Bando operazione 6.4.1: Diversificazione delle aziende agricole, annualità 2016

Il bando è finalizzato alla concessione di contributi agli Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) o ai soggetti ad essi equiparati ai sensi della L.R. 45 (art. 20) o del suo regolamento attuativo (punto 6 dell’Allegato A al DPRG n. 6/R/2008) che intendono realizzare investimenti nella propria azienda allo scopo di migliorare la redditività e la competitività della stessa e favorire il ricorso alle energie rinnovabili per soddisfare il loro fabbisogno energetico aziendale.

BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di scadenza presentazione domande

21 novembre 2016

Psr Feasr 2014-2020

 

Bando
Finanziamenti per la diversificazione delle attività nelle aziende agricole

Scadenza
Le domande possono essere presentate da lunedi 28 luglio a lunedì 21 novembre 2016, ore 13.00.

A chi si rivolge

Imprenditori agricoli professionali (IAP) e soggetti ad essi equiparati e, per le sole attività sociali e le fattorie didattiche, imprenditori agricoli ai sensi del Codice Civile

Opportunità

Contributo del 40% per gli investimenti con una maggiorazione del 10% in caso di investimenti realizzati in aziende con superficie condotta che ricade completamente in zona montana

Come partecipare


La domanda si presenta sul portale di ARTEA (www.artea.toscana.it)
 

Leggi il bando completo

Bando (Allegato A al decreto), approvato con Decreto n. 5790 del 6 luglio 2016 e modificato con i seguenti decreti:
- Decreto n. 10653 del 20 ottobre 2016

- Decreto n. 6258 dell'11 maggio 2017

- Decreto n. 9364 del 26 giugno 2017

- Decreto n. 11159 del 27 luglio 2017

 Decreto ARTEA n. 15 del 26/1/2017 approvazione graduatoria
Allegato 1, Allegato 2

Delibera n. 579 del 29/5/2017
Indirizzi per la riallocazione delle economie sul bando "Pacchetto Giovani annualità 2016" e sul bando 6.4.1.
Decreto n. 7508 del 1/6/2017
Incremento dotazione finanziaria
Decreto Artea n. 90 del 20 luglio 2017 Scorrimento graduatoria
Allegato 1 - graduatoria

Decreto n. 11159/2017 - Modifica al bando.

Delibera n. 1150 del 23/10/2017
Indirizzi per la riallocazione delle economie sul bando "Pacchetto Giovani annualità 2016" e sul bando 6.4.1.
Decreto n. 15998 del 30/10/2017
Incremento dotazione finanziaria e scorrimento graduatoria.
Decreto Artea n. 150 del 15/12/2017
Allegato 1 - elenco graduatoria

 

Finalità del bando

Il bando "Diversificazione delle aziende agricole  - 2016"  è finalizzato ad incentivare gli investimenti per attività di diversificazione aziendale ed economica necessaria per la crescita, l'occupazione e lo sviluppo sostenibile nelle zone rurali e contribuisce anche a migliorare l'equilibrio territoriale, sia in termini economici che sociali, aumentando il reddito delle famiglie agricole.

Punti salienti del bando

1) Soggetti ammessi a presentare la domanda di aiuto
 

I soggetti che possono presentare domanda di aiuto e beneficiare del sostegno previsto dal tipo di operazione 6.4.1 "Diversificazione delle aziende agricole" sono IAP e soggetti ad essi equiparati e, per le sole attività sociali e di servizio per le comunità locali e per le fattorie didattiche come definite dalla L.R. 30/2003, anche gli imprenditori agricoli ai sensi dell'art. 2135 del Codice Civile iscritti nel registro delle imprese sezione speciale aziende agricole.


2) Investimenti ammessi a finanziamento


Il bando consente di realizzare i seguenti interventi per la creazione e lo sviluppo di attività di diversificazione nelle aziende agricole:

  • A) Interventi di qualificazione dell'offerta agrituristica e interventi per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali agli ospiti delle aziende che svolgono attività agrituristica;
  • B) Interventi negli spazi aperti aziendali finalizzati a consentire l'attività di agricampeggio;
  • C) Interventi finalizzati allo sviluppo di attività educative/didattiche (fattorie didattiche);
  • D) Interventi finalizzati allo sviluppo di attività sociali e di servizio per le comunità locali.
  • E) Interventi per attività ricreative, sportive,escursionistiche e di ippoturismo riferite al mondo rurale comprese le attività legate alle tradizioni rurali e alla valorizzazione delle risorse naturali e paesaggistiche.

 

3) Percentuali di contribuzione delle sottomisure attivate
 

40% per gli investimenti incluse le spese generali e di informazione e pubblicità con una maggiorazione del 10% in caso di investimenti realizzati in aziende con superficie condotta che ricade completamente in zona montana individuata ai sensi del comma 1 lett. a) dell'art. 32 del Reg. (UE) 1305/2013.


4) Minimali e massimali


L'aiuto è concesso ai sensi del Reg.(UE) 1407/2013 "Aiuti de Minimis" pertanto l'importo complessivo dei contributi che un soggetto privato può ricevere non può superare i 200.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari.

Non sono ammesse domande con un contributo minimo richiesto/concesso inferiore a 5.000 euro.

 

5) Dotazione finanziaria del bando


3,5 milioni di euro per l'anno 2016.

6) I criteri di selezione


Una volta presentata la domanda di aiuto verrà stilata una graduatoria.
Per entrare in graduatoria, oltre al rispetto dei requisiti minimi di accesso, la domanda di aiuto deve aver ottenuto almeno 5 punti.

I macro criteri utilizzati per l'assegnazione del punteggio sono:

  • tipologie di territorio in cui ricadono le Unità Produttive
  • genere femminile del beneficiario
  • settori di intervento ( attività sociale)

Le domande che entreranno in graduatoria e che risulteranno ammissibili, verranno finanziate sulla base delle risorse a disposizione.

 

7) Fasi procedurali e norme in materia di spese ammissibili/non ammissibili


Le fasi del procedimento collegate all'attuazione della sottomisura 4.1, nonché le norme inerenti l'ammissibilità delle spese sono disciplinate dal Decreto del Direttore di Artea n. 63 del 28 giugno 2016, che approva le "Disposizioni comuni per l'attuazione delle misure a investimento".

Si riporta un estratto del documento di cui sopra, limitatamente agli aspetti principali collegati all'ammissibilità delle spese, necessari per la predisposizione delle domande di aiuto.

Scadenza e presentazione della domanda

La domanda di aiuto deve essere presentata utilizzando la modulistica presente sull'anagrafe ARTEA (www.artea.toscana.it), a partire dal 28 luglio ed entro il 21 novembre 2016  (ore 13.00).

Consulta il testo del bando

Bando (Allegato A al decreto), approvato con Decreto n. 5790 del 6 luglio 2016 e modificato con i seguenti decreti:

Graduatoria approvata con Decreto ARTEA n. 15 del 26/1/2017 Allegato 1, Allegato 2

Per informazioni è possibile compilare il modulo on-line scrivici

 

Per saperne di più: Qualsiasi informazione relativa all'avviso e agli adempimenti ad esso connessi pu� essere richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica: silvia.anichini@regione.toscana.it

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
20.12.2017
Article ID:
13557825