Aggiornamento in: Lavoro

Elenco qualificato di soggetti fornitori di coworking in Toscana

Condividi
Coworking

 

La Regione Toscana riconosce, tutela, agevola ed incentiva il coworking, forma di organizzazione del lavoro che in Italia, come in altri paesi, è una possibile risposta funzionale ai mutamenti del mercato del lavoro, soprattutto per i giovani. Per questo, in coerenza con la delibera di Giunta regionale del 16/05/2014 n. 401 e succ. mod. attraverso il progetto Giovanisì, ha pubblicato nel 2014 un avviso per la costituzione di un Elenco qualificato di soggetti fornitori di coworking in Toscana approvato con decreto dirigenziale n. 4271 del 2 ottobre 2014 (Burt n. 41 del 15 ottobre 2014, parte III).
Nel coworking si condividono, in una stuttura edilizia, spazi fisici, attrezzature, sistemi informativi, servizi di supporto, risorse e servizi, con uno scambio di professionalità e conoscenze.

A seguito di una riorganizzazione degli uffici regionali il settore competente della Regione Toscana per gli interventi di coworking è il settore "Programmazione formazione strategica e istruzione e formazione tecnica superiore" (dirigente responsabile Maria Chiara Montomoli).

Mensilmente il settore aggiorna l'Elenco aggiungendo i nuovi soggetti che afferiscono all'elenco e cancellando quelli che hanno presentato rinuncia, o hanno perso uno o più requisiti in precedenza posseduti.

Atti di aggiornamento mensile dell'Elenco qualificato di soggetti fornitori di coworking in Toscana:

Questo aggiornamento lo trovi in:
Aggiornato al:
18.07.2017
Article ID:
14526199