Comune di Guardistallo (Pi)

Località della strage Guardistallo data 29 giugno 1944



Elenco delle vittime

47 morti (43 uomini e 4 donne)
Bachin Umberto, 45
Bartoli Isolina, 52
Bernocchi Menotti, 52
Bianchi Casimiro, 68
Biasci Angelo, 29
Biasci Edo, 17
Biasci Gennaio, 49
Biasci Pierino, 31
Biasci Rosa, 59
Camerini Arnaldo, 35
Camerini Settimo, 43
Cavallini Armando, 36
Cavallini Giuseppe, 76
Ceppatelli Colombo, 48
Daddi Aleandro, 60
Fabbri Giuseppe, 70
Fatticcioni Agostino, 44
Fatticcioni Giuseppe, 17
Fatticcioni Osvaldo, 16
Franci Ines, 41
Fulceri Luigi, 34
Gonnelli Ulisse, 59
Lessi Antonio, 27
Lessi Bruno, 72
Longa Sisto, 52
Lotti Lotto, 28
Macchia Marcello, 23
Marmeggi Dino, 34
Matteucci Antonio, 23
Mengozzi Giuseppe, 41
Molelli Alvo, 26
Nesi Aldo, 19
Nesi Giuseppe, 51
Pampana Umberto, 63
Pasquinelli Angiolino, 31
Pazzagli Francesco, 27????
Pazzagli Guido, 47
Pescucci Albizzo, 18
Regini Giuseppe, 53
Salvadori Gino, 29
Salvadori Olivo, 65
Simoncini Ivo, 18
Simoncini Sabatino, 49
Tarchi Orlando, 64
Tarchi Vezio Ugo, 29
Vanni Tullio, 31
Zucchelli Ersilia, 24

Descrizione

Nella notte tra il 28 ed il 29 giugno, il distaccamento "Otello Gattoli" della III Brigata Baribaldi si sta spostando dalla propria base, situata tra Riparbella e Montescudaio, verso l'abitato di Casale Marittimo, su indicazione del Cln di Livorno, con l'intento di occuparlo prima dell'arrivo degli Alleati.
I partigiani, in tutto circa un centinaio, intorno alle 6 del mattino si imbattono in una colonna di tedeschi nel corso dell'attraversamento della Guardistallo-Cecina. Siamo pochi chilometri a nord di Guardistallo, ne nasce uno scontro a fuoco che la sta percorrendo. Ne nasce uno scontro a fuoco che causa la morte di 11 partigiani e di un militare tedesco. I partigiani, soverchiati, sono costretti a ripiegare nei boschi e nelle campagne circostanti.
La reazione è immediata e si scatena contro le abitazioni del vicino centro abitato: gli uomini del paese sono rastrellati e fucilati, altri civili (tra cui le donne) sono uccisi perché accennano a fuggire, un altro grosso contingente di abitanti di Guardistallo si salva grazie all'intervento del parroco don Mazzetto Rafanelli. La sera le truppe tedesche lasciano il paese: gli americani vi arrivano il giorno successivo, 30 giugno.
Responsabili

In un primo momento l'inchiesta alleata si direzione sulla XVI PanzerGrenadier Division SS "ReichsFührer" e sul reparto di Reder, da poco giunto sul fronte italiano e di stanza in quei giorni tra Cecina e Donoratico. In realtà, gli autori sono uomini della XIX Divisone da Campo della Luftwäffe.
Note sui partigiani
Guardistallo è liberato il 30 mattina, Gli uomini della Gattoli si stanno dirigendo verso Casale Marittimo per arrivarvi prima degli alleati, i base alle direttive del Cln di Livorno, ed è quindi una decisione politico-strategica più che militare.
Indicazioni archivistiche
AS Pisa, fondo CLn Pisa e provincia, b. 8, fasc. 9, Crimini di guerra 1945, Relazione eccidio di Guardistallo Indicazioni bibliografiche
AAVV, Ora e sempre Resistenza. Testimonianze dei protagonisti e documenti, Anpi e provincia di Pisa, Pisa (b 41, f.)
AAVV, Assassini e stragi compiuti dai fascisti e dai nazisti in provincia di Pisa, a cura dell'amm. prov. di Pisa, 1972 (duplice copia: b. 43, f.)

Bibliografia

44. Casella Luciano, La Toscana nella guerra di liberazione, La Nuova Europa editrice, Carrara 1972, 448 pp.
61. Regione Toscana, 50° anniversario della Resistenza e della Liberazione in Toscana, Edizioni Regione Toscana, Firenze 1994, 44 pp.
72. Villani Giulio, Poli Fabrizio (a cura di), Chiese toscane: cronache di guerra, 1940-1945, Libreria editrice fiorentina, Firenze 1995, xii+724 pp.
74. Battini Michele, Pezzino Paolo, Guerra ai civili. Occupazione tedesca e politica del massacro. Toscana 1944, Marsilio, Venezia 1997, 556 pp.
405. Battistini Giovanni, Ferrini Paolo
, Volterra dalla Resistenza alla Liberazione, Comune di Volterra, Volterra 1994, 143 pp.
424. Piazzano Luis,
Cecina anni di guerra, Circolo Il Fitto, Cecina 1987, 344 pp.
425. Tognarini Ivan,
Là dove impera il ribellismo. Resistenza e guerra partigiana dalla battaglia di Piombino (10 settembre 1943) alla liberazione di Livorno (19 luglio 1944), Iesi, Napoli 1988, 2 voll., 644 pp.
428. Comune di Livorno
, Antifascismo e Resistenza a Livorno. Livorno 25 aprile 1994 49° anniversario della Liberazione, Comune di Livorno, Livorno 1994, 51 pp.
431. Incatasciato Fabio
, La libertà è vicina al mare. Vita e storie a Rosignano durante la guerra, lesi, Napoli 1996, 198 pp.
432. Sonetti Catia, Noce Tiziana
, Il conte e le contese. Castagneto tra fascismo e dopoguerra: fonti e memorie, Nuova Perseveranza, Piombino 1999, 48 pp.
513. Cavallini Maurizio
, La guerra 1940-45 nel volterrano (giugno-luglio 1944). Diario, Unione Tipografico Artigiana, Volterra 1957, 67 pp.
516. Amministrazione provinciale di Pisa
, Pisa dall'antifascismo alla liberazione, Amministrazione provinciale, Pisa 1965, 98 pp.
517. Vanni Renzo,
Fascismo e antifascismo in provincia di Pisa dal 1920 al 1944, Giardini, Pisa 1967, 318 pp.
518. Amministrazione provinciale di Pisa (a cura di), Pisa 25 aprile 1970. 25° anniversario della Resistenza e della Liberazione, Lischi e figli, Pisa 1970, 33 pp.
519. Amministrazione provinciale di Pisa (a cura di), Assassini e stragi compiuti dai fascisti e dai nazisti in provincia di Pisa, s.e., Pisa 1972, 32 pp.
520. Comune e Provincia di Pisa (a cura di), 30° anniversario della liberazione e della Resistenza, Comune di Pisa, Pisa 1974, 55 pp.
525. Tognarini Ivan,
La Resistenza a Piombino e nella Valdicornia. Dalla battaglia del 10 settembre 1943 alla 3a Brigata Garibaldi, Comune di Piombino, Piombino 1983, 49 pp.
528. Comitato provinciale per le celebrazioni del 40° anniversario della Resistenza e della Liberazione dal nazifascismo,
anpi Sezione provinciale Pisa, Cippi e lapidi. Percorso storico attraverso i cippi e le lapidi commemorative in provincia di Pisa. Maggio 1985, Regione toscana e Provincia di Pisa, Pisa 1985, 75 pp.
533. Amministrazione provinciale di Pisa
(a cura di), Pisa dall'antifascismo alla liberazione, ets, Pisa 1992, 205 pp.
534. Gianfaldoni Paolo, Pisa dal bombardamento del 1943 sino ai giorni nostri, Edizioni Felici, Pisa 1993, 50 pp.
545. Battini Michele, Pezzino Paolo,
Dal fascismo alla democrazia. Storie di Resistenza e di rappresaglie nazifasciste in provincia di Pisa. Documenti inediti, Provincia di Pisa, Pisa 1995, 132 pp.
546. Pieruccetti Pierluigi
(a cura di), I giorni del fuoco e della speranza. 1945-1955 50° anniversario della Liberazione, Comune di Calcinaia, Calcinaia 1995, 140 pp.
547. Provincia di Pisa
, Associazione nazionale partigiani d'Italia, Ora e sempre Resistenza. 50 anni di storia, testimonianze dei protagonisti, documenti, Bandecchi e Vivaldi, Pontedera 1995, 321 pp.
548. Scuola media "G. Marconi",
51° Anniversario dell'eccidio. La Scuola Media Statale "G. Marconi" di Guardistallo ricorda. Poesie degli alunni sul tema della pace, Provincia di Pisa, Pisa 1995, 42 pp. n.n.
551. Pezzino Paolo, Anatomia di un massacro. Controversia sopra una strage tedesca, Il Mulino, Bologna 1997, 243 pp.

Aggiornato al:
06.02.2009
Article ID:
581734