Piano cittadinanza di genere 2012-2015

Obiettivi del Piano regionale per le politiche di genere 2012-2015 approvato a fine febbraio dal Consiglio regionale.
Condividi

Inserire l'ottica di genere in tutte le fasi di impostazione e programmazione delle politiche regionali, per contribuire a eliminare gli stereotipi di genere, rimuovere gli "svantaggi sistemici", costruire un sistema di azioni per la conciliazione vita-lavoro, sostenere l'imprenditorialità e le professionalità femminili, integrare le politiche per la cittadinanza di genere.
Questi gli obiettivi del Piano regionale per le politiche di genere 2012-2015 approvato a fine febbraio dal Consiglio regionale.

Il piano, previsto dalla legge regionale 16 del 2009 sulla "Cittadinanza di genere", rappresenta lo strumento di programmazione in tema di pari opportunità e politiche di genere e dà continuità alla precedente programmazione 2009-2010.

Gli obiettivi individuati dal piano sono coerenti con le disposizioni comunitarie che mirano ad aumentare il tasso di occupazione femminile e a raggiungere un'effettiva parità uomo-donna sui versanti sociale ed economico. Le risorse a disposizione ammontano a oltre 3 milioni e mezzo di euro fino al 2015, circa 900.000 euro per ogni anno.
 

 

Piano cittadinanza di genere 2009/10 »»»

 

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
29.12.2012
Article ID:
50887