Salta al contenuto Salta al menu'

Innovazione e ambiente nelle filiere agricole e forestali: i risultati dei progetti

Psr Feasr 2014-2020, sottomisura 16.2

Innovazione e ambiente nelle filiere agricole e forestali: i risultati dei progetti

Oltre 200 beneficiari, per oltre 12 milioni di contributi pubblici. Ecco i risultati dei 35 progetti realizzati per nove filiere e nella multifiliera, all'interno di aziende agricole e forestali della Toscana, tra il 2015 e il 2018, cofinanziati dal Programma di sviluppo rurale (Psr) Feasr della Regione Toscana


Pubblicati i risultati dei 35 progetti di innovazione cofinanziati dalla sottomisura 16.2  "Sostegno a progetti pilota e di cooperazione"  del Programma di sviluppo rurale (Psr) del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) 2014-2020, attraverso il bando 2015 per Progetti integrati di filiera (Pif, progettazione integrata).  I progetti innovativi interessano nove filiere produttive: cerealicola proteoleaginose, colture industriali / piante officinali, olivicola, ortofrutticola, vitivinicola, vivaistica, zootecnica bovina, e zootecnica ovicaprina; e più filiere allo stesso tempo (multifiliera).

I partenariati che si sono costituiti hanno visto la partecipazione di produttori primari, imprese di trasformazione, industrie di seconda lavorazione e industrie meccaniche, operatori commerciali, imprese di servizio e soggetti pubblici e privati impegnati nella ricerca e sperimentazione. Complessivamente i partner beneficiari di finanziamento sono stati oltre 200 per complessivi 12 milioni di contributi pubblici.

Con la misura 16.2 Psr Feasr 2014-2020 è possibile finanziare progetti pilota di sperimentazione e verifica dell'applicabilità di tecnologie, tecniche e pratiche in relazione ai contesti geografici e/o ambientali della regione. E' un intervento di sostegno pubblico che consente di verificare e collaudare innovazioni di processo, di prodotto e organizzative già messe a punto dalla ricerca, ma ancora da contestualizzare nelle realtà produttive e negli ambienti pedoclimatici della Toscana. La sottomisura promuove altresì progetti di cooperazione tra due o più soggetti che diano risposte concrete alle imprese favorendone la competitività attraverso l'adattamento e l'introduzione di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie già esistenti e collaudati, ma non ancora utilizzati. I progetti hanno quindi richiesto la cooperazione fra i diversi attori delle filiere produttive che attraverso specifici accordi e la sottoscrizione di impegni comuni hanno determinato lo sviluppo di nuovi prodotti, nuovi processi o nuove tecnologie.

Progetti a livello locale a valere sulla misura 16.2 Psr Feasr 2014-2020 sono stati finanziati anche dai Gal (Gruppi di azione locali) che operano attraverso la programmazione LEADER (per i risultati di questi progetti si rimanda ai siti dei Gal della Toscana)

La sottomisura 16.2 del Psr Feasr 2014-2020 prosegue idealmente quanto realizzato con la misura 124 della precedente programmazione Psr Feasr 2007-2013, che ha avuto un impatto innovativo per il comparto agricolo toscano. Essa è stata infatti la prima misura di un Piano di sviluppo rurale che ha promosso la collaborazione tra il mondo produttivo e il mondo scientifico per testare "in campo" validità e l'applicabilità dei risultati conseguiti con ricerche già realizzate.



Anna Luisa Freschi

foto slidershow: progetto ASIOLBIOSI
foto in alto: rami di olivo con frutti, progetto SEMIA

 


Ultima modifica: 05/06/2019 18:04:01 - Id: 16031300
  • Condividi
  • Condividi