Skip to Content skip-to-menu

Lavorare all'estero: borse di mobilità professionale per disoccupati o inattivi

Borse di mobilità Eures. Por Fse 2014-2020. Giovanisì

Lavorare all'estero: borse di mobilità professionale per disoccupati o inattivi

domande entro il 31 dicembre 2020

Wednesday, 10 May 2017 09:00
Thursday, 31 December 2020 23:59
Non specificato

 

vai alle guaduatorie

La Regione Toscana, con decreto dirigenziale 5264 del 21 aprile 2017, ha approvato e pubblicato il bando per borse di mobilità professionale, al fine di promuovere l'occupazione e migliorare la qualità e l'efficacia dei servizi per il lavoro attraverso il consolidamento della rete Eures.

L'intervento, finanziato grazie alle risorse del Fondo Sociale Europeo 2014-2020, attiva borse individuali di mobilità professionale per svolgere un'esperienza lavorativa o di tirocinio in un paese dell'Unione Europea o dell'EFTA (Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein) diverso da quello di residenza.

Il bando è rivolto a disoccupati o inattivi senza limite d'età ed è attivo fino al 31 dicembre 2020.

Destinatari
Per accedere al bando è necessario essere 

  • disoccupato o inattivo (non avere mai lavorato)
  • maggiorenne
  • cittadino dell'Unione Europea residente in Toscana
  • in possesso del contratto o della lettera di impegno alla stipula del datore di lavoro


Importo della borsa e spese ammissibili
La borsa di mobilità individuale ha un importo massimo di € 5.000 e comprende le seguenti voci di spesa:

  • borsa di inserimento lavorativo, fino ad un massimo di sei mesi, differenziata per tipologia di contratto (€ 500 mensili in caso di contratto di lavoro o apprendistato ed € 750 mensili in caso di contratto o convenzione di tirocinio)
  • spese di viaggio A/R da e verso il paese dell'Unione Europea o EFTA diverso da quello di residenza dove si svolge il contratto di lavoro, o di tirocinio, o di apprendistato, per un
  • importo massimo di € 500
  • spese di iscrizione per la frequenza di un eventuale corso di lingue o corso di formazione in Italia o nel paese Ue o EFTA dove si svolge il contratto di lavoro, o di tirocinio, o di apprendistato, per un importo massimo di € 1.500
     

Come fare
È necessario recarsi ad un Centro per l'impiego della Toscana per verificare i propri requisiti ed avere un supporto per la presentazione della domanda di finanziamento.

  • trova il Centro per l'impiego ►►

Le domande di finanziamento potranno essere presentate sino al 31 dicembre 2020, salvo esaurimento delle risorse disponibili secondo le seguenti modalità:

  • tramite interfaccia web Apaci, accedendo con tessera sanitaria attivata oppure previa registrazione (credenziali utente e password) in qualità di Cittadino all'indirizzo
    www.regione.toscana.it/apaci e selezionando come Ente Pubblico destinatario "Regione Toscana Giunta"

oppure

Il bando si inserisce nell'ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.

 

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda leggere integralmente il testo del bando e i suoi allegati:


Documenti per presentare la domanda di rimborso

Informazioni
Per informazioni è possibile rivolgersi a:

Regione Toscana - Settore Lavoro
tel. 0554383097  - nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10.00 alle 13.00
borseeures@regione.toscana.it

Ufficio Giovanisì - Regione Toscana
numero verde 800 098 719 dal lunedì al venerdì ore 9.30 - 16.00
info@giovanisi.it

Centri per l'impiego della Regione Toscana
sedi e orari ►►
 

_____________________________

Graduatorie approvate

 

Regione Toscana

Ultima modifica: 18/06/2018 15:14:16 - Id: 14327036
  • Condividi
  • Condividi