Skip to Content skip-to-menu

Pari opportunità

In Primo Piano

Istituzioni e uffici competenti per l'imprenditoria femminile

Uffici dello Stato e della Regione competenti per la promozione e il sostegno dell'imprenditoria femminile. Strutture dello Stato Presidenza del Consiglio dei Ministri –...

Consigliera regionale di Parità

Competenze e funzioni. Contatti e modalità di intervento a sostegno delle pari opportunità sul lavoro

Uguale salario per uguale lavoro?

Uguale salario per uguale lavoro?

Ricerca sui differenziali retributivi tra donne e uomini in Toscana



a cura di Mirella Giannini


La parità di genere sembra ancora lontana dall’essere realizzata pienamente. Esistono ancora discriminazioni, come è segnalato dal fatto che, ancora oggi, all’inizio del terzo millennio, le donne che lavorano guadagnano meno degli uomini. Cosa determina questa discriminazione di carattere retributivo e quali sono le condizioni in cui si riproduce? Molto si è sondato per dare una spiegazione alle percentuali che misurano le differenze retributive di genere, e alcune restano non spiegate. Dall’indagine complessiva sugli occupati in Toscana emerge che le differenze di reddito tra uomini e donne sono il risultato del complesso intreccio tra modelli di comportamento ai quali le donne sono state tradizionalmente socializzate e caratteristiche organizzative dei lavori industriali e delle libere professioni, ancora prevalentemente declinate secondo una logica maschile.
La ricerca, quindi, non registra una netta opposizione tra donne che rifiutano i modelli culturali e organizzativi dominanti e donne che li recepiscono completamente, ma un ventaglio di comportamenti femminili che trovano un comune denominatore nella difficile conciliazione tra carriera e sfera familiare. Il riequilibro tra lavoro e famiglia incontra difficoltà non tanto perché le istituzioni locali non approntano misure di sostegno alla conciliazione, quanto perché nelle situazioni sociali, la cultura della parità tra donne e uomini non si è ancora pienamente realizzata. Mirella Giannini è professoressa di Sociologia dei processi economici e del lavoro presso la Facoltà di Sociologia, Università di Napoli “Federico II”. Ha avuto esperienze di insegnamento e di ricerca in Italia e all’estero, è stata membro del Board del RC52 dell’International Sociological Association, membro esperto del Comitato di Parità del Ministero del Lavoro e ha collaborato con diversi enti pubblici (ISFOL, CNEL ecc). È nel Comitato scientifico di importanti riviste, a livello nazionale e internazionale. La sua area di ricerca riguarda il mercato delle occupazioni e delle professioni, soprattutto in un’ottica di genere.

- Scarica la pubblicazione in pdf

La pubblicazione è inoltre disponibile fino ad esaurimento copie presso gli uffici della Consigliera di Parità della Toscana,
via Luca Giordano, 13
50132 - Firenze

per richiederne una o più copie inviare una e-mail all'indirizzo:
consiglieraparita@regione.toscana.it

Ultima modifica: 02/12/2012 03:25:51 - Id: 51932