma gestionale dell'Anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da Artea e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.

La domanda deve essere sottoscritta e presentata secondo le modalità approvate con decreto 140/2015 del direttore di Artea:

I soggetti interessati sono tenuti a verificare la presenza del doc id 750 sull’anagrafe Artea, documento che certifica le consistenze dell’allevamento.

La domanda di pagamento è la richiesta annuale di erogazione del pagamento a seguito di ammissione della domanda di aiuto; deve essere presentata entro il 15 maggio di ogni anno successivo di impegno.
 

Razze ammesse ed entità dei premi

Razze

Premio (euro/UBA/anno)

Suina Cinta

200

Bovina Romagnola

200

Bovina Maremmana

300

Bovina Calvana

400

Bovina Pisana

400

Bovina Garfagnina

500

Bovina Pontremolese

600

Ovina Appenninica

200

Ovina Zerasca

300

Ovina Pomarancina

300

Ovina Pecora dell'Amiata

400

Ovina Garfagnina Bianca

400

Ovina Massese

200

Caprina Capra della Garfagnana

250

Caprina Capra di Montecristo

300

Equina Cavallo Maremmano

200

Equina Cavallo Appenninico

200

Equina Cavallo Monterufolino

400

Asinina Asino dell'Amiata

200

 


 

Impegno finanziabile
Il bando annualità 2022 prevede un impegno di due anni, eventualmente elevabile a tre in caso di disponibilità finanziaria nel rispetto dei termini previsti dal regolamento n. 2020/2220, a partire dal 16.05.2022.
L’impegno consiste nel mantenimento in purezza di riproduttori appartenenti a razze autoctone minacciate dal rischio di abbandono.

Altre condizioni di ammissibilità
I capi ammissibili a premio devono essere iscritti al rispettivo Libro Genealogico e devono ricadere nelle seguenti categorie e secondo la seguente tabella di conversione in UBA:

Categorie di capi ammissibili

Conversione capo - UBA

Bovini

Maschi interi e femmine > 24 mesi

1 UBA

Ovicaprini

Maschi e femmine > 6 mesi

0,15 UBA

Equidi

Maschi interi e femmine > 36 mesi

1 UBA

Suini

Scrofe e verri > 50kg

0,5 UBA



Il premio è concesso se la consistenza minima di stalla è pari a 1 UBA.

Dotazione finanziaria

Le risorse stanziate per l’annualità 2022 sono pari a euro 900.000,00, per un totale di euro 1.800.000,00 per il biennio di impegno.

I criteri di selezione

Una volta presentata la domanda di aiuto verrà stilata una graduatoria. I criteri utilizzati per l'assegnazione del punteggio sono:

Criterio

Specifiche

Razza a minor diffusione

L'elenco delle razze in ordine di consistenza numerica delle fattrici viene stabilito annualmente in base ai dati forniti dall'ARAT al 31/12 dell'anno precedente la domanda.

Minore importo della domanda

Si applica all'interno dell'elenco delle domande di una specifica razza per il quale le risorse finanziarie sono insufficienti.


Le domande che entreranno in graduatoria e che risulteranno ammissibili, verranno finanziate sulla base delle risorse a disposizione.


Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente

Per saperne di più compila e invia il form online >>> Scrivici

 

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
12.04.2022
Article ID:
107504760