Iniziative volte alla diffusione degli ideali di libertà, democrazia, pace, collaborazione e integrazione tra i popoli

BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di scadenza presentazione domande

31 gen 2020

È pubblicato sulla Parte III del BURT n. 52 del 24 dicembre 2019, il Decreto Dirigenziale n. 20776 del 16 dicembre 2019 inerente le modalità e i criteri per la presentazione delle richieste di contributo di cui all'art. 4 della Legge regionale n. 38/2002 (Norme in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell'antifascismo e della resistenza e di promozione di una cultura di libertà, democrazia, pace e collaborazione tra i popoli).

La Regione Toscana, in adesione ai principi costituzionali, promuove la conservazione e la valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell'antifascismo e della resistenza attraverso il sostegno alle attività e alle iniziative volte alla diffusione degli ideali di libertà, democrazia, pace, collaborazione e integrazione tra i popoli. In quest'ambito, promuove altresì interventi finalizzati alla ricerca, alla divulgazione e alla diffusione delle conoscenze allo scopo di salvare la memoria delle stragi nazifasciste in Toscana. 

Gli interventi di sostegno alle attività dedicate alle politiche della memoria, in attuazione della L.R. n. 38/2002, sono rivolti ai seguenti soggetti:

  • Istituti storici della Resistenza e dell'Età contemporanea toscani, associati all'Istituto nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la Storia della Resistenza e dell'età contemporanea; 
  • Fondazione Museo della Deportazione e Resistenza - Luoghi della Memoria Toscana; 
  • Federazione regionale toscana delle associazioni antifasciste e della Resistenza; 
  • altri enti, associazioni, fondazioni e comitati che perseguono statutariamente le finalità indicate all'art. 1 della L.R. n. 38/2002. 

I progetti sono valutati in riferimento ai seguenti criteri generali:

  • qualità culturale e/o artistica del progetto;
  • significatività e rilevanza del progetto in coerenza con le finalità indicate dai DEFR (Documento di Economia e Finanza Regionale) annuali e relative note di aggiornamento;
  • congruità dei costi del progetto in relazione alle attività di cui si compone.

I progetti presentati possono avere un importo massimo pari ad euro 5.000,00.
Il cofinanziamento regionale è pari all'80% del costo complessivo del progetto ammesso al finanziamento. I soggetti beneficiari del contributo devono cofinanziare il 20% del costo del progetto con risorse proprie e/o altre fonti di finanziamento. 
I finanziamenti regionali sono erogati fino ad esaurimento risorse disponibili.
Ciascun soggetto può presentare una sola domanda di contributo per un solo progetto. 

 Di seguito le specifiche approvate con Decreto dirigenziale n. 20776 del 16 dicembre 2019:

Contatti
Floriana Pagano - email: floriana.pagano@regione.toscana.it, telefono 055-4382049;
Claudia De Venuto - email: claudia.devenuto@regione.toscana.it, telefono 055-4382655. 
 

Aggiornato al:
08.01.2020
Article ID:
23764387