Skip to Content skip-to-menu

118

Il numero unico nazionale dell'emergenza sanitaria

Il numero unico nazionale dell'emergenza sanitaria

Il 118 è il numero unico nazionale dell'emergenza sanitaria, è gratuito ed attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell'anno e può essere chiamato da qualsiasi telefono privato o pubblico senza alcuna spesa e senza l'utilizzo della scheda telefonica. 

Chiamando il 118 risponde una Centrale Operativa che, una volta localizzato l'evento, individua la sintomatologia prevalente, assegna un codice di priorità, decide il/i mezzo/i di soccorso adeguato/i e, unitamente al personale intervenuto sul posto, indirizza il paziente verso l'ospedale più idoneo alla patologia della persona soccorsa.

Nella Centrale Operativa 118 opera personale sanitario (medici ed infermieri) e personale tecnico, adeguatamente formato e che dispone di tecnologie all'avanguardia necessarie a permettere lo svolgimento ottimale dei soccorsi. 

Per una corretta gestione del soccorso la Centrale Operativa 118 può avvalersi del supporto di Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Locale,  Capitaneria di Porto - Guardia Costiera e Soccorso Alpino.


Quando devo chiamare il 118?
La prontezza al primo posto. Possiamo infatti salvare una vita chiamando prontamente il 118, se qualcuno presenta dolori improvvisi al torace o difficoltà a respirare o  una perdita di coscienza o un qualsiasi problema neurologico acuto come ad esempio la difficoltà a parlare o a muovere uno o più arti. Il 118 è inoltre il numero da comporre dopo eventi traumatici (es. incidente stradale con feriti).


Come devo comportarmi durante e dopo la chiamata?
Durante la telefonata è necessario rispondere con precisione alle domande dell'operatore. Per un corretto soccorso è infatti indispensabile fornire informazioni importanti, ricordando comunque che la prima cosa da riferire è l'esatta localizzazione dell'evento.
In caso di incidente stradale, per esempio, riferire come è accaduto e il numero di persone coinvolte, informando, se possibile, sulle condizioni degli infortunati.
Può succedere che, in attesa dell'arrivo dell'ambulanza, l'operatore del 118 mantenga il contatto telefonico per chiedere maggiori informazioni sull'accaduto e guidare gli eventuali interventi di chi si trova sul posto.
Non riagganciare il telefono fino a quando non sarà l'operatore a dirlo.
Lasciare libero il telefono utilizzato per chiamare i soccorsi poiché si potrebbe essere ricontattati in qualsiasi momento dalla Centrale Operativa 118 per ulteriori chiarimenti e/o istruzioni.

 

Com'è organizzato il 118
Nella nostra Regione sono attive 6 Centrali Operative per la gestione delle chiamate relative al servizio emergenza-urgenza.
Le Centrali Operative 118, che fanno riferimento alle tre Aziende USL operano secondo la seguente competenza territoriale:

 

Azienda USL TOSCANA NORD-OVEST

Centrale Operativa Alta Toscana
Competenza territoriale: Province di Massa Carrara e Lucca

Centrale Operativa Livorno/Pisa
Competenza territoriale: Province di Livorno e Pisa (con esclusione dei Comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val D'Arno, San Miniato e Santa Croce sull'Arno).
 

Azienda USL TOSCANA  CENTRO

Centrale Operativa Pistoia/Empoli
Competenza territoriale: Provincia di Pistoia e Comuni di Capraia e Limite, Cerreto Guidi, Certaldo, Castelfiorentino, Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Vinci, in Provincia di Firenze e Comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val D'Arno, San Miniato e Santa Croce sull'Arno, in Provincia di Pisa.

Centrale Operativa  Firenze/Prato
Competenza territoriale: Provincia di Firenze (esclusi i Comuni di Capraia e Limite, Cerreto Guidi, Certaldo, Castelfiorentino, Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Vinci) e Provincia di Prato.
 

Azienda USL TOSCANA SUD-EST

Centrale Operativa Arezzo
Competenza territoriale: Provincia di Arezzo

Centrale Operativa Siena/Grosseto
Competenza territoriale: Province di Siena e Grosseto
 

Il Sistema 118 regionale è articolato su più livelli di risposta: elisoccorso, automediche, ambulanze medicalizzate, ambulanze infermieristiche, ambulanze di primo soccorso.

Le associazioni di volontariato e i comitati della Croce Rossa Italiana sono parti integranti del servizio sanitario regionale per lo svolgimento dell'attività di trasporto sanitario e mettono a disposizione i mezzi di soccorso e il personale soccorritore non sanitario.
 

Reti cliniche tempo dipendenti
Il Servizio 118 garantisce una risposta appropriata e tempestiva nelle patologie tempo dipendenti quali il trauma maggiore, l'ictus, l'infarto del miocardio, l'insufficienza respiratoria e l'arresto cardiaco. La risposta ottimale a questi eventi è garantita da specifiche reti cliniche polispecialistiche che si integrano con il Sistema 118.

  • trauma maggiore
  • emergenza cardiologica
  • ictus ►►

Ultima modifica: 04/04/2019 14:38:02 - Id: 46045
  • Condividi
  • Condividi