Diritto allo studio e pacchetto scuola. Indirizzi regionali anno scolastico 2019-2020

Interventi per gli studenti a basso reddito, stanziati tre milioni di euro

Condividi

La Regione Toscana finanzia da molti anni benefici economici per gli studenti a basso reddito, finalizzati a garantire loro il diritto allo studio, in particolare attraverso l'incentivo del"pacchetto scuola", uno strumento economico destinato a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica (quali libri scolastici, altro materiale didattico e servizi scolastici).

Per l'anno scolastico 2019-2020 la Regione Toscana, con Delibera 432/2019 del primo aprile 2019 (Testo, Allegato) ha stanziato tre milioni di euro di risorse regionali per garantire un aiuto alle famiglie con minor capacità economica (famiglie che non superano i 15.748,78 euro di Isee), cui - come per gli anni precedenti - si sommeranno le risorse statali che verranno ripartite tra le 20 regioni con appositi decreti ministeriali del MIUR.

Il contributo forfettario è fissato a 300 euro a studente per qualunque classe di iscrizione (ma può arrivare fino a 5.000 euro per chi abita al Giglio o a Capraia, più disagiati, con ISEE del nucleo familiare di appartenenza non superiore a 36.000 euro).

Quest'anno si sono mantenute le procedure dello scorso anno, anticipando leggermente la tempistica, allo scopo di riuscire ad erogare il contributo il prima possibile e in corrispondenza dell'inizio dell'anno scolastico. Per questo motivo, le famiglie interessate potranno presentare la domanda di contributo nel periodo di aprile-maggio, prima della fine della scuola, con scadenze determinate da ciascun Comune mediante il proprio bando.

Come ogni anno, per presentare la domanda i cittadini si dovranno rivolgere ak proprio Comune di residenza, dove potranno prendere visione del bando e delle modalità previste per la richiesta del "pacchetto scuola".

Il Decreto Dirigenziale  4916 del 5 aprile 2019 (testo decreto) ha approvato in attuazione della delibera 432/2019, la bozza di schema di bando comunale per l'erogazione del "pacchetto scuola" (Allegato A) e il fac-simile della relativa domanda di contributo da presentare ad opera delle famiglie al Comune di residenza (Allegato B).

 

Per l'anno scolastico 2019/2020, tutti gli studenti che hanno fatto domanda e che, risultando idonei, sono entrati in graduatoria, potranno incassare il pacchetto-scuola nelle prossime settimane poiché la Regione Toscana, con il Decreto Dirigenziale 13778 dell'8 agosto 2019 ha concluso le procedure di impegno e liquidazione (allegato A del decreto) delle risorse in questione a favore di Comuni e Unioni di Comuni.


Atti regionali:

  • Decreto Dirigenziale 13778 dell'8 agosto 2019

Diritto allo studio scolastico a.s. 2019/2020, attuazione D.G.R. n. 432/2019: impegno e liquidazione delle risorse a favore dei Comuni e delle Unioni di Comuni 

Testo decreto
Allegato A

  • 4916 del 5 aprile 2019

Diritto allo Studio Scolastico a.s. 2019/2020 attuazione D.G.R. n. 432 del 01/04/2019. Approvazione dello schema di bando e del fac-simile di domanda

Testo decreto 
Allegato A 
Allegato B ►

  • Delibera 432/2019 del  primo aprile 019

Diritto allo studio scolastico. Indirizzi regionali per l'anno scolastico 2019/2020

Testo delibera  
Allegato ►


Consulta i dati relativi al Diritto allo studio scolastico disponibili in formato open data ►

 

------ Accesso all'applicativo online (applicativo aperto) ------

La sopra richiamata D.G.R. n. 432 del 01/04/2019 ha stabilito il 2 luglio 2019 come data di scadenza per l'inserimento delle graduatorie dei soggetti idonei sull'applicativo online per Comuni/Unioni di Comuni; oltre tale data, e entro il 23 luglio 2019, l'accesso all'applicativo sarà possibile esclusivamente alle Province/Città Metropolitana per le necessarie operazioni di verifica e compensazione.

L'accesso all'applicativo online è riservato ed è consentito mediante spid o CNS agli utenti referenti - Province, Città metropolitana, Comuni e Unioni di Comuni - per la compilazione.

I cittadini devono rivolgersi al proprio Comune di residenza.

 

 

 


 

Aggiornato al:
29.11.2019