Direttore amministrativo, sanitario e dei servizi sociali

Dal 1° al 31 dicembre 2019 è possibile inviare le domande per essere iscritti negli elenchi degli aspiranti alla nomina di:

  • Direttore amministrativo delle aziende e degli enti del SSR
  • Direttore sanitario delle aziende sanitarie e degli enti del SSR
  • Direttore dei servizi sociali delle aziende unità sanitarie locali

 Ai sensi dell'art. 40 bis e dell'art. 142 decies della legge regionale n.40/2005, questi elenchi integrano quelli attualmente vigenti con validità fino al 14 febbraio 2021.

Si specifica che, chi è già inserito negli elenchi vigenti, non deve presentare nuovamente la domanda.

 

Requisiti

Direttore amministrativo
a) laurea magistrale o diploma di laurea del vecchio ordinamento in discipline giuridiche ed economiche;
b) esperienza almeno quinquennale di qualificata attività di direzione tecnica o amministrativa in enti o strutture sanitarie pubbliche o private di media o grande dimensione;
c) età non superiore a 65 anni.

Direttore sanitario
a) professione di medico con qualifica dirigenziale;
b) esperienza almeno quinquennale di qualificata attività di direzione tecnico-sanitaria in enti o strutture sanitarie, pubbliche o private, di media o grande dimensione (così come individuate dall'articolo 2 del decreto del presidente della repubblica n.484/1997), con diretta responsabilità delle risorse umane e strumentali, svolta nei sette anni precedenti la data del 31 dicembre 2019;
c) conseguimento dell'attestato di formazione manageriale di cui all'articolo 7 del decreto del presidente della repubblica n.484/1997;
d) età non superiore a 65 anni.

Direttore dei servizi sociali
a) esperienza almeno quinquennale di qualificata attività di direzione o di coordinamento tecnico-professionale in enti o strutture di assistenza sociale pubblici o privati di media o grande dimensione;
b) età non superiore a 65 anni.

I candidati devono, inoltre, possedere uno dei seguenti requisiti:

  1. diploma di laurea in scienze della formazione, in sociologia, o in discipline equipollenti a indirizzo sociologico;
  2. diploma di laurea specialistica in servizio sociale;
  3. iscrizione nella sezione A dell'albo di cui al combinato disposto della legge 23 marzo 1993, n. 84 (Ordinamento della professione di assistente sociale e istituzione dell'albo professionale) e del decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328 (Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l'ammissione all'esame di Stato e delle relative prove per l'esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti).

Inoltre, in ottemperanza a quanto stabilito dall'articolo 5, comma 9, del decreto-legge n.95/2012 (così come modificato dall'articolo 6 del decreto-legge n.90/2014, successivamente convertito dalla legge n.114/2014), tutti i candidati interessati non devono trovarsi in situazione di collocamento in quiescenza.

Modalità di presentazione della domanda

I  candidati devono presentare apposita domanda redatta in carta semplice (vedi modelli di domanda) alla quale devono essere allegati, a pena di inammissibilità della stessa:

  • il curriculum vitae completo, datato e firmato, predisposto secondo il formato europeo rilasciato sotto la propria responsabilità e ai sensi e per gli effetti degli articoli 46 e 47 del decreto del presidente della repubblica n.445/2000, nel quale si evidenzi chiaramente il possesso del requisito dell'esperienza almeno quinquennale di qualificata attività di direzione;
  • eventuali  titoli ritenuti idonei e pertinenti, comprese le pubblicazioni a mezzo stampa;
  • la fotocopia non autenticata del documento d'identità.

Insieme alla domanda, inoltre, dovrà pervenire anche la scheda riassuntiva redatta secondo lo schema allegato al modello di domanda datata e firmata.

I nominativi dei candidati che saranno inseriti nell'elenco  degli aspiranti direttori, nonché i relativi curricula, saranno pubblicati sul sito web della Giunta regionale, in apposita sezione dedicata agli elenchi degli aspiranti direttori del SSR e alla nomina degli stessi.
A tal fine si richiede che il candidato presenti un'ulteriore copia del curriculum che deve essere allegata alla domanda.Trattandosi di una copia del curriculum destinata alla pubblicazione su pagina web, è necessario il rispetto della normativa vigente in materia di privacy (articolo 5 Reg.UE n.679/2016 e in materia di accessibilità alle fonti di informazione (legge n.4/2004). A tale fine si precisa che:

  • i dati personali contenuti nel curriculum devono risultare adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario rispetto rispetto alle finalità della pubblicazione (non devono essere presenti, ad esempio, i dati riguardanti la residenza, numeri telefonici ed indirizzi mail privati, il codice fiscale ecc.);
  • il curriculum, tenuto conto che le pubblicazione online devono avvenire nel rispetto dei requisiti tecnici di accessibilità per risultare fruibili anche da persone con disabilità, non deve essere prodotto come documento-immagine (vale a dire che non deve essere scannerizzato). Il candidato, pertanto, dovrà inviare la copia del curriculum destinata alla pubblicazione su web dopo aver provveduto ad opportuna digitalizzazione del testo.

La domanda, indirizzata alla Direzione "Diritti di cittadinanza e coesione sociale" – Settore "Consulenza giuridica e supporto alla ricerca in materia di salute", Via Taddeo Alderotti, 26/N - 50139 FIRENZE, deve essere inoltrata dal 1° al 31 dicembre 2019 e  deve essere presentata esclusivamente in via telematica attraverso una delle seguenti modalità:

  • tramite propria casella di posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo regionetoscana@postacert.toscana.it. A pena della non ricevibilità della domanda, si precisa che il candidato può utilizzare esclusivamente un indirizzo PEC personale;
  • tramite interfaccia web Ap@ci, registrandosi e selezionando come Ente Pubblico destinatario "Regione Toscana Giunta".

La domanda, completa delle schede  A e B e del curriculum vitae, deve essere firmata secondo una delle seguenti modalità:

  1. con firma digitale o qualificata intestata al candidato utilizzabile per qualunque tipo di trasmissione;
  2. potrà NON essere firmata digitalmente nei seguenti casi:
     - se trasmessa tramite Apaci utilizzando per l'accesso la Tessera Sanitaria o CNS o Spid;
     - se trasmessa tramite una casella PEC intestata al candidato le cui credenziali siano state rilasciate previa identificazione del titolare, anche per via telematica;
  3. con firma autografa su carta, in forma estesa e leggibile, e non soggetta ad autenticazione, successivamente scansionata e accompagnata da documento di identità del sottoscrittore in corso di validità scansionato, nei seguenti casi:
     - se trasmessa tramite Apaci utilizzando per l'accesso login con utente e password
     - se trasmessa tramite una casella PEC priva delle caratteristiche di cui al punto 2.

Il CV richiesto ai fini della pubblicazione, come sopra detto, non deve essere invece scansionato e non necessita della firma. Basta la sua semplice trasmissione in allegato alla domanda.

Le comunicazioni devono avere nel campo oggetto la seguente dicitura: "Domanda per l'inserimento nell'elenco integrativo di idonei alla nomina a direttore amministrativo" o "Domanda per l'inserimento nell'elenco integrativo di idonei alla nomina a direttore dei servizi sociali" o "Domanda per l'inserimento nell'elenco integrativo di idonei alla nomina a direttore sanitario"
La comunicazione, contenente la domanda e la documentazione allegata (curriculum, scheda riassuntiva, copia del curriculum per la pubblicazione ed eventuale fotocopia documento d'identità), inviata con queste modalità verrà registrata all'interno del sistema di protocollo della Regione Toscana e ne sostituisce l'invio tradizionale. Fa fede la data di consegna della domanda che risulta nello stato "ricevuta" di Apaci o nella "ricevuta di avvenuta consegna" della PEC. Il candidato è invitato a verificare l'effettiva ricezione da parte dell'Amministrazione controllando la casella "consegnato" in caso di Ap@ci e l'arrivo della ricevuta di avvenuta consegna in caso di posta elettronica certificata.

Le domande inviate attraverso qualsiasi mezzo diverso dalla trasmissione telematica, come sopra specificata, saranno considerate non ricevibili.
 

Informazioni

Per eventuali informazioni è possibile chiamare i seguenti contatti:
055/4383997 - 4383346 giada.boretti@regione.toscana.it
 

Condividi
Aggiornato al:
04.12.2019