Skip to Content skip-to-menu

Energia

In Primo Piano

Controlli sugli impianti termici

Gli "impianti termici" sono gli impianti per il riscaldamento o il condizionamento dei nostri immobili

Piano ambientale ed energetico

Il Paer è lo strumento per la programmazione ambientale ed energetica.

Certificazione energetica in Toscana

Certificazione energetica degli edifici: ecco le regole vigenti in Toscana

Conferenze dei Servizi

Pubblicati qui gli ultimi avvisi di convocazione

Opportunità

Opportunità

La green economy è una grande opportunità per tutti, anche per le pubbliche amministrazioni, che possono sfruttare una miriade di occasioni per rinnovarsi, migliorare la propria efficienza, rilanciare la propria immagine e diventare un buon esempio da seguire per i propri cittadini.



I vantaggi per i comuni
Piccoli comuni, vantaggi ancora più grandi
Opportunità specifiche sull'energia
Il bando POR – Creo
Fondo Kyoto: al via i finanziamenti a servizio dell'ambiente per PMI e Enti Pubblici
Il Consorzio Energia Toscano – CET
Wind-Gis: sistema per la valutazione del potenziale eolico della Regione Toscana
 

I vantaggi per i comuni

Esistono moltissime opportunità a livello europeo e regionale per investire nell'energia. Già la Legge Finanziaria 2008 per esempio ha stabilito che gli impianti fotovoltaici i cui soggetti responsabili sono gli enti locali, rientrano nella tipologia di impianto integrato (e quindi hanno diritto alla tariffa più alta del conto energia) indipendentemente dalle effettive caratteristiche architettoniche dell'installazione.

Piccoli comuni, vantaggi ancora più grandi

Sempre per quanto riguarda il fotovoltaico, a tariffa base può essere incrementata del 5% per impianti i cui soggetti responsabili siano enti locali con popolazione residente inferiore a 5000 abitanti
La recentissima legge 99 del 2009invece, introduce nuovi vantaggi anche per i comuni con popolazione fino a 20mila abitanti che intendono costruire impianti fotovoltaici: possono usufruire del servizio di scambio sul posto dell'energia elettrica prodotta, secondo quanto stabilito dall'articolo 2, comma 150, lettera a), della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per gli impianti di cui sono proprietari di potenza non superiore a 200 kW, a copertura dei consumi di proprie utenze, senza tener conto dell'obbligo di coincidenza tra il punto di immissione e il punto di prelievo dell'energia scambiata con la rete e fermo restando il pagamento degli oneri di rete.

Inoltre sempre la stessa legge consente ai comuni sotto i 20mila abitanti, di destinare aree appartenenti al proprio patrimonio, alla realizzazione degli impianti per l'erogazione in «conto energia» e dei servizi di «scambio sul posto» dell'energia elettrica prodotta, da cedere a privati cittadini che intendono accedere agli incentivi del «conto energia» e sottoscrivere contratti di scambio energetico con il gestore della rete.

Per saperne di più: le opportunità offerte dalla legge
 

Opportunità specifiche sull'energia

Fino al 2010 il programma POR Creo della Regione Toscana, mette a disposizione delle imprese, degli enti locali e degli altri soggetti pubblici 29,2 milioni di euro destinati ad investimenti in materia di fonti rinnovabili di energia, risparmio energetico, cogenerazione e teleriscaldamento.

Il bando POR – Creo

Il bando promuove la produzione e l'utilizzo di energia da fonti energetiche rinnovabili nonché l'efficienza energetica con lo scopo di concorrere al raggiungimento degli obiettivi del Consiglio Europeo di primavera del 2007 in tema di riduzione di gas ad effetto serra.
Il bando è rivolto a tutte le imprese, micro, piccole, medie e grandi; ai consorzi o società consortili, anche cooperative; agli Enti locali territoriali quali Comuni, Province e Comunità montane o loro associazioni e Aziende Sanitarie Locali (ASL) nell'ambito di investimenti strettamente connessi alla tutela ambientale.
Consulta il testo integrale e tutte le modalità relative alla presentazione delle domande

Incentivi già assegnati
Il bando per complessivi 9 milioni di euro riservato ai comuni ha visto la partecipazione di 123 amministrazioni per un totale di 237 progetti ammessi a finanziamento.
Decreto n.7243 del 22 dicembre 2009 - "Bando programma incentivazione finanziaria in materia di utilizzo, produzione di energia da fonti rinnovabili nonchè di efficienza energetica rivolto ai Comuni - Modifica graduatoria approvata con d.d. 5267/2009 - Approvazione nuova graduatoria - Rimodulazione importo contributo concesso". Allegato A, Allegato B, Allegato C del decreto.
Stato di avanzamento dei lavori sui progetti finanziati

Incentivi da assegnare
Tutti i comuni sono ora invitati a cogliere le opportunità offerte dal bando per la seconda chiamata del 1 marzo 2010.

Pubblicato sul Burt n.29 del 21/07/2010 il decreto n.3377 "Decreto dirigenziale 27/04/2010 n. 2012. Integrazione" >>>

Decreto N° 4239 del 13 Agosto 2010 >>>

 

Fondo Kyoto: al via i finanziamenti a servizio dell'ambiente per PMI e Enti Pubblici

Con Legge Finanziaria del 2007 è stato istituito presso la Cassa Depositi e Prestiti il Fondo Kyoto, operativo a partire dal 15 Marzo 2012. Esso mette a disposizione 600 milioni di euro distribuiti su tre tranche annuali da 200 milioni di euro per investimenti in micro-trigenerazione diffusa, fonti rinnovabili di piccola taglia ed efficienza energetica.
Si tratta di un Fondo rotativo rivolto sia alle PMI che agli Enti Locali, prevedendo prestiti ad un tasso agevolato dello 0,5%, restituibili – nel caso in cui il beneficiario sia un soggetto pubblico – entro un periodo compreso tra 3 e 15 anni (da 3 a 6 anni per tutti gli altri beneficiari). Il Fondo fornisce risorse per il finanziamento di una quota parte dell'investimento, la quale – nel caso in cui il soggetto beneficiario sia un Soggetto Pubblico – è pari al 90% dei costi ammissibili. Il termine per la presentazione delle domande di co-finanziamento è stato fissato al 14 Luglio 2012.

Ai beneficiari del Fondo Kyoto sono messi a disposizione i seguenti contatti:
Numero Verde: 800 098 754 attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:00
Indirizzo di posta elettronica: cdpkyoto@cassaddpp.it

Tutti i documenti utili per la domanda di ammissione al finanziamento agevolato sono disponibili e scaricabili al sito:
http://www.cassaddpp.it/cdp/Areagenerale/FondoKyoto/index.htm.

Circolare ministeriale del 16 febbraio 2012 >>>

Il Consorzio Energia Toscano – CET

Il consorzio nasce nel 2003, sotto l'impulso della Regione Toscana come centrale di committenza per l'acquisto di energia elettrica e gas metano a prezzi favorevoli. Ad oggi acquista 335 GWh di energia elettrica e 13.000.000 di mc di gas metano per il fabbisogno di 11 asl, 3 aziende ospedaliere, 28 comuni, 2 province, 8 Camere di commercio e molti altri enti.
Il Consorzio si occupa anche di fornire assistenza e promuovere le fonti energetiche rinnovabili ma soprattutto di promuovere un uso corretto e ponderato dell'energia.
Il Consorzio si pone infatti come obiettivo principale la riduzione degli sprechi energetici e la valorizzazione delle risorse naturali: modificando i processi alla base, minori saranno gli sprechi e in questo particolare momento della storia dell'umanità è necessario e doveroso acquisire consapevolezza verso le risorse del nostro pianeta.
Per saperne di più:
http://www.consorzioenergiatoscana.it/


Wind-Gis: sistema per la valutazione del potenziale eolico della Regione Toscana

WIND-GIS è un sistema informativo, consultabile da tutti, che illustra il potenziale eolico della Toscana, nel senso che mostra le aree nelle quali si registra una ventosità tale da rendere possibile lo sfruttamento del vento per la produzione di energia elettrica.
Realizzato dal LAMMA, WIND-GIS è stato costruito attraverso delle simulazioni matematiche sviluppate nell'ambito di uno specifico modello.
Per ulteriori informazioni >>




Ultima modifica: 07/02/2013 11:29:24 - Id: 258482
  • Condividi
  • Condividi