Skip to Content skip-to-menu

Zootecnia

In Primo Piano

Centri di imballaggio uova autorizzati

Elenco Centri di imballaggio uova autorizzati, dislocati in Toscana

Primi acquirenti latte bovino

E' stato approvato l'albo regionale dei Albo primi acquirenti latte bovino per la campagna 2017 - 2018

Zootecnica, indennizzi per sentinelle blue tongue: domande dal 10 agosto

A favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico, ovino, caprino, bovino e bufalino.

Le regole per la riproduzione animale

Online l'aggiornamento 2017 delle strutture e attività per la riproduzione animale autorizzate dalla Regione Toscana. La normativa di riferimento, le competenze della Regione Toscana, le...
« Back

Zootecnica, indennizzi per sentinelle blue tongue: domande dal 10 agosto

Piano regionale agricolo e forestale, misura A.1.14. Sorveglianza della febbre catarrale degli ovini

Zootecnica, indennizzi per sentinelle blue tongue: domande dal 10 agosto

Indennizzo massimo di 100 euro per capo di bestiame per anno, a favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico, ovino, caprino, bovino e bufalino. Domande sul sistema informativo ARTEA con "ID 269", entro il 2 ottobre 2017

Monday, 02 October 2017 23:59
Non specificato


La Regione Toscana con il decreto dirigenziale n. 11254 del 28 luglio 2017, ha approvato le Disposizioni attuative della Misura A.1.14 "Interventi a tutela della sanità animale e pubblica", azione B "  del Praf"  (allegato A del decreto) per sostenere gli allevatori che mettono a disposizione propri capi quali "sentinelle" da Blue Tongue". Gli allevatori che hanno messo a disposizione animali "sentinella" per il controllo della blu tongue nel 2015 in attuazione del Piano di sorveglianza sierologica per la febbre catarrale degli ovini (Blue Tongue), possono presentare, in regime de minimis, richiesta di indennizzo/contributo

Con l'attuazione della misura A.1.14 "Interventi a tutela della sanità animale e pubblica" del Piano regionale agricolo e forestale (Praf), la Regione Toscana punta  a prevenire o eventualmente ridurre l'incidenza e le conseguenze derivanti dalle epizoozie e dalle zoonosi (malattie trasmissibili all'uomo) e di conseguenza di garantire una maggiore tutela della sanità pubblica.

In particolare, con questa azione, la Regione dispone interventi a favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico, ovino, caprino, bovino e bufalino, al fine di incentivare la collaborazione con le autorità sanitarie preposte alla attuazione del Piano di sorveglianza sierologica per la febbre catarrale degli ovini (Blue Tongue) prevista dall'Ordinanza del Ministero della Sanità 11/5/2001 "Misure urgenti di profilassi vaccinale obbligatoria per la febbre catarrale degli ovini "Blue Tongue".

Beneficiari. Possono presentare domanda di contributo/indennizzo

  • le aziende agricole con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino o bufalino che hanno messo a disposizione dell'autorità sanitaria un numero di capi adeguato alle esigenze del piano di sorveglianza sierologica, così come stabilito dall'Azienda U.S.L. competente per territorio, nell'anno 2016.
  • Possono altresì essere presentate eventualmente anche istanze per animali messi a disposizione nelle due annualità immediatamente precedenti (2014 e 2015) e non presentate o, se presentate, non finanziate per mancanza di risorse.


Scadenza e presentazione domanda. E' possibile presentare la domanda di contributo online sul Sistema informativo ARTEA a partire dal 10 agosto 2017 attraverso l'apposito ID 269, fino al 2 ottobre 2017.

Tipo di agevolazione. Il sostegno consiste in un indennizzo massimo di 100 euro per capo per ogni capo messo a disposizione dell'autorità sanitaria nel corso dell'anno 2016 (ed eventualmente 2014 e 2015); l'indennizzo è proporzionalmente ridotto in relazione al periodo di effettiva messa a disposizione (calcolato in mesi), così come indicato dalla scheda Azienda U.S.L. redatta e firmata dal veterinario territorialmente competente.

Nel caso in cui le risorse non siano sufficienti a coprire l'intero importo ammesso, è applicata una riduzione percentuale a tutte le domande presentate sulla base del numero dei capi e dell'effettivo periodo mensile per il quale il capo è stato messo a disposizione.

  • I capi che possono concorrere sono quelli messi a disposizione delle AUSL nell'anno 2016.
     
  • Possono altresì essere presentate eventualmente anche istanze di indenizzo per animali messi a disposizione nelle due annualità immediatamente precedenti (2014 e 2015) e non presentate o, se presentate, non finanziate
     
  • Il sostegno è erogato in regime "de minimis" ai sensi del Regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.


Interventi e spese ammissibili. Gli interventi disposti dalla presente azione consistono in un indennizzo diretto a compensare i costi e i disagi sopportati dall'allevatore con la messa a disposizione dell'autorità dei propri capi per i prelievi periodici di sangue finalizzati a verificare l'esistenza di circolazione virale.

L'azione è attuata nell'ambito del Regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre  2013 relativo alla applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento della UE agli aiuti "de minimis" nel settore delle produzioni dei prodotti agricoli e pertanto agli importi erogabili con la presente azione si applicano i massimali previsti dallo stesso.

Atti di riferimento


Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente

Per saperne di più contattare i referenti del bando:

 

Regione Toscana

Ultima modifica: 08/08/2017 16:18:19 - Id: 14578206
  • Condividi
  • Condividi