Skip to Content skip-to-menu

Turismo sostenibile

In Primo Piano

Turismo, la nuova legge regionale: "Testo unico sul sistema turistico regionale"

Entra in viogre il 12 gennaio. Tra le novità: il prodotto turistico omogeneo, ampliamento delle attività degli alberghi per i non alloggiati, l'abolizione della classificazione degli alberghi...

Guide turistiche e ambientali, accompagnatori e guide alpine

Elenchi aggiornati periodicamente Gli elenchi suddivisi per provincia e pubblicati ai fini di pubblicità e statistica, sono periodicamente aggiornati sulla base dei dati...

Progetto NECSTouR

Progetto NECSTouR

La rete europea NECSTouR, progetto di cui la Toscana è la regione promotrice insieme alla spagnola Catalogna e alla regione francese Paca, è uno strumento per la condivisione di un percorso attuativo tra un gruppo di regioni, autonomie locali, stati membri e Commissione europea, ma anche con l'universo delle imprese, delle forze sociali e dei consumatori.
NECSTouR si propone come un laboratorio permanente di dibattito, una piattaforma di condivisione di buone pratiche, scambio di esperienze, sperimentazione di modelli condivisi di misurazione dei fenomeni e di dialogo sociale.
Minimo comune denominatore la volontà di confrontarsi da un lato sull'analisi e sullo scambio delle buone pratiche, e dall'altro sull'applicazione degli obiettivi di sostenibilità di Agenda 21 nelle regioni e nelle realtà turistiche, aggiornandosi sulle tendenze del dibattito internazionale e sulle posizioni delle grandi istituzioni, come l'Onu. Dieci i punti focali di attenzione: dalla qualità della vita e del lavoro, all'impatto dei trasporti, alle strategie di destagionalizzazione, dalla tutela attiva del patrimonio culturale e ambientale e dell'identità delle destinazioni alla diminuzione e ottimizzazione delle risorse naturali, in primis dell'acqua, oltre che dei consumi di energia e della gestione dei rifiuti. Le località turistiche saranno valutate sulla base di cinque indicatori: responsabilità sociale e ambientale, qualità della vita delle popolazioni residenti, tutela del patrimonio culturale e ambientale, destagionalizzazione dei flussi turistici e trasporto e mobilità.
Alla rete hanno aderito 30 regioni e 21 organismi di sostegno, fra cui istituzioni internazionali, università e istituti di ricerca, associazioni di categoria e sindacati.


Ultima modifica: 04/10/2016 14:36:12 - Id: 79048