Salta al contenuto Salta al menu'

Servizio antincendio

In Primo Piano

Incendi boschivi agosto 2017

Da gennaio a fine agosto il territorio regionale è stato interessato da un alto numero di incendi boschivi che, statisticamente, allineano il 2017 ad anni di particolare criticità come il 2003 e 2012.

Abbruciamento di residui vegetali

Norme per abbruciamenti e accensione fuochi Periodo non a rischio di incendio (fino al 30 giugno 2018) In questo periodo la normativa consente l'abbruciamento di...

Piano operativo antincendi 2014-2017

  Sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana del 26.03.2014 n.12 parte II è stato pubblicato il decreto dirigenziale n.935 certificato il 14 marzo 2014 che modifica...

Organizzazione regionale antincendi (Aib)

La gestione operativa AIB che la Regione Toscana si è data mira a favorire l'attività preventiva di controllo del territorio e di rapida segnalazione dei principi di incendio,...
« Indietro

Incendi boschivi: statistiche 2000-2013 e serie storica 1970-2013

Incendi boschivi: statistiche 2000-2013 e serie storica 1970-2013

 


Dati statistici


Il confronto dei dati elaborati per il periodo 2000-2013 evidenzia importanti variazioni nel numero di incendi e nella superficie boscata interessata dalle fiamme sul territorio toscano. La serie storica che comprende la statistica a partire dai primi anni Settanta e fino al 2013 (ultimo anno per il quale si dispone al momento di dati certificati) amplia il confronto al periodo nel quale l'organizzazione regionale antincendi boschivi non era strutturata sul territorio e gli eventi erano molto diversi da oggi, sia per numero che per estensione.


Al termine dei rilievi ufficiali effettuati sulle aree percorse dal fuoco da parte del Corpo Forestale dello Stato, sono disponibili i dati definitivi degli incendi boschivi verificatisi nell'anno 2013, che sono stati 210 in tutta la Toscana (Arezzo 17; Firenze 35; Grosseto 21; Livorno 11; Lucca 45; Massa Carrara 9; Pisa 40; Pistoia 12; Prato 2; Siena 18).


Confrontato con l'andamento del periodo 2000-2013, il numero risulta molto inferiore alla media annuale che è pari a 478 incendi di bosco (-56 per cento). La superficie interessata dalle fiamme è scesa in modo ancor più netto: nel 2013 gli ettari sono stati appena 90, pari al 9 per cento della media annuale del periodo 2000-2013 che è di oltre millle ettari.


A pesare sulla media del periodo preso a riferimento sono tre anni in particolare: il 2003 durante il quale sono bruciati oltre 4 mila ettari di superficie boscata, il 2009 quando gli ettari furono 1.407 e il 2012 con 1.731 ettari di bosco andati in fumo. La media boscata a evento, ovvero quanto in media brucia in occasione di ciascun incendio, è pari a 0,43 ettari nel 2013 contro i 2,1 ettari del periodo compreso tra il 2000 e il 2013.


Il confronto dei dati esteso anche ai decenni Settanta, Ottanta e Novanta permette di osservare un netto ridimensionamento del numero e dell'entità degli eventi a partire dalla metà degli anni Duemila, in seguito alla strutturazione che l'Organizzazione regionale anticendi boschivi si è data nell'attività di previsione, prevenzione e lotta attiva. Su tutto il territorio regionale sono operative squadre di tecnici e operai forestali degli enti competenti e di volontari delle associazioni AIB addestrate nel centro di formazione regionale antincendi boschivi La Pineta di Tocchi. Le squadre AIB sono supportate nei loro interventi dai mezzi aerei regionali presenti nello schieramento di due elicotteri per tutto l'anno che, in relazione alle condizioni di rischio, possono aumentare fino a diventare dieci, nel periodo estivo.

 

Strutture di Coordinamento della lotta attiva

SOUP

10 COP AIB

180 Direttori operazioni AIB

Componente terrestre

498 Operai Forestali

4.220 Volontari

615 Mezzi operativi AIB

478 Mezzi leggeri

137 Mezzi pesanti

Componente aerea

10 Elicotteri regionali


 

 

 


Ultima modifica: 18/02/2015 10:09:55 - Id: 1254847