Salta al contenuto Salta al menu'

La nuova Regione

La nuova Regione

La mappa delle competenze, dei servizi e delle sedi

Dal 1 gennaio 2016, molte competenze delle Province passeranno alla Regione. Sarà una Regione diversa e sarà una Regione, intesa stavolta come somma dei vari livelli di governo, più semplice per cittadini e imprese: con (ex) addizionali tutte uguali, regole e procedure condivise.

La 'nuova' Regione non sarà più solo ente di legislazione e programmazione, ma sempre più ente che gestirà direttamente molte funzioni, dall'agricoltura a caccia e pesca, dall'ambiente alla difesa del suolo, dalla formazione professionale alla realizzazione e manutenzione della viabilità regionale. Sarà anche presente sui territori, con un front office e relazioni dirette con i cittadini, in quegli stessi uffici che fino ad adesso sono stati delle Province.

Sono un migliaio i dipendenti migrati dai ruoli delle Province a quelli della Regione: molti rimarranno a lavorare nelle città dove oggi sono impiegati. Altri 214 dipendenti si sposteranno dalle Province ai Comuni e alle Unioni di Comuni. I lavoratori che passeranno alla Regione sono circa un quarto dei poco meno quattromila dipendenti che contavano le nove Province toscane e la città metropolitana fiorentina.

La Polizia provinciale, che conta in tutta la Toscana circa 170 guardie, non sarà sciolta e si occuperà di controlli sulla viabilità provinciale e regionale e su altre materie regionali, come caccia, pesca e agricoltura.

Da gennaio cambieranno veste anche i sessanta sportelli dei centri per l'impiego provinciali. Dipenderanno dalla Regione, con i loro mille operatori tra interni e esterni. Rimarranno comunque localizzati dove sono oggi.

Riferimenti normativi


Cosa cambia materia per materia


La mappa di tutti gli uffici territoriali della Regione

Consulta la banca dati degli uffici territoriali ►►

Leggi i comunicati di Toscana Notizie ►►


Ultima modifica: 04/02/2016 13:25:54 - Id: 13041492