Skip to Content skip-to-menu

Enrico Rossi - Presidente

Rossi: quattro impegni per l'imprenditoria amiatina

Rossi: quattro impegni per l'imprenditoria amiatina

Possibilità di introdurre correttivi per le zone svantaggiate per l'acceso ai bandi europei; banda larga per tutto il territorio; frazionare in quattro tranche il progetto per migliorare la viabilità locale; riduzione dei costi dell'energia elettrica attraverso la costituzione di un consorzio delle imprese. Sono questi gli impegni assunti dal presidente della regione Toscana Enrico Rossi al termine dell'incontro con gli imprenditori dell'Amiata grossetana.

"Oggi ho incontrato, qui sull'Amiata, una realtà molto dinamica, con proiezioni significative sul piano internazionale. Con grandi potenzialità e un notevole dinamismo, che le istituzioni devo aiutare e sostenere. Ma anche con alcuni problemi seri sul piano della viabilità e delle infrastrutture. Il primobiettivo deve essere quello di individuare provvedimenti per agevolare le imprese che operano in zone svantaggiate in modo da fargli recuperare competitività."

Primo impegno. Quando metteremo a bando le risorse comunitarie per le imprese noi ci preoccuperemo di introdurre meccanismi di agevolazione per le zone svantaggiate

Secondo impegno. Il secondo impegno che prendo è quello relativo alla banda larga. Le vostre relazioni hanno necessità di viaggiare velocemente su internet. Entro il 2014 vogliamo estendere a tutti i 2 mgb e poi entro 2020 vogliamo realizzare gli obiettivi europei. In modo così da recuperare il gap che esiste in queste zone sulle infrastrutture materiali con quelle immateriali, velocizzandole al massimo. Con benefici per le aziende, il turismo e tutte le attività di relazione.
Per il turismo il nostro sito intoscana.it offre la possibilità di fare promozione ed anche le prenotazioni senza alcun costo per i gestori delle strutture ricettive.

Terzo impegno. La Regione non è ora in grado di fare un investimento consistente come quello proposto di 44 mln, ma siamo disponibili a costruire interventi da programmare in un arco di tempo ragionevole, dividendo gli interventi in tre o quattro tranche. All'inizio del nuovo anno presenteremo una proposta al riguardo.

Quarto punto. Il consorzio per l'energia. Penso che in Val di Cecina abbia prevalso nei confronti di Enel una impostazione assistenzialistica. Credo sia arrivato il momento di chiedere all'Enel di mettere a disposizione il vapore, ma anche un contributo alla riduzione  dei costi dell'energia, che sarebbe un altro vantaggio competitivo per le imprese della zona. C'è la disponibilità a fornire l'energia allo stesso prezzo applicato ai grandi utilizzatori di energia come per esempio le cartiere o altre grandi imprese energivore. L'ho detto ai sindaci ora lo dico anche a voi, poi bisogna andare a vedere. Si parla da una riduzione intorno al 20% ed anche oltre. Ora bisogna organizzarsi, portateci il censimento dei vostri consumi, poi si potrebbe costituire un consorzio tra le imprese e presentarsi all'enel per aprire una trattativa.
All'intervento del rappresentate del comitato contro la geotermia, il presidente Rossi ha replicato con questa parole: "Noi non siamo contrari".


Ultima modifica: 24/01/2014 10:23:23 - Id: 11253666