Contributi a datori di lavoro a sostegno dell'occupazione: il bando 2020

Approvati anche gli elenchi delle richieste di contributo luglio 2020. Por Fse 2014-2020 e risorse regionali. Giovanisì. Domande online entro il 15 gennaio 2021.


BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di pubblicazione bando su BURT

18 giugno 2020

Data di scadenza presentazione domande

15 gennaio 2021

Mettere a disposizione dei datori di lavoro privati contributi pubblici per favorire l’occupazione di donne disoccupate over 30, giovani laureati e dottori di ricerca, lavoratori licenziati a partire  dal primo gennaio 2018,  lavoratori  interessati  da  licenziamenti collegati a crisi aziendali, soggetti disoccupati over 55, persone con disabilità e soggetti svantaggiati.  E' questa la finalità dell'avviso pubblico annualità 2020 per l’assegnazione di contributi ai datori di lavoro privati a sostegno dell’occupazione per gli anni 2018-2020 approvato dalla Regione Toscana con decreto dirigenziale 8421 del 28 maggio 2020 che ha un budget di 5,6 milioni di euro.

Il bando è finanziato con risorse del Programma operativo regionale (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020  e da risorse regionali del Fondo per assunzione giovani laureati per imprese ed attua la delibera di giunta regionale 1633 del 23 dicembre 2019.
Relativamente agli incentivi con destinatari finali i giovani laureati e dottori di ricerca l'avviso pubblico rientra nell'ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.

Destinatari / beneficiari del bando. Possono presentare richiesta di contributo i datori di lavoro privati che hanno le caratteristiche /requisiti indicati all'articolo 3 "Beneficiari del bando" del bando con sede legale o unità operative destinatarie delle assunzioni nelle aree di intervento indicate al paragrafo 4 "Aree territoriali di intervento" del bando

Scadenza  e presentazione domanda. Il bando ha validità fino al 15 gennaio 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse. E' possibile  presentare  domanda  di  contributo  dalle ore  9:00  del  18 giugno 2020 (giorno  successivo  alla  pubblicazione sul Burt dell'avviso, 17 giugno 2020) fino e non oltre il 15 gennaio 2021.
La compilazione della domanda potrà avvenire in più sessioni di lavoro all’interno dell’intervallo di tempo sopra indicato. Trascorso il termine ultimo per la presentazione della domanda senza che la stessa sia stata inviata, l’applicativo non darà più modo di presentarla.
Il datore di lavoro che intenda chiedere il contributo deve presentare domanda esclusivamente online all’indirizzo https://web.regione.toscana.it/fse3 tramite  l’applicazione  “Formulario  incentivi  alle imprese”, previa registrazione al Sistema Informativo FSE.
Si accede al Sistema Informativo FSE con l’utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi (Cns) attiva oppure con credenziali Spid (Sistema pubblico di identità digitale), per il cui rilascio si possono seguire le indicazioni della pagina open.toscana.it/spid.
Le domande di contributo presentate con modalità diverse da quella descritte nel presente articolo non saranno ammesse a finanziamento.
Il datore di lavoro che intenda richiedere il contributo per più lavoratori può presentare un’unica istanza online, purché i lavoratori appartengano tutti ad una stessa tipologia di cui all’articolo 5 del bando.

Soggetti destinatari. I datori di lavoro privati con sede legale e/o unità operativa destinataria dell'assunzione localizzata all'interno delle aree territoriali di cui all’articolo 4 dell'avviso, che assumono a partire dal primo gennaio 2020 le sotto specificate tipologie di lavoratori:

1) donne assunte a tempo indeterminato, che al momento dell’assunzione abbiano compiuto il 30° anno di età e si trovino in stato di disoccupazione ai sensi dell'art. 19 art. 19 "Stato di disoccupazione" del decreto legislativo 150/2015 e sucessive modifiche e integrazioni;

2) persone con disabilità assunte a tempo indeterminato o a tempo determinato con un contratto della durata di almeno 12 mesi (proroghe escluse) e che siano iscritte negli appositi elenchi del collocamento mirato, di cui all’art. 8 della legge 68/1999 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili";

3) lavoratori licenziati a partire dal primo agosto 2008 (ad eccezione dei licenziati per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo) assunti a tempo indeterminato e che al momento dell’assunzione si trovino in stato di disoccupazione ai sensi dell'art. 19 "Stato di disoccupazione" del decreto legislativo 150/2015 e sucessive modifiche e integrazioni;

3bis)  lavoratori interessati da licenziamenti collegati a crisi aziendali di particolare rilevanza per il territorio regionale o locale (almeno 100 esuberi verificatisi nel 2019-2020 determinati dalla cessazione delle attività aziendali o parti di queste) assunti a tempo indeterminato che al momento dell’assunzione si trovino in stato di disoccupazione ai sensi dell'art. 19 del decreto legislativo  e successive modifiche e integrazioni;

4) soggetti assunti a tempo indeterminato che al momento dell’assunzione abbiano compiuto il 55° anno di età e si trovino in stato di disoccupazione ai sensi dell'art. 19 del decreto legislativo 150/2015 e successive modifiche e integrazioni;

5) soggetti svantaggiati e gli altri soggetti indicati all'art. 17 bis comma 5 legge regionale 32/2002 “Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro” assunti a tempo indeterminato:

  • soggetti svantaggiati, di cui all’articolo 4, comma 1, della legge 8 novembre 1991, n. 381 (Disciplina delle cooperative sociali);
  • persone inserite nei programmi di assistenza e integrazione sociale a favore delle vittime di tratta e grave sfruttamento previsti dall’articolo 13 della legge 11 agosto 2003, n. 228 (Misure contro la tratta di persone) e dall’articolo 18 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero);
  • vittime  di  violenza  inserite  nei  percorsi  di  protezione  relativi  alla  violenza  di  genere certificati dai servizi sociali del comune di residenza o dai centri anti violenza o dalle case rifugio di cui all’articolo 5 bis del decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 (Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province), convertito, con modificazioni, dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119;
  • richiedenti protezione internazionale e titolari di status di “rifugiato” o di “protezione sussidiaria” di cui all’articolo 2, comma 1, lettere e) e g), del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25 (Attuazione della direttiva 2005/85/CE recante norme minime per le procedure applicate  negli  Stati  membri  ai  fini  del  riconoscimento  e  della  revoca  dello  status  di rifugiato);
  • titolari di permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari, di cui all’articolo 5, comma 6, del decreto legislativo 286/1998 e all’articolo 32, comma 3, del decreto legislativo 25/2008;
  • profughi di cui alla legge 26 dicembre 1981, n. 763 (Normativa organica per i profughi);

6) Giovani laureati / dottori di ricerca, di età non superiore ai 35 anni (40 anni per gli appartenenti alle categorie di cui alla legge 68/1999) al momento dell’assunzione, assunti a tempo indeterminato o a tempo determinatocon un contratto della durata di almeno 12 mesi (proroghe escluse), con mansioni di elevata complessità tali da richiedere la qualificazione universitaria e con livello di inquadramento contrattuale adeguato rispetto a quanto stabilito dal relativo CCNL di riferimento, sottoscritto dalle organizzazioni maggiormente rappresentative. Il parere circa la rispondenza del contratto e delle mansioni svolte dal laureato è demandato a rappresentanti delle organizzazioni datoriali e Sindacali presenti in Commissione Regionale Permanent Tripartita.


Tipo e misura dei contributi. Ai fini del bando le tipologie e misure dei contributi per le assunzioni sono le seguenti:

a) Per donne disoccupate over 30 un incentivo pari a:
euro 8.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 4.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;

b) Per persone con disabilità un incentivo pari a:
euro 10.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 5.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;
euro 5.000 per l’assunzione a tempo determinato full time con durata contrattuale maggiore o uguale a 12 mesi (proroghe escluse);
euro 2.500 per l’assunzione a tempo determinato part-time con durata contrattuale maggiore o uguale a 12 mesi (proroghe escluse).

c) Per lavoratori interessati a partire dal 1 gennaio 2008 da licenziamento un incentivo pari a:
euro 8.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 4.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;

c bis) Per lavoratori interessati da licenziamenti collegati a crisi aziendali di particolare rilevanza per il territorio regionale o locale (almeno 100 esuberi verificatisi nel 2019-2020 determinati dalla cessazione delle attività aziendali o parti di queste) un incentivo pari a:
euro 8.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 4.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;

d) Per soggetti disoccupati over 55 un incentivo pari a:
euro 8.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 4.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;

e) Per soggetti svantaggiati indicati all’art. 17 bis comma 5 della legge regionale 32/2002 un incentivo pari a:
euro 10.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 5.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;

f) Per giovani laureati (per le sole Piccole Medie Imprese –PMI) un incentivo pari a:
euro 6.000 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 3.000 per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;
euro 3.000 per l’assunzione a tempo determinato full-time con durata contrattuale maggiore o uguale a 12 mesi (proroghe escluse);
euro 1.500 per l’assunzione a tempo determinato part-time con durata contrattuale maggiore o uguale a 12 mesi (proroghe escluse).

g) Per dottori di ricerca (per le sole Piccole Medie Imprese –PMI) un incentivo pari a:
euro 6.500 per l’assunzione a tempo indeterminato full time;
euro 3.250  per l’assunzione a tempo indeterminato part-time;
euro 3.250  per l’assunzione a tempo determinato full-time con durata contrattuale maggiore o uguale a 12 mesi (proroghe escluse);
euro 1.625 per l’assunzione a tempo determinato part-time con durata contrattuale maggiore o uguale a 12 mesi (proroghe escluse)

Per tutte le tipologie di lavoratori, nel caso in cui un rapporto di lavoro a tempo determinato (della durata di almeno 12 mesi proroghe escluse) già incentivato nel periodo di validità dell'edizione precedente del bando (avviso pubblico approvato con decreto dirigenziale 13481 del 27 luglio 2018 poi modificato con decreto 15453 del 2 ottobre 2018) venga trasformato a tempo indeterminato nel corso del 2020, il datore di lavoro può richiedere un ulteriore contributo pari alla differenza tra l'importo del contributo già concesso e il contributo spettante per il tempo indeterminato

Dotazione finanziaria. Il budget del bando è di complessivi 5 milioni 653 mila 977 euro.
Gli interventi previsti sono finanziati per l'annualità 2020:

  • con risorse del Por Fse 2014-2020 per 4 milioni 253 mila 977 euro, e
  • con risorse regionali per 1 milione 400 mila euro


Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il bando e i suoi allegati approvati con decreto 8421 del 28 maggio 2020:

Avviso pubblico incentivi 2020 (allegato A del decreto)

Dichiarazione requisiti (allegato 1 del decreto) - scarica file editabile .odt
Dichiarazione regime de minimis (allegato 2) - scarica file editabile .odt
Dichiarazione sicurezza (allegato 3) - scarica file editabile .odt
dichiarazione certificazione titolo di studio giovane laureato / dottore di ricerca (allegato 4) - scarica file editabile .odt
Dichiarazione persone svantaggiate (allegato 5) - scarica file editabile .odt
Delega (allegato 6) - scarica file editabile .odt

Per saperne di più / contatti


Graduatorie
 

Decreto dirigenziale 16872 del 19 ottobre 2020
Approvazione elenchi delle richieste di contributo luglio 2020. Impegno di spesa."

Decreto dirigenziale 14469 del 11 settembre 2020
Approvazione elenchi delle richieste di contributo presentate nel mese di giugno 2020. Impegno di spesa


Edizione precedente del bando
Approvato con decreto dirigenziale 13481 del 27 luglio 2018 come modificato con decreto 15453 del 2 ottobre 2018. Vai alle graduatorie

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
26.10.2020
Article ID:
25148129