Salta al contenuto Salta al menu'

Por Fesr 2014-2020: sintesi per il cittadino con numeri e risultati al 31 dicembre 2018

Programma operativo regionale (Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr)2014-2020. Comitato di sorveglianza 21 giugno 2019

Por Fesr 2014-2020: sintesi per il cittadino con numeri e risultati al 31 dicembre 2018

3.621 i progetti finanziati, per un totale di 638,9 mln di risorse stanziate che rappresentano l'81% del budget totale del Por Fesr.. Dopo l'approvazione della Relazione di attuazione annuale 2018 da parte del Comitato di Sorveglianza, è disponibile la Sintesi per il cittadino che fa il punto su dati, risultati e progetti del Fondo europeo di sviluppo regionale in Toscana


Far comprendere ai cittadini,  semplificando forma e linguaggio, quali sono i risultati raggiunti attuando il Programma operativo regionale (Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). E' questo l'obiettivo del documento di sintesi che, utilizzando anche dati, infografiche e progetti, descrive come sono state investite le risorse finanziarie pubbliche Fesr in Toscana e quali sono i principali risultati conseguiti dal programma alla data del 31 dicembre 2018.
 


Nella riunione del Comitato di Sorveglianza del Por Fers 2014-2020 tenutasi il 21 giugno 2019 è stata confermata la capacità di spesa e di attuazione dei Fondi europei in Toscana al 31 dicembre 2018:

  • 3.621 i progetti finanziati
  • per un totale di 638,9 milioni di risorse pubbliche stanziate che rappresentano l'81% della dotazione totale del Por Fesr


I principali risultati sono stati presentati nel corso della riunione che ha coinvolto il partenariato istituzionale, economico e sociale e che ha visto l'approvazione della Relazione di Attuazione Annuale relativa all'anno 2018, documento che attesta la realizzazione dei target intermedi previsti dal performance framework del programma per il periodo 2014-2020, sia per quanto riguarda l'attuazione fisica che finanziaria. 

Il raggiungimento dei target consente alla Regione Toscana di beneficiare di ulteriori 47,5 milioni di euro per lo sviluppo socio-economico del territorio regionale, mantenendo la dotazione complessiva del programma di 792,4 milioni di euro.

Ecco in breve i principali risultati per ambito di intervento:


Ricerca, sviluppo e innovazione
Investimenti per ricerca industriale e sviluppo sperimentale, innovazione e servizi innovativi, sostegno ai distretti tecnologici e alle infrastrutture di ricerca: questi gli interventi che hanno finanziato 2.228 progetti dei quali 979 hanno sostenuto le imprese per introdurre nuovi prodotti sul mercato, per  240,8 Mln di euro di risorse stanziate, al fine di incrementare l'attività di innovazione delle imprese, aumentare l'incidenza delle specializzazioni innovative e sostenere le infrastrutture di ricerca considerate cruciali per il sistema regionale in linea con la Strategia di Specializzazione Intelligente (RIS3).

Banda ultralarga
Con l'obiettivo di favorire la diffusione delle tecnologie ICT e ridurre il divario digitale in Toscana attraverso la diffusione della banda larga e ultra larga, sono stati finanziati 2 progetti per un totale di 46,6 mln di euro di risorse stanziate che hanno consentito la copertura di 76.431 Unità immobiliari.

Competitività delle imprese
Sono 830 i progetti finanziati per elevare il livello di internazionalizzazione, oltre ai 5 strumenti finanziari messi in campo per favorire l'accesso al credito delle MPMI toscane dei settori manifatturiero, turismo e commercio,  tra i quali il microcredito per la creazione di impresa giovanile, femminile e  di destinatari di ammortizzatori sociali. Le risorse stanziate sono pari a 116,5 mln di euro e hanno consentito a ulteriori 838 imprese di ricevere un sostegno finanziario diverso dal fondo perduto.

Sostenibilità ambientale
Al fine di favorire la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas serra e inquinanti delle imprese industriali, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza e favorendo l'utilizzo di fonti rinnovabili, sono stati finanziati 361 interventi per un totale di 149,5 mln di euro di risorse stanziate. Due le linee d'azione: efficientamento energetico delle imprese e degli edifici pubblici e mobilità sostenibile. Tra i progetti finanziati si ricordano gli 11,7 km di piste ciclabili già realizzate.

Arte e cultura
Gli Etruschi e  le antiche città dell'Etruria, il Medioevo e la Via Francigena, il Rinascimento con le ville e i giardini medicei, la scienza e l'arte contemporanea: questi i cinque temi individuati dal POR.
Con l'obiettivo di  qualificare e valorizzare la rete dei grandi attrattori culturali, riconoscendo loro una centralità nel territorio per l'attivazione di nuovi servizi e collegamenti con le realtà minori ma con alto potenziale di sviluppo, sono stati finanziati 23 progetti che hanno previsto interventi su una superficie di 24.420 mq,  per un totale di 22,5 mln di euro di risorse stanziate.

Rigenerazione urbana
I Progetti di Innovazione Urbana (PIU) prevedono interventi di riqualificazione finalizzati a rendere più vivibili, attrattivi, socialmente ed economicamente più vivaci i quartieri delle aree urbane. Negli otto  progetti in attuazione nei Comuni di Lucca, Montemurlo e Montale, Prato, Empoli, Poggibonsi e Colle di Val D'Elsa, Cecina, Rosignano Marittimo e Pisa sono 64.143 i mq di edifici anche pubblici riqualificati  alla fine del 2018, per un totale di 46,1 mln di euro di risorse stanziate.

Attività di valutazione
Nel corso del Comitato di Sorveglianza (CdS), oltre all'informativa sulle valutazioni svolte nel 2018 e su quelle previste per il 2019, sono stati discussi i risultati di alcune valutazioni svolte da IRPET e dal valutatore on-going Ecoter-Resco.
I risultati hanno riguardato molteplici temi. Dagli effetti delle politiche della mobilità e sul sistema regionale del turismo, agli impatti territoriali attesi per le politiche di innovazione. Dall'industrializzazione dei risultati della ricerca nei primi bandi regionali in materia R&S, alla diffusione territoriale dell'attuazione del Programma sulle aree urbane e sulla costa. Dal concorso del Programma al tema "salute e benessere", alle prime evidenze in materia di valutazione ambientale su specifici interventi realizzati.
La Regione conferma il proprio impegno nelle attività di valutazione del Programma (nel corso del 2018 sono state realizzate 10 valutazioni e nel 2019 ne sono pianificate ulteriori 9) e l'importanza strategica della valutazione è ulteriormente rinnovata anche in vista della prossima programmazione UE 2021-2027.

Programmazione UE 2021-2027
Il CdS è stato occasione per discutere con il partenariato sullo stato di attuazione dei negoziati in corso per il prossimo periodi di programmazione 2021-2027. A maggio 2018 la Commissione europea ha pubblicato le proposte dei regolamenti per il prossimo settennato, oltre che la proposta per il prossimo quadro finanziario pluriennale, ed al momento sono in corso i negoziati tra le varie Istituzioni preposte.
Parallelamente a livello nazionale sono stati avviati i tavoli di lavoro per la definizione dell'Accordo di Partenariato e la Regione partecipa all'interno del partenariato socio-economico ed istituzionale rappresentando le risultanze delle varie programmazioni per un uso efficace delle risorse pubbliche sul territorio.


Ultima modifica: 13/08/2019 14:20:23 - Id: 16447616