Salta al contenuto Salta al menu'
In Primo Piano

Documento Operativo per la Difesa del Suolo

Atto di programmazione per gli interventi di mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico

Studi e banche dati sulla difesa del suolo

Studi e dati relativi alla prevenzione del rischio idrogeologico e idraulico

Modulistica per la tutela delle opere idrauliche e la gestione delle risorse idriche e della costa

Autorizzazioni idrauliche , concessioni acque pubbliche e aree del demanio fluviale, invasi e sedimenti marini

Interventi di difesa del suolo

Lavori di messa in sicurezza idraulica, regimazione e manutenzione dei corsi d'acqua

Difesa del suolo, la mappa interattiva

Mappa interattiva degli interventi per la riduzione del rischio idraulico e idrogeologico

Carta dei servizi della Direzione Difesa del suolo e Protezione civile

La Carta dei Servizi è il documento attraverso il quale ciascun Ente erogatore di servizi assume determinati impegni nei confronti della propria utenza in relazione ai servizi resi ed informa...
« Indietro

Canoni per gli usi delle acque pubbliche 2018

Canoni per gli usi delle acque pubbliche 2018

L'acqua è pubblica, cioè di tutti, ma se, tramite una concessione, ne riserviamo un quantitativo per esigenze personali o aziendali, si preclude agli altri la possibilità di poterla utilizzare; il canone è pertanto il corrispettivo dovuto per questo diritto. Usare l'acqua comporta anche impatti più o meno pesanti sull'ambiente, per contrastare i quali occorrono investimenti. Il canone deve tenere conto pertanto anche di queste componenti aggiuntive di costo, come prevede la normativa europea.

La Regione Toscana con Regolamento 61/R/2016 e s.m.i. ha disciplinato le modalità di rilascio delle concessioni per l'utilizzo della risorsa idrica, definendo inoltre i criteri per la determinazione del canone annualmente dovuto.

Con DGRT n. 1068 del 01.10.2018  sono state confermate le tariffe dell'anno 2017 anche per l'annualità 2018.
 


SCADENZE:

31 DICEMBRE 2018 TERMINE ULTIMO PER IL PAGAMENTO DEL CANONE RELATIVO ALL'ANNO 2018

20 OTTOBRE 2018 TERMINE ULTIMO PER LA PRESENTAZIONE AI COMPETENTI UFFICI REGIONALI DELLA DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE LA MESSA IN ATTO DELLE MISURE DI RISPARMIO AI FINI DELL'APPLICAZIONE DELLE RIDUZIONI DEL CANONE 2018


 

 

MODALITÁ DI PAGAMENTO DEL CANONE

Tutti coloro che derivano e utilizzano acque pubbliche sono obbligati a pagare il canone annuo. Pagando il canone ci si riserva il diritto di prelevare un determinato quantitativo di acqua, stabilito nell'atto di concessione.
Ai sensi dell'articolo 17  della legge regionale 4 ottobre 2016, n. 68 oltre al canone è dovuta una imposta di importo pari al 10% dell'importo del canone.

L'importo dovuto è così determinato:

 

IL PAGAMENTO DEL CANONE DEVE ESSERE EFFETTUATO ENTRO IL

31 DICEMBRE 2018

I versamenti potranno essere effettuati con le modalità descritte
nell'allegato B alla DGRT n° 1068/2018


 

AGEVOLAZIONI

Con Regolamento n. 46R del 11/08/2017, di modifica del d.p.g.r. 61/R/2016, la Regione Toscana ha introdotte nuove forme di agevolazioni, cumulabili per l'anno 2018 fino al 35%.

VISUALIZZA LE AGEVOLAZIONI 2018
 


Per godere delle agevolazioni è necessario inviare apposita richiesta al Genio Civile Territorialmente competente, tramite posta elettronica certificata (PEC regionetoscana@postacert.toscana.it)
entro il 20 ottobre 2018, utilizzando l'apposito MODULO 1

ATTENZIONE!
La richiesta per le agevolazioni di cui all'articolo 16 del Regolamento 61/R/2016, comma 1, lettera l), dovranno essere corredate, a pena di inammissibilità, della "Dichiarazione di adesione al sistema di rilevamento centralizzato della Regione Toscana" di cui al MODULO 2

L'ufficio competente, esaminata l'istanza trasmetterà via PEC al richiedente l'esito dell'esame, motivando in caso il diniego.

 

 

USI DELLE ACQUE PUBBLICHE

Il regolamento regionale DPGR 61/R/2016, ha raggruppato i molteplici usi specifici delle acque in dieci categorie, a cui corrisponde un diverso canone. L'attribuzione della categoria viene effettuata d'ufficio, sulla base delle informazioni contenute nel disciplinare di concessione oppure nella documentazione allegata al momento della presentazione della domanda. Gli utenti possono motivatamente richiedere la variazione della categoria d'uso, qualora l'attribuzione di ufficio non corrisponda a quanto effettivamente esercitato.

VISUALIZZA CATEGORIE D'USO

 

CALCOLO DEL CANONE 2018

Con il Reg 46R del 31/07/2017, di modifica del d.p.g.r. 61/R/2016, la Regione Toscana ha introdotto un nuovo criterio per la determinazione del canone di concessione, in considerazione della categoria d'uso e della portata media di concessione. Il canone risulta quindi composto da una componente fissa e da una variabile in funzione della portata media concessa. Sono inoltre previste per ogni categoria d'uso casi e modalità di determinazione delle riduzioni e maggiorazioni da applicare ai canoni di concessione annualmente dovuti, al fine di favorire il risparmio e l'uso sostenibile della risorsa idrica.

I parametri di riferimento per il calcolo del canone sono il canone fisso (CF) e il canone variabile (CV), come definiti all'articolo 2, comma 1 del R/61/2016 e ss.mm.ii.; è altresì parametro di riferimento la portata media annua di concessione (PMA), espressa in litri secondo.

GLI IMPORTI DEL CANONE VARIABILE E DEL CANONE FISSO SONO STABILITI ANNUALMENTE PER OGNI CATEGORIA D'USO DALLA GIUNTA REGIONALE.

Importi del canone variabile e del canone fisso per l'anno 2018


L'importo del canone di concessione è così definito:
Canone di concessione annuo  = CF + (CV X PMA).

Con riferimento alla categoria d'uso idroelettrico il CV è determinato in base alla potenza nominale media di concessione in luogo della PMA;

Ad esclusione dell'uso potabile, in caso di prelievo di acque sotterranee, l'importo del canone (inteso come somma della parte fissa e variabile) è triplicato

In caso di uso plurimo effettuato dal medesimo utente per la medesima utenza, se il volume di acqua concesso non è quantificato per tipologia di uso, il canone dovuto è quello più elevato ottenuto ipotizzando, di volta in volta, che tutto il quantitativo d'acqua autorizzato sia destinato ad uno solo degli usi.
Se l'acqua concessa è quantificata per ciascuna tipologia d'uso, il canone dovuto è la somma dei canoni calcolati per ogni singolo uso.

 

CONTATTI / INFORMAZIONI

Nel caso di richieste di chiarimenti agli Uffici, al fine di un tempestivo riscontro, si invita cortesemente di specificare nel testo della mail il riferimento della pratica e l'indicazione del comune in cui si trova il bene demaniale occupato.

Ufficio Relazioni con il Pubblico della Regione Toscana (N° verde: 800 86 0070).
Orario: lunedì, mercoledì e giovedì 9.00-18.00, martedì e venerdì 9.00-13.30.


Ultima modifica: 06/12/2018 13:21:51 - Id: 14639469
  • Condividi
  • Condividi