Skip to Content skip-to-menu

Arte contemporanea

In Primo Piano

Iniziative nell'ambito di Toscanaincontemporanea 2017

Il programma e le schede di alcuni dei progetti finanziati da Regione Toscana

Tredicesima Giornata del Contemporaneo

Sabato 14 ottobre 2017 la manifestazione che porta l'arte del nostro tempo al grande pubblico

Leonardo Savioli 100

L'eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita

Piero Golia

Archivio 2013

Piero Golia

3 giugno | 10 settembre 2013 | mar-sab 18-20
Piero Golia
Piero Golia

Inaugurazione: Lunedì 3 giugno 2013, dalle ore 19.00
BASE / progetti per l'arte / via San Niccolò 18R / Firenze
Per appuntamenti telefonare: +39 3289627 778 | +39 3292298 348 | +39 347 7210222

BASE / Progetti per l'arte presenta un progetto di Piero Golia appositamente ideato per Firenze, che avrà una sua origine concettuale e processuale nel "talk" che l'artista realizzerà il giorno dell'inaugurazione.
Il progetto di Piero Golia, come afferma l'artista stesso, nasce: "dall'esigenza di provocare un istante di sospensione la cui forma è mutata nel tempo. Realizzare questa mostra è un'opportunità che ho da molto tempo. Proprio durante questo periodo di gestazione, che possiamo quantificare intorno ai sette anni, è avvenuta un'evoluzione sottile, ma importante nel mio lavoro. Infatti, mi sono distaccato dall'immagine eclatante e malinconicamente polemica in sé per indagare le svariate possibilità di stimolare differenti dimensioni "narrative"...Per la mostra di Firenze voglio mettere in evidenza la necessità di confrontarmi con il pubblico, di avere un dialogo diretto con esso, che in quell'occasione può andare oltre alla semplice conoscenza del mio nome e interrogarsi in maniera più profonda sul perché di alcune mie recenti scelte. Questo momento di eliminazione di gerarchie e mediazioni ulteriori tra l'arte e la vita è nato pensando allo spirito di BASE che è stata fondata per per dare maggiore importanza al dibattito culturale rispetto alle semplici informazioni di superficie con cui, a volte, le persone si muovono nel sistema dell'arte. Per questo la mostra ruota attorno alla potenzialità delle persone presenti di voler cogliere un messaggio, puntando più alla sua poetica che non al meccanismo tra significato e significante su cui si basa la società mediatica... E' un progetto sulla possibile o impossibile coreografia della realtà.

Piero Golia (Napoli, 1974; vive e lavora a Los Angeles) è stato uno dei protagonisti del rinnovamento delle pratiche performative e dell'oggetto "scultureo" avvenuto alla fine degli anni Novanta. Partendo da questa attitudine gli è stato possibile sollevare un dibattito concreto sul motivo dell'attenzione sempre crescente per le pratiche concettuali tipiche degli anni settanta sia in ambito artistico che in quello sociale. La particolarità delle sue opere consiste nella possibilità di definirle sempre come delle "azioni", le quali si collocano tra una dimensione eroica, la loro inutilità edonistica e il rendere evidente la necessità di ri-attivare una nuova coscienza del ruolo dell'arte all'interno della società di cui fa parte anche l'artista. Tra i gesti che hanno scandalizzato sia gli addetti ai lavori che il normale pubblico da rotocalco è da ricordare la sua traversata a remi in canoa del 2001 dall'Italia all'Albania per poter partecipare alla Prima Biennale di Tirana realizzata da Flash Art. Partecipazione realizzata da immigrato clandestino. Sempre del 2001 è l'opera "Tattoo" che consisteva nell'aver convinto una ragazza a farsi tatuare sulla sua schiena il ritratto dell'artista sorridente con la scritta: "Piero è il mio idolo". Invece, del 2003 è la facciata storica di un palazzo di Amsterdam esposta come un quadro nell'orizzontalità della parete del white cube di una galleria di Parigi, mentre del 2005 è la panchina da arredamento da parco di una antica villa inglobata (rialzandola da terra e rendendola inservibile) in un cubo di colore rosso luccicante. Questa sua vena surrealista ma spiazzante, che ha sempre portato a far implodere il concetto di serietà e i limiti tra personale e pubblico, ha acquistato delle valenze differenti lungo il suo recente percorso indagando maggiormente una condizione intimista e riflessiva. Tra le mostre personali recenti, oltre alla sua partecipazione nel 2010 al premio Italia al Museo Maxxi a Roma e nel 2013 al Padiglione Italia per la 55 edizione della Biennale di Venezia, ricordiamo: "Concrete cakes and constellation paintings", Gagosian Gallery, Los Angeles, 2011; "Double Tumble or the awesome twins", Stedeljik Museum, Amsterdam, 2011; Time Machine, Bortolami-Dayan Gallery, New York, 2008; Knives, Galleria Fonti, Napoli, 2007.

BASE / Progetti per l'arte è un'idea di artisti per altri artisti.
BASE è un luogo unico per la pratica dell'arte in Italia, la cui attività iniziata nel 1998, viene curata da un collettivo di artisti che vivono e operano in Toscana e che si fanno promotori di presentare a Firenze alcuni aspetti, tra i più interessanti dell'arte del duemila.
BASE è un dialogo sulla contemporaneità aperto ad un confronto internazionale.
Attualmente fanno parte del collettivo di BASE / Progetti per l'arte:
Mario Airò, Marco Bagnoli, Massimo Bartolini, Vittorio Cavallini, Yuki Ichihashi, Paolo Masi, Massimo Nannucci, Maurizio Nannucci, Paolo Parisi, Remo Salvadori, Enrico Vezzi. Fino adesso si sono tenute a BASE mostre di Sol Lewitt, Marco Bagnoli, Alfredo Pirri, Cesare Pietroiusti, Jan Vercruysse, Niele Toroni, Michael Galasso, Luca Pancrazzi, John Nixon & Marco Fusinato, Heimo Zobernig, Ingo Springenschmid, Paolo Masi & Pier Luigi Tazzi, Antonio Muntadas, Robert Barry, Luca Vitone, Gino De Dominicis, Liliana Moro, Claude Closky, Remo Salvadori, Pietro Sanguineti, Liam Gillick, Massimo Bartolini, Mario Airò, Eva Marisaldi, Rainer Ganahl, François Morellet, Bernhard Rüdiger, Nedko Solakov e Slava Nakovska, Olaf Nicolai, Giuliano Scabia, Kinkaleri, Steve Piccolo & Gak Sato, Rirkrit Tiravanija, Matt Mullican, Michel Verjux, Elisabetta Benassi, Pedro Cabrita Reis, Pietro Riparbelli, Simone Berti, Jeppe Hein, Gerwald Rockenschaub, Jonathan Monk, Peter Kogler, Carsten Nicolai, Surasi Kusulwong, Franz West, Tino Sehgal, Nico Dockx, Grazia Toderi, Armin Linke, Davide Bertocchi, Pierre Bismuth, Olivier Mosset, Stefano Arienti, Erwin Wurm, Thomas Bayrle, Christian Frosi e Diego Perrone, Hans Schabus, Maurizio Mochetti, Lawrence Weiner, Amedeo Martegani, Gianni Caravaggio, che hanno presentato progetti inediti pensati per lo spazio di BASE. Prossime mostre: David Tremlett, Rossella Biscotti, Franco Vaccari, Martin Creed, Daniel Buren, Ko Jeong-A, Sam Durant, Mai Thu Perret, Thomas Saraceno, Patrick Tuttofuoco, Christian Jankowski, John Armleder...

L'attività di BASE è promossa e sostenuta da:
Regione Toscana
con il progetto d'iniziativa regionale Toscanaincontemporanea2012
dagli artisti fondatori
dall'Associazione BASExBASE
Artisti per Frescobaldi 2013

BASE / PROGETTI PER L'ARTE / VIA SAN NICCOLÒ 18R / 50123 FIRENZE
INFO: +39 328 6927778 / +39 329 2298348 / +39 055 2207281 / FAX: +39 055 2207281
e-mail: info@baseitaly.org 
http://www.BaseItaly.org
 


Ultima modifica: 16/09/2013 10:55:19 - Id: 865996