Aggiornamento in: Lavoro Regione

La Regione in smart working

Le nostre prassi da condividere con altre PA

Condividi

L’emergenza sanitaria ha imposto un grande sforzo di riorganizzazione del lavoro in Regione Toscana. In pochi giorni, dopo aver individuato i servizi essenziali che esigono presenza nelle sedi, l’amministrazione ha consentito a migliaia di dipendenti di svolgere le prestazioni lavorative in forma agile (smart working), attraverso le modalità del telelavoro domiciliare.

Per quanto riguarda il lavoro in sede dei servizi essenziali sono state definite le procedure di sicurezza per gli uffici, è stato riorganizzato il servizio mensa, è stato attivato un avviso per le disponibilità alla sostituzione di colleghi e colleghe. Sono stati identificati canali di comunicazione dedicati ai dipendenti per supportali nel nuovo assetto organizzativo.

Le iniziative intraprese hanno garantito dal un lato la tutela della salute e dall'altro lato la continuità dell'azione amministrativa. L'Amministrazione regionale si propone come un’esperienza utile per le altre amministrazioni che intendessero proseguire nel garantire i servizi pubblici tutelando il proprio personale.

  • La Regione nell’emergenza: le disposizioni straordinarie per garantire il regolare funzionamento degli uffici ►►

  • Smart working: le disposizioni per il lavoro in forma agile ►►

  • Orari di lavoro: le modalità di lavoro ►►

  • Sicurezza: misure organizzative per prevenire il rischio di diffusione del virus ►►

  • Videoconferenze: a disposizione la rete del settore miniere  ►►

  • Appalti: gare in videoconferenze e stipule in modalità elettronica ►►

  • Indicazioni operative per lo svolgimento delle sedute di gara nel periodo di emergenza ►►

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
22.04.2020
Article ID:
24648138