Skip to Content skip-to-menu

PRAF 2012/15

In Primo Piano

Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF)

Il Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF) programma e realizza, in attuazione della Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1 "Disciplina degli interventi regionali in materia di agricoltura e...

Praf: misure finanziate 2015 e relativi bandi

Misure urgenti (Delibere GRT n. 62 e 282 del 2015 Misure attivate: Indice misure Codice Misura Titolo Misura...

Pubblicazione di bandi sulla misura A.1.14 del Praf

Pubblicazione di bandi sulla misura A.1.14 del Praf

Prevenire o eventualmente ridurre l'incidenza e le conseguenze derivanti dalle epizoozie e dalle zoonosi

Con la misura A.1.14 la Regione Toscana si prefigge l'obiettivo di prevenire o eventualmente ridurre l'incidenza e le conseguenze derivanti dalle epizoozie e dalle zoonosi (malattie trasmissibili all'uomo) e di conseguenza di garantire una maggiore tutela della sanità pubblica.
Su tale misura la Regione ha emanato due bandi attuativi, con decorrenza dal 1 ottobre 2012, e scadenza 16 novembre 2012.

Le domande possono essere presentate, nel periodo indicato, esclusivamente tramite il portale dell'ARTEA, con le modalità indicate nei bandi stessi.

Azione A " Contributi allo smaltimento delle carcasse degli animali morti in azienda."
Con la presente azione, la Regione Toscana dispone interventi a favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino e bufalino, al fine di ridurre i costi connessi con lo smaltimento definitivo degli animali deceduti in azienda.
Gli interventi disposti dalla presente misura consistono nel riconoscimento agli allevatori delle specie sopra citate, di un indennizzo per la copertura dei seguenti costi:

  1. costi per la raccolta ed il trasporto sostenuti nell'avviare i capi morti in azienda a impianti di pretrattamento e di incenerimento autorizzati;
  2. costi per la distruzione delle carcasse presso gli impianti di cui alla lettera a).

Possono presentare domanda di contributo i seguenti soggetti:
Imprenditori agricoli ai sensi dell'articolo 2135 del codice civile con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino o bufalino, la cui UPZ è situata nel territorio regionale.

Scarica la documentazione:
Decreto N° 4171 del 13 Settembre 2012 - L.R n. 1/06. D.C.R n. 3/12. D.G.R n. 455/12. Piano Regionale Agricolo-Forestale (P.R.A.F). Criteri e modalità relativi alla attuazione della misura A.1.14, azione A "Contributi allo smaltimento delle carcasse degli animali morti in azienda".
Allegato A - Bando di attuazione



Azione B: "Sostegno, in regime de minimis,agli allevamenti che mettono a disposizione i propri capi quali "sentinelle" da Blue Tongue".
Con la presente azione, la Regione Toscana dispone interventi a favore delle aziende agricole con allevamento zootecnico, ovino, caprino, bovino e bufalino, al fine di incentivare la collaborazione con le autorità sanitarie preposte alla attuazione del Piano di sorveglianza sierologica per la febbre catarrale degli ovini (Blue Tongue) prevista dall'Ordinanza del Ministero della Sanità 11/5/2001 (Misure urgenti di profilassi vaccinale obbligatoria per la febbre catarrale degli ovini "Blue Tongue").

Gli interventi disposti dalla presente azione consistono in un indennizzo diretto a compensare i costi e i disagi sopportati dall'allevatore con la messa a disposizione dell'autorità dei propri capi per i prelievi periodici di sangue finalizzati a verificare l'esistenza di circolazione virale.
L'azione è attuata nell'ambito del Reg. CE n. 1535/07 della Commissione del 20 novembre 2007 relativo alla applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato istitutivo della CE agli aiuti "de minimis" nel settore delle produzioni dei prodotti agricoli e pertanto agli importi erogabili con la presente azione si applicano i massimali previsti dallo stesso.

Possono presentare domanda di contributo i seguenti soggetti:
imprenditori agricoli ai sensi dell'art. 2135 del codice civile con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino o bufalino che hanno messo a disposizione dell'autorità sanitaria un numero di capi adeguato alle esigenze del piano di sorveglianza sierologica, così come stabilito dall'Azienda Sanitaria Locale competente per territorio, nell'anno 2011.

Ai sensi del regolamento 1535/07 nessun contributo può essere erogato alle imprese richiedenti che abbiano già percepito, nel periodo di cui al comma precedente, l'importo massimo dell'aiuto concedibile in regime "de minimis" (pari a 7.500,00 euro) indipendentemente dalla forma degli aiuti o dall'obiettivo da essi perseguito; l'importo massimo del contributo concesso non può in ogni caso determinare il superamento del massimale complessivo di 7.500,00 euro, pena la revoca del contributo stesso per l'intero importo e l'eventuale recupero delle risorse liquidate; in caso di superamento della soglia l'importo massimo del contributo concedibile è pertanto ridotto della parte eccedente i 7.500,00 euro.

Scarica la documentazione:
Decreto N° 4172 del 13 Settembre 2012 - L.R n. 1/06. D.C.R n. 3/12. D.G.R n. 455/12. Piano Regionale Agricolo-Forestale (P.R.A.F). Criteri e modalità relativi alla attuazione della misura A.1.14, azione B. "Sostegno, in regime de minimis,agli allevamenti che mettono a disposizione i propri capi quali "sentinelle" da Blue Tongue".
Allegato A - Bando di attuazione
Allegato B - Scheda indennizzo per aziende sentinella
 


Ultima modifica: 06/12/2012 16:12:15 - Id: 173657
  • Condividi
  • Condividi