Skip to Content skip-to-menu

Difesa del suolo

In Primo Piano

Documento Operativo per la Difesa del Suolo

Atto di programmazione per gli interventi di mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico

Studi e banche dati sulla difesa del suolo

Studi e dati relativi alla prevenzione del rischio idrogeologico e idraulico

Modulistica per la tutela delle opere idrauliche e la gestione delle risorse idriche e della costa

Autorizzazioni idrauliche , concessioni acque pubbliche e aree del demanio fluviale, invasi e sedimenti marini

Emergenza Livorno

Ufficio del Commissario

Difesa del suolo, la mappa interattiva

Mappa interattiva degli interventi per la riduzione del rischio idraulico e idrogeologico

Interventi di difesa del suolo

Lavori di messa in sicurezza idraulica, regimazione e manutenzione dei corsi d'acqua

Indirizzi per esercizio in forma coordinata del servizio di piena a livello di bacino idrografico

Indirizzi per esercizio in forma coordinata del servizio di piena a livello di bacino idrografico

Deliberazione G.R. 17-12-2001 n. 1379
LA GIUNTA REGIONALE

Vista la legge 24 febbraio 1992, n.225 "Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile";
Vista la L.R. 10 giugno 1996, n.42 "Disciplina delle attività di protezione civile";
Vista la legge regionale 11 dicembre 1998 n.91 "Norme per la difesa del suolo" ed in particolare l'art.14,
comma 1, lettera d) che attribuisce alle Province i compiti attinenti il servizio di piena;
Premesso che il R.D. 523/1904 art.61 recita " Il Governo….stabilisce….le norme per il servizio di guardia,
da praticarsi in tempo di piena, lungo le arginature, che sono mantenute a cura e col concorso dello Stato;
Preso atto del fatto che quanto al precedente punto risulta regolamentato al capo VI del R.D.2669/37;
Preso atto del fatto che, in relazione all'evoluzione normativa e in particolare all'attività di prevenzione di cui
all'art.3 della legge n.225/92, il servizio di piena assolve anche compiti di Protezione Civile in quanto
finalizzato alla salvaguardia delle opere a difesa del sistema antropizzato;
Visto il verbale d'intesa sottoscritto il 22 maggio 2001 tra la Regione Toscana e le Province in attuazione
dell'art.16 della legge regionale n.91/98 citata, ed in particolare l'art.3 che dispone chele attività relative al
servizio di piena sono svolte in maniera coordinata a scala di bacino sulla base di appositi indirizzi che la
Regione adotterà entro 6 mesi dalla sottoscrizione del verbale medesimo;
Considerato che ai sensi della LR n.91/98 citata sono trasferite alle Province anche le funzioni in materia di
difesa del suolo già di competenza dello Stato ed in particolare quelle di cui all'art.89, comma 1, lettera c)
del D.Lgs. 31 marzo 1998 n.112;
Considerato che le funzioni relative al servizio di piena e di cui all'art.89, comma 1, lettera c) del D.Lgs.
31 marzo 1998 n.112 attengono al Bacino dell'Arno e sono definite nel Decreto Ministero dei LL.PP. in
data 1 dicembre 1993;
Preso atto che tali funzioni, ai sensi della normativa sopra richiamata, sono attribuite alle Province di
Arezzo, Firenze, Pisa e che ai sensi dell'Accordo Stato-Regioni- Enti Locali del 1 febbraio 2001 sono
esercitate attraverso l'istituto dell'avvalimento degli Uffici statali del Provveditorato OO.PP., nelle more
della conclusione delle procedure per il trasferimento del personale ai sensi dell'art.7, comma 4, del D.Lgs.
n.112//1998;
Considerato che per espressa previsione del comma 4 dell'art.89 del D.Lgs.112/1998, le funzioni trasferite
con l'art.89 suddetto devono essere esercitate in modo da garantire l'unitaria considerazione delle questioni
afferenti ciascun bacino idrografico;
Richiamata la legge regionale 1 dicembre 1998 n.88che in attuazione della legge 15 marzo 1997 n.59 ha
attribuito agli enti locali e disciplinato le funzioni amministrative ed i compiti inerenti, tra gli altri, la
protezione civile;
Considerato che ai sensi della legge regionale n.88/98 citata, la Regione si riserva le funzioni generali di
indirizzo e controllo su tutte le materie attribuite;
Richiamata la decisione della Giunta regionale n.28 del 29 ottobre 2001 recante "Coordinamento del
servizio di piena a livello di Bacino. Disposizioni organizzative";
Ritenuto di dettare gli indirizzi per assicurare il coordinamento delle attività del servizio di piena a livello di
bacino in coerenza con il complessivo sistema della protezione civile;
Ritenuto altresì di dettare ulteriori indirizzi specificatamente concernenti il predetto servizio nell'ambito del
bacino dell'Arno;
Considerato che è prossima l'operatività del sistema di preannuncio unico della piena elaborato
dall'Autorità di Bacino dell'Arno, in conformità a quanto previsto nella Direttiva n.2 del Piano stralcio per il
rischio idraulico approvato con DPR n.226 del 5 novembre 1999;
Considerato altresì che è prossima l'approvazione del Piano Nazionale di Emergenza previsto nella
Direttiva n.2 del medesimo Piano Stralcio, nella quale saranno definite le procedure per la diramazione
degli avvisi di protezione civile conseguenti l'operatività del sistema di preannuncio sopra citato;
Ritenuto che in rapporto all'operatività dei suddetti strumenti nel Bacino del F,Arno , ai fini di realizzare la
massima sinergia per la salvaguardia della pubblica incolumità, sembra opportuno cogliere ogni utile
interconnessione tra il nuovo assetto di competenze conseguente l'attuazione della legge Bassanini e la
complessiva organizzazione del sistema di protezione civile;
Considerata l'opportunità, ai fini sopra specificati di istituire un gruppo tecnico con l'incarico di
approfondire l'analisi delle potenzialità che il nuovo assetto delle competenze derivante dall'attuazione della
legge Bassanini comporta sulla complessiva organizzazione del sistema della protezione civile, nel Bacino
del F.Arno;
Sentite le Province;
 

A VOTI UNANIMI
DELIBERA

1. Di approvare gli indirizzi per assicurare il coordinamento dell'esercizio del servizio di piena a livello di
bacino idrografico, di cui all'Allegato A) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
2. Di dare mandato al CTP di istituire un gruppo tecnico con l'incarico di approfondire l'analisi delle
potenzialità che il nuovo assetto delle competenze derivante dall'attuazione della legge Bassanini
comporta sulla complessiva organizzazione del sistema della protezione civile, nel Bacino del F.Arno;
fissandone, oltre i componenti, le modalità di funzionamento, la durata e il sistema delle relazioni
esterne;
3. Di incaricare l'Area interdipartimentale Sistema Regionale di Protezione Civile di tutti gli adempimenti
necessari per l'attuazione della presente deliberazione.
Il presente provvedimento, soggetto a pubblicità ai sensi dell'art.41,comma 1 lettera b) della LR 9/95, è
pubblicato per intero, compreso l'allegato sul B.U.R.T., ai sensi dell'art.3, comma 1 della L.R. 18/96.
La Segreteria della Giunta
Il Coordinatore
Valerio Pelini
Area Interdipartimentale
Sistema Regionale di Protezione Civile
Il Dirigente Responsabile
Cristina Francini
Il Coordinatore
del Dipartimento della Presidenza
e degli Affari Legislativi e Giuridici
Valerio Pelini


Ultima modifica: 11/01/2013 16:09:06 - Id: 73790
  • Condividi
  • Condividi