Skip to Content skip-to-menu

Zootecnia

In Primo Piano

Apicoltura, contributi per assistenza e lotta alle malattie degli alveari

Bando per produttori del settore e loro unioni, associazioni di produttori, federazioni, cooperative e consorzi di tutela. Domande entro il 9 settembre 2019

Contributi per miglioramento dei pascoli

Con il presente intervento la Regione Toscana migliora la competitività delle aziende zootecniche toscane e la qualità ambientale attraverso il sostegno a investimenti finalizzati a favorire la...

Aiuti per l'acquisto di riproduttori

Con il presente intervento la Regione Toscana sostiene la competitività delle aziende zootecniche toscane attraverso il sostegno al miglioramento genetico degli allevamenti, nello specifico...

Le regole per la riproduzione animale

Online l'aggiornamento 2019 delle stazioni di monta equina naturale e delle stazioni d'inseminazione artificiale equina operanti sul territorio regionale. La normativa di...

Interventi per 2 milioni di euro per il rilancio del settore zootecnico con particolare riguardo al comparto ovicaprino da latte

La Giunta regionale con la delibera n. 93 del 28/01/2019 ha approvato una serie di interventi per il rilancio del settore zootecnico, con priorità per il comparto ovicaprino da latte, assegnando a...

Aiuti per lo smaltimento carcasse

Emanato il decreto per il sostegno allo smaltimento carcasse di capi morti in azienda nelle annualità 2017 e 2018. Le domande dal 4 aprile al 20 maggio sul sistema ARTEA con ID 332
« Back

Incremento ippico

Incremento ippico


Le principali attività della Regione Toscana per l'incremento ippico, in applicazione dell'art. 75 del decreto del presidente della Repubblica n. 616 del 1977, si sono concentrate nell'ultimo decennio ed in particolare negli ultimi 4 anni verso le razze autoctone toscane, ossia cavallo razza Maremmana, cavallo razza Appenninico, cavallo razza Monterufolino, asino razza Amiata, e riguardano:
 

  • 1) mantenimento di stalloni di pregio presso le scuderie in località Sterpaia  nella Tenuta di san Rossore  dove stazionano gli stalloni della Regione Toscana;
  • 2) gestione del "Centro di Produzione e recapito del Seme Equino", attraverso le attività di laboratorio per la produzione di seme equino refrigerato e congelato realizzate dal dipartimento di Clinica Veterinaria dell'Università di Pisa che da anni svolge un'attività di ricerca tesa a migliorare la produzione e la conservazione del seme di equide.
  • 3) rilascio delle autorizzazioni  alla gestione delle stazioni di fecondazione equina naturale o d'inseminazione artificiale (per le procedure di ottenimento delle autorizzazioni vedi la pagina Conoscere le regole per la riproduzione animale

 

Contatti: Settore "Produzioni agricole, vegetali e zootecniche. Promozione"
Gennaro Giliberti - Responsabile del settore tel 055 4383747
e-mail: gennaro.giliberti@regione.toscana.it

referente:
Francesca Cappè - tel 050 8006225
e-mail: francescamaria.cappe@regione.toscana.it

 

La Regione Toscana con la legge regionale n. 80 del 27 dicembre 2012 ha assegnato all'Ente Terre regionali toscane (art. 2 comma 1 lettera e del istitutiva dell'ente stesso) la gestione del parco stalloni regionale, in collaborazione con il settore competente  della direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze della Regione Toscana. I compiti specifici dell'Ente in questa gestione sono:

a) predisporre e gestire l'attività riproduttiva delle razze equine autoctone, definendo annualmente il piano di assegnazione degli stalloni alle stazioni di monta e gestire l'attività del Centro regionale di produzione di sperma di equide (servizio di fecondazione artificiale);

b) acquistare, e/o prendere/concedere in comodato d'uso un adeguato numero di stalloni delle razze di cui al punto 1) idonei dal punto di vista genealogico, morfologico per il mantenimento/incremento del patrimonio delle suddette razze;

c) concedere/dare in cessione a fida stalloni (e nell'ultimo decennio anche asine della razza Amiata) a gestori di stazioni di monta sia singoli che  Enti pubblici, imprese, o consorzi con lo scopo di favorire la riproduzione e contribuire allo sviluppo capillare delle razze autoctone toscane.
 


Ultima modifica: 04/10/2017 08:46:56 - Id: 66432
  • Condividi
  • Condividi