Azioni di sistema per il territorio (ricerca, sistemi informativi, cartografia)

Condividi

Obiettivi e finalità
Per adottare azioni e strategie efficaci, è indispensabile disporre di una idonea base di conoscenza, con il cui suppor to svolgere gli studi e le analisi necessarie per individuare gli obiettivi da perseguire e le modalità per conseguirli. In questo ambito il compito della Regione è quello di raccogliere, mantenere, documentare e diffondere la conoscenza territoriale ed ambientale.
La legge regionale 1/2005 stabilisce che la Regione concorre con le Province e i Comuni alla formazione ed alla gestione integrata del sistema informativo geografico regionale, fondamentale strumento di conoscenza che consente di elaborare e valutare gli strumenti della pianificazione territoriale e verificarne i loro effetti. L’informazione geografica raccolta e gestita riguarda tutte le conoscenze relative al territorio, al paesaggio, all’ambiente, alle risorse, alle fonti di pressione, alle criticità, ai vincoli ed agli strumenti di governo del territorio, oltre che tutti quegli indicatori utili a monitorare l’evoluzione nel tempo. Grazie ai finanziamenti regionali ed europei sono realizzati voli aerei, ortofoto, cartografia topografica, geologica, pedologica e tematica.

Sistema di governance
La Regione collabora, oltre che con tutti gli enti locali, anche con le Autorità di bacino, l’Università, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), il Servizio Geologico Nazionale, ISPRA, il Consorzio Lamma e l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT).
La Regione opera inoltre in collaborazione e coordinamento con gli Enti territoriali e loro associazioni sulla base dell’intesa per la par tecipazione alla costruzione del Sistema Informativo Geografico Regionale mediante un Comitato tecnico che definisce obiettivi ed attività da perseguire e realizzare quali contenuti per l’Atto di indirizzo approvato annualmente dalla Giunta.

Strumenti (leggi e programmi regionali)
▪ LR 1/2005 – Norme per il governo del territorio

Risorse attivate
(v. Tab. Risorse attivate azioni di sistema per il territorio)

I temi di rilievo

Informazioni geografiche raccolte

L’intero territorio della Toscana è coperto dalla Cartografia tecnica regionale (CTR) alla scala 1:10000, mentre circa 7.500 Km quadrati di suolo urbano, pari al 33% della regione, sono cartografati con assoluta precisione in 6.000 mappe digitali alla scala 1:2.000 e confluiti in un unico Data Base Topografico multiscala.
Oltre 150.000 foto aeree, realizzate nel tempo con periodiche campagne di volo, e coperture regionali di ortofotocarte di precisione, sia in bianco e nero che a colori, a partire dal 1954 fino al 2010 costituiscono un patrimonio informativo aerofotografico di grande valore documentale.

Geologia e Pedologia
Sono stati recentemente raggiunti i seguenti obbiettivi di rilievo: il completamento della carta pedologica di terzo livello del Bacino dell’Arno, con cofinanziamento dell’Autorità di Bacino; la prima fase di realizzazione dell’Inventario dei fenomeni franosi della Toscana e relative coperture; l’avvio della realizzazione del continuum territoriale geologico, riconciliando i diversi fogli della carta geologica in scala 1:10.000 realizzati con legende differenti; il completamento della banca dati delle concessioni di acque minerali e termali; la modellizzazione e ricostruzione dei corpi idrici significativi; il progetto AmianTos di caratterizzazione della presenza di amianto nelle rocce; l’avvio della realizzazione della carta regionale della radioattività naturale; l’avvio del progetto DIANA per lo studio dei corpi di frana con tecnologie  satellitari.

Cartografia storica
Sono state acquisite e georeferenziate le oltre 12.000 mappe del Catasto leopoldino, conservate presso gli Archivi di Stato toscani, che documentano lo stato e l’assetto del territorio e dei paesaggi della Toscana preunitaria.

Banche dati tematiche
Comprendono anche archivi di interesse generale fra cui: il sistema delle aree naturali protette, l’uso del suolo agricolo, forestale e urbano e la sua evoluzione storica, i sistemi informativi della vincolistica ambientale e storico-culturale, gli strumenti della pianificazione territoriale e settoriale.
È possibile consultare e scaricare la maggior parte dei dati grazie alle banche dati digitali on line ed è disponibile la navigazione interattiva 3D sulla Toscana, che presto consentirà, oltre alla navigazione nello spazio, anche una navigazione nel tempo, consentendo di visualizzare le evoluzioni che il territorio ed il suo paesaggio hanno avuto nel corso degli anni.

Prospettive per il futuro
Continuerà il lavoro di produzione di dati e cartografie per supportare il “Sistema Toscana”, con la raccolta, l’organizzazione e l’integrazione dei contributi degli enti pubblici competenti e degli altri soggetti produttori di “conoscenza” in materia territoriale ed ambientale (comunità scientifica).
La Regione opera inoltre definendo le istruzioni tecniche, i capitolati, gli standard per realizzare e gestire la base informativa e le regole per produrre e diffondere l’informazione geografica, consentendo l’accesso gratuito di tutti i cittadini al sistema informativo.
Lo sviluppo e il continuo aggiornamento del patrimonio di cartografia regionale (in scala 1:10.000 e 1:2.000, sia nella forma di carta topografica che in quella di ortoimmagini) è indispensabile strumento a disposizione di tutte le istituzioni (Regione, Province e Comuni) per la redazione degli strumenti di pianificazione territoriale e per soddisfare i fabbisogni conoscitivi a supporto delle attività tecniche e progettuali. Obiettivo strategico sarà anche l’avvio del sistema informativo per monitorare gli effetti degli strumenti di governo del territorio.
Continueranno le attività di realizzazione e completamento delle banche dati relative ai dati geologici e pedologici. Nel corso del 2011-2012 saranno realizzate anche le carte della capacità d’uso dei suoli, la carta della fertilità, la carta dei sistemi di paesaggio e saranno condotte sperimentazioni sui modelli numerici di bilancio idrico.
L’infrastruttura geografica regionale dovrà consentire condivisione, riuso, documentazione ed accessibilità delle banche dati geografiche: basata sulle più recenti tecnologie web, si configurerà come sistema cooperativo tra la Regione e gli altri enti territoriali, con l’obiettivo di avviare l’Infrastruttura di dati spaziali (Inspire) della Toscana. La Regione intende proseguire il suo impegno per costruire banche dati digitali sempre più ricche del suolo e quindi in grado di garantire sempre meglio quel quadro conoscitivo indispensabile per supportare le attività decisionali e favorire l’accesso del cittadino al patrimonio conoscitivo, anche allo scopo di rendere più efficaci i processi di partecipazione.


Aggiornato al:
16.11.2011