Skip to Content skip-to-menu

Guida incentivi

In Primo Piano

Tutti i bandi e altre opportunità offerte da Regione Toscana

Per consultare tutti i bandi e avvisi pubblici della Regione Toscana aperti, per finanziamenti, agevolazioni, e altre opprtunità (chiamate per manifestazioni di...

La nuova edizione della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese

Online la edizione n. 2 anno X, aggiornata al 30 ottobre 2017. Disponibile anche un supplemento su rimozione e smaltimento di amianto, specifico per gli enti locali. E'...

Prse 2012-2015, Industria e servizi, protocolli d'insediamento: aperte le manifestazioni di interesse

Prse 2012-2015, Industria e servizi, protocolli d'insediamento: aperte le manifestazioni di interesse

Contributi a fondo perduto per ricerca industriale e sviluppo sperimentale, investimenti materiali e immateriali, investimenti per creazione o ammodernamento di infrastrutture di ricerca, e per reindustrializzazione in aree di crisi. Presentazione online a scadenze quadrinestrali: 30 giugno, 31 ottobre, 28 febbraio di ogni anno.

Saturday, 31 October 2015 23:59
Non specificato

Il bando è stato riaperto per le aree di crisi di Piombino e di Livorno su risorse Prse e Par Fas 2007-2013
vai a >>> nuovo bando Protocolli di insediamento
La Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 6695 del 31 dicembre 2014 ha approvato e pubblicato l'avviso, collegato alla delibera di Giunta regionale n. 1145/2014, per manifestazioni d'interesse su programmi di sviluppo industriale delle imprese dei settori dell'industria e dei servizi, di particolare rilevanza strategica, aventi  contenuti  innovativi, di dimensione  significativa e in grado di produrre occupazione aggiuntiva. Gli interventi vengono realizzati attraverso protocolli di insediamento, procedura di negoziazione che definisce accordi tra Regione Toscana e soggetti privati e/o pubblici e privati. Sono previsti contributi a fondo perduto per interventi di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, investimenti materiali e immateriali, investimenti finalizzati alla creazione o all'ammodernamento di infrastrutture di ricerca, che includono, tra l'altro, anche interventi di reindustrializzazione in aree di crisi. La dotazione finanziaria dell'intervento regionale è di quasi 3 milioni (2.930.253 euro).

Finalità. Favorire la realizzazione  di  progetti  di  investimento  di  rilevanti dimensioni   delle   micro e Pmi e delle grandi imprese, in attuazione della linea d'intervento 1.2.a.4 "Sostegno e attrazione dei processi di industrializzazione"  del   Prse 2012-2015,   in   conformità  alle  disposizioni  comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia, attraverso contributi a fondo perduto alle per 

Destinatari: le grandi imprese, le micro e le Pmi o imprese in forma aggregata strutturate come consorzi (ai sensi delle disposizioni degli artt. 2602 e seguenti del Codice Civile, di durata non inferiore ad anni cinque), raggruppamenti temporanei d'imprese, associazioni temporanee di scopo, reti di imprese (ai sensi della legge n. 33 del 9 aprile 2009, articolo 3, comma 4-ter e s.m.i. in qualunque forma costituite). Gli investimenti devono essere realizzati da imprese che operano in attività del settore dell'industria e dei servizi, B, C, D, E, F, H, J, M, N, R della classificazione delle attività economiche Ateco Istat 2007, fatte salve le restrizioni previste dalla disciplina comunitaria in materia di settori sensibili.

Come e quando presentare la manifestazione di interesse
La manifestazione d'interesse è redatta esclusivamente online, previo rilascio delle credenziali di accesso al sistema informativo, all'indirizzo: https://sviluppo.toscana.it/bandi/
I dati possono essere inseriti per via telematica sul sistema informativo di Sviluppo Toscana spa a partire dalle ore 9:00 del 2 marzo 2015.
Le manifestazioni di interesse possono essere presentate entro le seguenti scadenze quadrimestrali: 30 giugno, 31 ottobre, 28 febbraio di ogni anno (salvo eventuali sospensioni dell'intervento con specifico atto).

Interventi ammissibili. I protocolli devono prevedere i seguenti programmi di investimento, ai sensi del Reg. UE n. 651/2014 della Commissione del 17.06.2014, il regolamento che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato:
a) ricerca industriale, sviluppo sperimentale, come previsti dalla disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione (GI e PMI);
b) investimenti materiali e immateriali, se destinati alla creazione di un nuovo investimento o all'ampliamento di uno stabilimento esistente (PMI e GI se collocate nelle aree di cui dell'art. 107, par.3, lett. c) del TFUE).
c) investimenti finalizzati alla creazione o all'ammodernamento di infrastrutture di ricerca, laddove ne ricorrano le condizioni, si fa riferimento anche alla disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione.
Gli interventi devono consistere in:
a. investimenti in
a1) nuove unità locali;
a2) unità locali già presenti sul territorio regionale;
a3) creazione o ammodernamento di infrastrutture di ricerca (ai sensi dell'art.26 del Reg UE n.651/2014);
b. programmi di reindustrializzazione in aree di crisi complessa di cui all'art.27, comma 8 del decreto legge 22 giugno 2012 n.83;
c. investimenti da parte di imprese con sede legale in Toscana, la cui base sociale è costituita per almeno il 70% da ex dipendenti di aziende in crisi che hanno usufruito dell'incentivo dell'autoimprenditorialità consistente nell'anticipo del trattamento di integrazione salariale a loro concessi e non ancora goduti previsti alla legge 223/1991 e dalla legge 102/2009, nonché di incentivi regionali sulla creazione di imprese di cui alla legge regionale n. 21/2008 o da programmi operativi regionali cofinanziati dai fondi strutturali.

Spese ammissibili. In  coerenza  a   quanto  previsto  dal  Regolamento  generale  di esenzione per categoria n. 651/2014, le seguenti spese relative a tre ambiti:
a) Relativamente agli interventi  per la realizzazione delle attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale ai sensi dell'art. 25 del Reg. UE n. 651/2014:
a1) le spese di personale:  personale   impiegato  in  attività di ricerca e sviluppo in possesso di adeguata qualificazione (laurea di tipo tecnico-scientifico o esperienza almeno quinquennale nel campo della ricerca e sviluppo) e personale impiegato in attività di produzione nei limiti del 35% delle spese del personale di ricerca. Si tratta pertanto di personale dipendente impiegato a tempo
indeterminato o determinato, presso le strutture dell'impresa finanziata con sede di lavoro stabile sul territorio toscano.  Il  personale  impiegato  in  attività  diverse da quelle descritte è invece rientrante tra le spese generali.
a2)  costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati  per   il  progetto   di  ricerca.  Se  gli   strumenti   e  le attrezzature   non  sono utilizzati per tutto il loro ciclo di vita per il progetto di ricerca, sono considerati ammissibili   unicamente   i   costi   di   ammortamento   corrispondenti  alla  durata  del progetto di ricerca, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile;
a3) costi dei fabbricati e dei terreni nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca, nel limite complessivo massimo del 30% del costo totale di progetto. Le spese per i terreni non possono superare il 10% del costo totale di progetto. Per quanto riguarda i fabbricati, sono co
nsiderati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto di ricerca, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile. Per quanto riguarda i terreni, sono
ammissibili i costi  delle cessioni  a condizioni  commerciali o le spese  di capitale effettivamente sostenute;
a4) costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o
ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato, così come i costi dei servizi di consulenza  e di  servizi equivalenti  utilizzati  esclusivamente  ai  fini  dell'attività  di ricerca; in particolare, per i costi della ricerca contrattuale e per i servizi di consulenza ed equivalenti, si fa riferimento alle Sezioni B1, B2 e B3 del "Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le Pmi toscane dell'industria, artigianato e servizi alla produzione" approvato con decreto n. 4983/2014. I costi di cui al presente punto a4)  sono  ammessi  nel  limite complessivo  massimo del 35%  del  costo  totale di progetto;
a5) spese generali supplementari da computare forfe ttariamente nel limite del 15% dei costi diretti ammissibili per il personale;
a6) altri costi  di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, sostenuti direttamente per effetto dell'attività di ricerca, nel limite del 15% del costo totale di progetto.

b)  Relativamente  agli  interventi  destinati alla creazione di un nuovo  insediamento  o all'ampliamento di  uno stabilimento esistente,  sono ammissibili i  costi  per investimenti materiali e immateriali, nel rispetto e nei limiti di quanto stabilito dall'art.17 del Reg. UE n. 651/2014.
c)  Relativamente agli interventi destinati alla creazione o ammodernameto di infrastrutture di ricerca private, sono ammissibili i costi per investimenti materiali e immateriali, ai sensi dell'art.26 del Reg. UE n. 651/2014.

Tipo di agevolazione: concessione di agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale a fondo perduto. L'importo   massimo   concedibile   è   calcolato   in   applicazione   dei   tassi   di   cofinanziamento previsti dal Regolamento generale di esenzione per categoria (Reg. UE n. 651/2014). A  titolo  esemplificativo,  le  percentuali  massime  teoriche  specifiche  per  tipologia   di investimento e per dimensione d'impresa, sono le seguenti:
a) per le spese di cui alla lettera a) del paragrafo 3.4 "Spese ammissibili" del testo integrale del bando,  l'intensità di aiuto per ciascun beneficiario, ai sensi dell'articolo 25 "Aiuti a progetti di ricerca e sviluppo"del Regolamento UE 651/2014, non supera:
- il 50 % dei costi ammissibili per la ricerca industriale;
- il 25 % dei costi ammissibili per lo sviluppo sperimentale
L'intensità  di  aiuto  può  essere  aumentata  fino  ad  un  massimo  dell'80%  delle   spese ammissibili nei casi previsti dal comma 6 dell'art. 25 del  Reg. UE n. 651/2014.

b) per le spese di cui alla lettera b) delle Spese ammissibili (paragrafo 3.4 del bando),  l'intensità di aiuto per ciascun beneficiario,  ai   sensi   dell'articolo   17   "Aiuti   agli  investimenti   a   favore   delle   PMI"   del Regolamento UE 651/2014, non supera:
- il 20 % dei costi ammissibili nel caso delle piccole imprese,
- il 10 % dei costi ammissibili nel caso delle medie imprese
Nel caso di investimenti collocati nelle aree (per l'area di Livorno, Comuni di: Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto; per l'area di Massa Carrara, Comuni di: Massa, Carrara, Fivizzano, Comano, Casola in Lunigiana), di cui alla Carta degli aiuti a finalità regionale applicabile dall'1 luglio 2014 al 31 dicembre 2020  (GU C 209 del 23.07.2014), l'intensità di aiuto può essere aumentata di 10 punti percentuali  per le micro, piccole e medie imprese e concessa anche alle grandi imprese con il limite massimo pari al 10% dei costi ammissibili.

c) per spese di cui alla lettera c) delle Spese ammissibili (paragrafo 3.4 del bando), l'intensità di aiuto per ciascun beneficiario, ai sensi dell'articolo 26 "Aiuti agli investimenti per infrastrutture di ricerca" del Regolamento UE 651/2014, non supera il 50% dei costi ammissibili.

Massimali di spesa. Per dimensione significativa degli interventi si intende:

  • nel caso di investimenti di cui all'art.3, comma 1, lett. a1) e a2):

- grandi Imprese singole: investimenti non inferiori a 10 Meuro;
- grandi Imprese in collaborazione con PMI: investimenti non inferiori a 7,5 Meuro;
- pmi singole: investimenti non inferiori a 2 Meuro;
- pmi aggregate: investimenti non inferiori a 3,5 Meuro;

  • nel caso di investimenti di cui all'art.3, comma 1) lett. a3): investimenti non inferiori a 1 Meuro;
  • nel caso di investimenti di cui all'art.3, comma 1, lett. b) e lett. c): investimenti non inferiori a 250.000 Euro.

Per saperne di più
Qualsiasi informazione relativa all'avviso e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica: protocolliinsediamento@sviluppo.toscana.it

Regione Toscana

Ultima modifica: 16/03/2016 10:44:28 - Id: 12507992
  • Condividi
  • Condividi