Contributi per ripristino terreni agricoli danneggiati da calamità naturali: bando 2022

In corso di certificazione il decreto che proroga la scadenza del bando fino al primo agosto 2022. Psr Feasr 2014-2022, misura 5.2  "Sostegno a investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici”.


BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di pubblicazione bando su BURT

01 giugno 2022

Numero e parte del BURT

22, parte III

Data di scadenza presentazione domande

01 agosto 2022

In evidenza: proroga per presentare le domande di aiuto fino al primo agosto 2022.
E' in corso di certificazione il decreto che proroga la scadenza per presentare le domande di aiuto dalle ore 13 di venerdì 15 luglio fino alle ore 23.59 di lunedì primo agosto 2022.


Con decreto dirigenziale 10022 del 18 maggio  2022, la Regione ha attivato, per l'annualità 2022, il bando "Sostegno a investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici”, che attua la sottomisura 5.2 del Psr Feasr 2014-2022, con riferimento agli eventi atmosferici per i quali il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) ha riconosciuto formalmente il carattere di avversità atmosferica assimilabile a calamità naturale, anche conseguente a evento catastrofico, con decreto ministeriale del 14 febbraio 2022 (prot. n. 69977/2022) pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 45 del 23 febbraio 2022:

 

 

  • grandinate che si sono verificate nei mesi di settembre 2021 nei seguenti territori:

 

 

provincia di Firenze: Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Calenzano, Cerreto Guidi, Dicomano, Figline e Incisa Valdarno, Firenzuola, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Reggello, San Godenzo, Scarperia e San Piero, Vaglia, Vicchio, Vinci.
(D.M. prot. n. 69977/2022 pubblicato sulla G.U. n. 45 del 23/02/2022).

Il bando è pubblicato sul Burt del  primo giugno 2022 n. 22 parte III.


Finalità del bando

Il bando è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale a copertura dei costi sostenuti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo agricolo e zootecnico distrutti o danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici (comprese fitopatie ed infestazioni parassitarie) al fine di favorire la ripresa e la stabilità reddituale e occupazionale del settore agricolo.

Destinatari / beneficiari

Sono ammessi a presentare domanda e a beneficiare del sostegno eventualmente concesso i seguenti soggetti:
imprese  agricole di cui all’art. 2135 del Codice Civile ivi comprese le cooperative che svolgono l’attività di produzione agricola, iscritte nel registro delle imprese

Non possono presentare domanda di aiuto le imprese in difficoltà (così come definite nel bando al paragrafo 2.2).
 

Scadenza e presentazione della domanda

Le domande di aiuto devono essere presentate, mediante procedura informatizzata, a partire dal primo giugno 2022 ed entro le ore 23.59 di lunedì 1 agosto 2022, impiegando esclusivamente la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell'Anagrafe Regionale delle aziende agricole gestita da ARTEA e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.

La domanda deve essere sottoscritta e presentata secondo le modalità indicate dal decreto del drettore di Artea 140 del 31 dicembre 2015  e successive modifiche e integrazioni (decreto del direttore Artea n. 70/2016):

 

Tipo di agevolazione

 

Intensità del sostegno e minimali/massimali: il tasso di contribuzione previsto per tutti gli investimenti, comprese le spese generali, è pari al 100% dei costi ammissibili.
L’ammontare della percentuale di contribuzione potrà essere diminuita, secondo un principio di solidarietà, al fine di riconoscere un indennizzo a tutte le aziende danneggiate la cui domanda risulti ammissibile e finanziabile.
E’ possibile erogare un anticipo fino ad un massimo del 50% del contributo ammissibile a finanziamento, secondo i principi e le modalità che stabilite dalle Disposizioni Comuni per l’Attuazione delle misure ad investimento” approvate con Decreto del Direttore ARTEA n. 144 del 24 novembre 2021.
L’importo massimo del contributo concedibile per bando (indipendentemente dal numero di interventi) è pari a  200.000 euro.
L’importo minimo di contributo concedibile per intervento è pari a euro 5.000

Dotazione finanziaria

Il bando ha un budget finanziario di 2 milioni 733 mila 312,76 euro

Fasi della procedura e spese ammissibili/non ammissibili

Le fasi del procedimento collegate all'attuazione della sottomisura 5.2, nonché le norme inerenti all'ammissibilità delle spese sono disciplinate dal Decreto del Direttore di Artea n. 144 del 24 novembre 2021, che approva le "Disposizioni comuni per l'attuazione delle misure a investimento"

Graduatoria

Areta, nei tempi indicati nel paragrafo “Tempistica e fasi del procedimento” del documento “Disposizioni Comuni”, procede alla predisposizione dell’elenco delle domande ammissibili in base a quanto dichiarato dal richiedente nella domanda di aiuto e in base ai dati contenuti sul sistema informativo di Artea e nel “Fascicolo aziendale elettronico”.
L’individuazione delle domande ammissibili non costituisce diritto al finanziamento in capo al soggetto richiedente.
Per l’individuazione delle tipologie di territori consultare la pagina al seguente link http://www.regione.toscana.it/-/tipologie-di-territori-a-cui-sono-soggetti-alcuni-interventi-del-programma-di-sviluppo-rurale-2014-20.

Per tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il testo del bando
 
  • il bando (allegato A del decreto 10022 del 18 maggio 2022)

Per saperne di più

E’ possibile compilare e inviare online una richiesta utilizzando il servizio "Scrivici".

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
14.07.2022
Article ID:
114307590