Contributi individuali per le donne inserite in percorsi di uscita dalla violenza e di autonomia

Le domande ammesse a contributo (decreto Arti del 26 giugno 2024). Pr Fse+ 2021-2027. Priorità 3 inclusione, attività 3.h.4 (riferimento: delibera 122/2024). Domande entro il 31 dicembre 2026, salvo esaurimento delle risorse disponibili.


BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di pubblicazione bando su BURT

13 marzo 2024

Numero e parte del BURT

parte III

Data di scadenza presentazione domande

31 dicembre 2026

Favorire l’inserimento e il reinserimento nel mercato del lavoro e agevolare l’autonomia economica delle donne inserite in percorsi di cui alla delibera 122 del 12 febbraio 2024, attraverso la concessione di contributi individuali per la frequenza delle politiche attive erogate dal Centri per l'impiego (Cpi) della Toscana, per l’iscrizione e la frequenza di percorsi di formazione, prevedendo misure di accompagnamento, quali voucher di conciliazione vita lavoro e contributi per la mobilità geografica, a sostegno della partecipazione al percorso di politica attiva, di formazione o durante lo svolgimento del tirocinio. Sono queste le finalità dell'avviso pubblico rivolto a donne inserite in percorsi di cui alla delibera del 122 del 12 febbraio 2024 per la concessione di contributi individuali a sostegno dei percorsi di politica attiva. Annualità 2024-2026 approvato e pubblicato dalla Agenzia regionale per l'impiego (Arti) con decreto 152 del 5 marzo 2024.

L’Agenzia regionale toscana per l’impiego (Arti) ha il ruolo di Organismo intermedio per l'attuazione di alcuni interventi del Programma regionale del Fondo sociale europeo plus 2021-2027, ed in particolare è affidata ad Arti la realizzazione di percorsi di inclusione per le donne vittime di violenza. Il bando è adottato dal settore "Servizi per il lavoro di Pisa e Massa Carrara" di Arti e gestito sulla base delle risorse annuali disponibili. La Regione Toscana ha stabilito gli elementi essenziali per l'adozione del bando con delibera di giunta 122 del 12 febbraio 2024. L'intervento è realizzato in attuazione del Progetto 21, “ATI il progetto toscano delle donne” del Programma regionale di sviluppo 2021-2025, che prevede l’impegno a realizzare azioni per l’inserimento lavorativo e per il contrasto della violenza di genere.

In evidenza le domande ammesse a contributo, pervenute nel mese di maggio 2024 (decreto Arti del 26 giugno 2024).
Con decreto 522 del 27 giugno 2024 Arti ha approvato gli esiti istruttori delle domande pervenute nel mese di maggio:


Il bando è cofinanziato dal Programma regionale del Fondo sociale europeo plus (Fse+) 2021-2027 in particolare dalle risorse assegnate, per il 2024-2026, alla priorità 3 "Inclusione" del programma, attività 3.h.4 del Provvedimento attuativo di dettaglio (Pad).

Il bando, a sportello, viene adottato dal settore "Servizi per il lavoro di Pisa e Massa Carrara" di Arti e gestito sulla base delle risorse annuali disponibili.
Le risorse saranno erogate fino ad esaurimento della disponibilità, in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande di contributo. La chiusura del bando è il 31 dicembre 2026, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse.


Finalità

Favorire l’inserimento/reinserimento nel mercato del lavoro e supportare l’autonomia economica delle donne inserite in percorsi di uscita dalla violenza, attraverso la concessione di contributi individuali per la frequenza delle politiche attive erogate dal Centro per l'impiego (Cpi), per l’iscrizione e la frequenza di percorsi formativi, prevedendo misure di accompagnamento, quali voucher di conciliazione vita-lavoro e contributi per la mobilità geografica.

Beneficiarie del bando

Sono ammessi a presentare domanda in risposta a questo bando le donne con i seguenti requisiti:

  • essere inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere debitamente certificati dai servizi sociali territoriali o dai Centri antiviolenza o dalle Case rifugio esistenti sul territorio regionale (ai sensi art. 5-bis decreto legge 93/2013);
     
  • aver compiuto 18 anni;
     
  • essere residenti e/o domiciliate in Toscana. In caso di cittadinanza non comunitaria è necessario il possesso di regolare permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di un'attività lavorativa;
     
  • essere in stato di disoccupazione ai sensi del decreto legislativo 150/2015 e ss.mm.ii iscritte ad un Centro per l'impiego (Cpi) della Toscana;
     
  • avere stipulato il Progetto per l’occupabilità presso il Cpi, di cui all'articolo 5 del bando.

I requisiti sopra indicati costituiscono condizione di ammissibilità e devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda di contributo e mantenuti per tutta la durata del percorso

Prima della presentazione della domanda, la destinataria, supportata dal Cav/Casa Rifugio/Servizio sociale territoriale, deve contattare il Centro per l'Impiego di riferimento per concordare un appuntamento finalizzato alla verifica dei requisiti di accesso e alla definizione del Progetto per l’occupabilità. Attraverso l’utilizzo di un modello di presa in carico con valutazione multidimensionale dei fabbisogni specifici, il Cpi procederà con una progettazione personalizzata dei percorsi, selezionando le misure più adatte per favorire l'occupabilità, la partecipazione al mercato del lavoro e l’autonomia delle destinatarie.

Il percorso definito nell’ambito del Progetto per l’occupabilità rappresenta un elemento di verifica ai fini dell’ammissibilità della domanda di contributo e della successiva rendicontazione delle spese. A tale proposito il Progetto per l’occupabilità viene trasmesso insieme alla richiesta di contributo (cfr. articolo 8) ed a supporto di ciascuna domanda di rimborso in fase di rendicontazione (cfr. articolo 13).

Nella fase di stesura del Progetto per l'occupabilità la donna sarà supportata da un/a tutor del Cav/Casa Rifugio/Servizio Sociale territoriale, andando a definire, insieme al Centro per l’impiego, un sistema di “doppio tutoraggio” che accompagnerà la destinataria nello svolgimento del percorso concordato, effettuando anche un'attività di puntuale monitoraggio delle azioni.

Il Progetto per l'occupabilità sarà monitorato (cfr. articolo 18) ed eventualmente aggiornato in itinere dal Centro per l'Impiego in raccordo con il Cav/Casa Rifugio/Servizio Sociale territoriale.


Scadenza e presentazione domande

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento, a partire dal 14 marzo 2024, giorno successivo alla pubblicazione del bando sul Burt, e fino al 31 dicembre 2026, salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse annuali disponibili consulta


Tipo di agevolazione

Per ciascuna delle tipologie di intervento, così come definite all'articolo 3 del testo del bando, l’importo dei contributi ritenuti ammissibili a valere sul presente avviso deve essere calcolato utilizzando gli importi e i parametri di costo definiti di seguito.

1) Indennità di frequenza per lo svolgimento di misure di politica attiva erogate dai Cpi
L’indennità di frequenza per lo svolgimento delle misure di politica attiva erogate dai Cpi viene calcolata in rapporto alle ore di effettiva partecipazione.
Può essere riconosciuta per un massimo di 50 ore ad un costo orario di euro  3,50 fino ad un importo massimo pari a euro 175,00.

2) Voucher formativi individuali
È possibile richiedere più di un voucher fino all’importo massimo complessivo di euro 6.000,00 nel periodo di validità del bando.
Sono finanziabili le tipologie di percorsi indicati nella tabella dell'articolo 7 del testo del bando.

3) Indennità di frequenza dei seguenti percorsi formativi e di studio: per ottenere la qualifica, per il conseguimento di Aree di attività (Ada), di breve durata, di formazione obbligatoria, per acquisire competenze tecnico-professionali riferite esclusivamente a quanto disposto dall’Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012, per ottenere la Patente di guida B e abilitazioni professionalizzanti rilasciate da Autoscuole o Enti muniti di apposita autorizzazione, corsi di lingua italiana, per il conseguimento di un titolo di studio.
L’indennità di frequenza può essere riconosciuta per un massimo di 900 ore di frequenza ad un costo orario di euro 3,50 fino ad un importo massimo pari a euro 3.150

4) Misure di accompagnamento a sostegno della partecipazione al percorso di politica attiva, di formazione o durante lo svolgimento del tirocinio
Le misure di accompagnamento (voucher di conciliazione e contributo a supporto della mobilità geografica) a sostegno della partecipazione ai percorsi di politica attiva, di formazione o durante lo svolgimento del tirocinio, possono raggiungere complessivamente l’importo mensile di euro 500 per un massimo di 12 mesi.
Saranno riconosciute le spese effettivamente sostenute per l’acquisizione di servizi di conciliazione e per il trasporto. Il voucher di conciliazione può essere riconosciuto anche nella fase iniziale di un rapporto di lavoro, per un massimo di 6 mesi.


Dotazione finanziaria

Per l’attuazione del presente avviso è disponibile l’importo complessivo di euro 2 milioni 125.363,20 euro sulla Priorità 3 "Inclusione", obiettivo specifico h) attività 3.h.4 del Pr Fse+ 2021-2027 del Pad approvato con delibera di giunta 122/2023 e successive modifiche e integrazioni, sulla base del riparto finanziario di seguito indicato:

Il bando, a sportello, viene adottato dal settore Servizi per il lavoro di Pisa e Massa Carrara di Arti e gestito sulla base delle risorse annuali disponibili.
Le risorse saranno erogate fino ad esaurimento della disponibilità, in base all’ordine cronologico di presentazione delle istanze di contributo.
La chiusura del bando è il 31 dicembre 2026 salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse


Per conoscere tutti i dettagli necessari

a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il bando e i suoi 11 allegati:

  • il bando (allegato A del decreto 152 del 5 marzo 2024)

Allegati

Il bando è pubblicato anche sul sito web di Arti alla pagina dedicata


Per saperne di più

Informazioni e contatti. E' possibile chiedere appuntamento o informazioni presso i Centri per l'impiego scrivendo alle seguenti caselle di posta dedicate:

Centro per l'Impiego di Arezzo e-mail: po.donne.arezzo@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Firenze:
Centro per l'Impiego Firenze Parterre e-mail: po.donne.firenze@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Empoli e-mail: po.donne.empoli@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Grosseto:
Centro per l'Impiego di Grosseto e-mail: po.donne.grosseto@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Follonica e-mail: po.donne.follonica@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Orbetello e-mail: po.donne.orbetello@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Arcidosso e-mail: po.donne.arcidosso@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Manciano e-mail: po.donne.manciano@arti.toscana.it

Centro per l'Impiego di Massa Carrara e-mail: po.donne.massa@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Livorno:
Centro per l'Impiego di Livorno e-mail: po.donne.livorno@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Piombino e-mail: po.donne.piombino@arti.toscana.it
Centro per l’Impiego di Cecina e-mail: po.donne.cecina@arti.toscana.it
Centro per l’Impiego di Rosignano e-mail: po.donne.rosignano@arti.toscana.it
Centro per l’Impiego di Portoferraio e-mail: po.donne.portoferraio@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Lucca:
Centro per l'Impiego di Lucca e-mail: po.donne.lucca@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Viareggio e-mail: po.donne.viareggio@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego Valle del Serchio e-mail: po.donne.valledelserchio@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Pisa:
Centro per l'Impiego di Pisa e-mail: po.donne.pisa@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Pontedera e-mail: po.donne.pontedera@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Santa Croce e-mail: po.donne.scroce@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Volterra e-mail: po.donne.volterra@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Pistoia:
Centro per l'Impiego di Pistoia e-mail: po.donne.pistoia@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Monsummano e-mail: po.donne.monsummano@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Quarrata e-mail: po.donne.quarrata@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Pescia e-mail: po.donne.pescia@arti.toscana.it

Centro per l'Impiego di Prato e-mail: po.donne.prato@arti.toscana.it

Centri per l'Impiego di Siena:
Centro per l'Impiego di Siena e-mail: po.donne.siena@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Poggibonsi e-mail: po.donne.poggibonsi@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Montepulciano e-mail: po.donne.montepulciano@arti.toscana.it
Centro per l'Impiego di Abbadia e-mail: po.donne.abbadia@arti.toscana.it
Servizio Territoriale di Sinalunga e-mail: po.donne.sinalunga@arti.toscana.it


Informazioni sul bando possono essere richieste anche ad settore "Servizi per il lavoro di Pisa e Massa Carrara" di Arti


tag  latoscandelledonne

Organismo emittente:
Agenzia regionale toscana per l'impiego (Arti)

Aggiornato al:
16.07.2024
Article ID:
193391728