Skip to Content skip-to-menu

Prodotti tipici

In Primo Piano

Olio extravergine della Toscana: le 23 eccellenze della Toscana

Selezione 2017 Sono 23 gli oli extravergini di oliva che rappresentano l'eccellenza in Toscana e che da oggi diventeranno ambasciatori della nostra produzione olearia nelle...

Corsi per assaggiatori di olio d'oliva

Procedure amministrative per il rilascio dell'autorizzazione per la realizzazione di corsi per assaggiatori di olio d'oliva (decreto 18 giugno 2014 del Ministro delle Politiche...

Elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini

Articolazione regionale toscana: come iscriversi   L'articolazione regionale toscana dell'elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini è...

Modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG

Riunione di pubblico accertamento per esaminare la proposta di modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG Chianti presentata dal Consorzio Vino Chianti.

La nuova OCM vitivinicola

Dal 1° gennaio 2016 le nuove regole per la gestione del potenziale viticolo   Con il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17...

Presentazione del Disciplinare del Marrone del Mugello IGP

Avviso di riunione di pubblico accertamento per per le modifiche al disciplinare di produzione del Marrone del Mugello IGP

Sostegno per la vendita diretta

Sostegno per la vendita diretta

Si allarga la rete regionale della filiera corta per avvicinare chi produce e chi consuma, valorizzando i prodotti locali e garantendo prezzi equi
Avvicinare chi produce e chi consuma, permettendo di valorizzare al massimo i prodotti locali: è questa la finalità della rete regionale della distribuzione diretta, promossa dalla Regione Toscana. Il progetto della rete, varato nel 2007 dalla Regione, prevede il sostegno a quelle iniziative, come i mercati contadini, che permettono di realizzare una distribuzione diretta di prodotti locali, dal vino all’olio, dagli insaccati a frutta e verdura di stagione.
Un primo bando è stato già finanziato, ma dopo la prima scadenza si possono sempre inoltrare domande che verranno finanziate successivamente utilizzando i fondi che verranno messi a disposizione e seguendo le priorità previste. Il contributo pubblico ammonta sino all’80% della spesa ammessa agli enti pubblici che vorranno attivare iniziative come: mercati dei produttori, spacci locali, e patti di filiera (cioè accordi tra produttori agricoli e operatori di altri settori (ristorazione, commercio e turismo) per la vendita dei prodotti agricoli di qualità e locali.

Ultima modifica: 14/11/2012 15:55:42 - Id: 65415
  • Condividi
  • Condividi