Aiuti per le "sentinelle" blue tongue

  Con il presente intervento la Regione Toscana migliora il livello di sicurezza sanitaria, intervenendo a favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino e bufalino, al fine di incentivare la collaborazione con le autorità sanitarie preposte alla attuazione del Piano di sorveglianza sierologica per la febbre catarrale degli ovini (blue tongue) prevista dall’ordinanza del Ministero della Sanità 11 maggio 2001 (Misure urgenti di profilassi vaccinale obbligatoria per la febbre catarrale degli ovini “Blue Tongue”).


BANDO CON ATTUAZIONE
Condividi

Data di pubblicazione bando su BURT

15 luglio 2020

Numero e parte del BURT

n. 29, Parte III

Data di scadenza presentazione domande

14 settembre 2020

Le domande dal 16 luglio al 14 settembre sul sistema ARTEA con ID 353

A seguito della pubblicazione sul BURT del Decreto del 30 giugno 2020, n. 10276 (DCR n. 81/2019 - DGR 507/2020. DEFR 2020. Progetto Regionale 6 – Intervento 2.6.XII. Disposizioni attuative dell’intervento in regime de minimis a sostegno agli allevatoriche mettono a disposizione i propri capi quali “sentinelle” da Blue Tongue. Approvazione bando di attuazione. Impegno e liquidazione ad ARTEA delle risorse. Annualità 2020), è possibile presentare richiesta di sostegno da parte degli allevatori che hanno messo a disposizione animali “sentinella” per il controllo della Blu Tongue nel 2019 in attuazione del Piano di sorveglianza sierologica per la febbre catarrale degli ovini (Blue Tongue).

Bando

Decreto del 30 giugno 2020, n. 10276

“DCR n. 81/2019 - DGR 507/2020. DEFR 2020. Progetto Regionale 6 – Intervento2.6.XII”. Disposizioni attuative dell’intervento in regime de minimis a sostegno agli allevatoriche mettono a disposizione i propri capi quali “sentinelle” da Blue Tongue. Approvazione bando di attuazione. Impegno e liquidazione ad ARTEA delle risorse. Annualità 2020”

Scadenza

Il bando scade alle ore 24:00 del  14 settembre 2020

A chi si rivolge

Aziende agricole con allevamento ovino, caprino, bovino e bufalino con aziende sentinella alla Blu Tongue

Opportunità

Sostegno per gli animali messi a disposizione nell’annualità precedente a quella di presentazione della domanda (2019), nonché per capi messi a disposizione anche nelle due annualità subito precedenti (2018 – 2017) per domande non presentate.

Come partecipare

La domanda, completa di tutti i documenti richiesti, si presenta sul portale di Artea www.artea.toscana.it a partire dal 16 luglio 2020, ID 353

Leggi il bando completo

Decreto del 30 giugno 2020, n. 10276
 

  • Bando (allegato A del decreto)

  • Scheda AUSL (allegato B al decreto) da allegare all'istanza

 

Finalità.

Con il presente intervento la Regione Toscana migliora il livello di sicurezza sanitaria, intervenendo a favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino e bufalino, al fine di incentivare la collaborazione con le autorità sanitarie preposte alla attuazione del Piano di sorveglianza sierologica per la febbre catarrale degli ovini (blue tongue) prevista dall’ordinanza del Ministero della Sanità 11 maggio 2001 (Misure urgenti di profilassi vaccinale obbligatoria per la febbre catarrale degli ovini “Blue Tongue”).

Destinatari / beneficiari.

Il contributo è concesso alle aziende agricole con allevamento ovino, caprino, bovino e bufalino che hanno messo a disposizione dell’autorità sanitaria un numero di capi adeguato alle esigenze del piano di sorveglianza sierologica, così come stabilito dall’Azienda Unità Sanitaria Locale (AUSL) competente per territorio nell’anno 2019.
Possono altresì essere presentate eventualmente anche istanze per animali messi a disposizione nelle due annualità immediatamente precedenti (2018 e 2017) e non presentate.

Scadenza e presentazione della domanda.

Le domande di aiuto possono essere presentate solo mediante procedura informatizzata, a partire dal 16 luglio ed entro le ore 24.00 del 14 settembre 2020, impiegando esclusivamente la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell'Anagrafe Regionale delle aziende agricole gestita dall'Agenzia regionale erogazione in agricoltura (ARTEA) e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it, attraverso il modulo ID 353.

La domanda deve essere sottoscritta e presentata secondo le modalità indicate dal decreto del direttore di ARTEA del 31 dicembre 2015, n. 140  e successive modifiche e integrazioni (decreto del direttore ARTEA n. 70/2016)

Tipo di agevolazione

Il sostegno è erogato in forma di premio per gli animali messi a disposizione nell’annualità precedente a quella di presentazione della domanda (2019), nonché per capi messi a disposizione anche nelle due annualità subito precedenti (2018 – 2017) per domande non presentate.

Per i prelievi effettuati sugli animali a partire dal 1° gennaio 2017 il contributo è pari al massimo a 100,00 euro per ogni capo messo a disposizione dell’autorità sanitaria per l’interno anno; il contributo è proporzionalmente ridotto in relazione al periodo di effettiva messa a disposizione (calcolato in mesi per un contributo mensile pari al massimo a euro 8,33).

Nel caso in cui le risorse non siano sufficienti a coprire l’intero fabbisogno finanziario, è applicata una riduzione percentuale a tutte le domande presentate sulla base delle risorse disponibili, del numero dei capi e dell’effettivo periodo mensile per il quale il capo è stato messo a disposizione.

Il sostegno è erogato in regime “de minimis” ai sensi del regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.


Dotazione finanziaria.
Il bando ha un budget finanziario è di 80.000,00 euro.


Per conoscere i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente il testo del bando (allegato A del decreto del 30 giugno 2020, n. 10276)


Per ulteriori informazioni

Dirigente responsabile
Gennaro Giliberti - tel 055/4383747 e-mail: gennaro.giliberti@regione.toscana.it

Referent per la misura:
Francesca Maria Cappè - tel 055/4386148 e-mail: francescamaria.cappe@regione.toscana.it
Riccardo Buti - tel 055/4383207 e-mail: riccardo.buti@regione.toscana.it

 

Organismo emittente:
Regione Toscana

Aggiornato al:
12.08.2020
Article ID:
16221215